User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Radicalpignolo
    Data Registrazione
    16 Apr 2004
    Località
    www.radicalweb.it
    Messaggi
    18,344
     Likes dati
    13
     Like avuti
    56
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Come avvocato posso dire la mia?

    art. 616 C.P. - Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza:
    Chiunque prende cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa, a lui non diretta, ovvero sottrae o distrae, al fine di prendere o di farne da altri prendere cognizione, una corrispondenza chiusa o aperta, a lui non diretta, ovvero, in tutto o in parte, la distrugge o sopprime, è punito, se il fatto non è preveduto come reato da altra disposizione di legge, con la reclusione fino a un anno o con la multa da € 30,98 a € 516,46.
    Se il colpevole, senza giusta causa, rivela, in tutto o in parte, il contenuto della corrispondenza, è punito, se dal fatto deriva nocumento ed il fatto medesimo non costituisce un più grave reato, con la reclusione fino a tre anni.
    Il delitto è punibile a querela della persona offesa.
    Agli effetti delle disposizioni di questa sezione, per "corrispondenza" si intende quella epistolare, telegrafica, telefonica, informatica o telematica ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza.

    art. 618 C.P. - Rivelazione del contenuto di corrispondenza:
    Chiunque, fuori dei casi preveduti dall'articolo 616, essendo venuto abusivamente a cognizione del contenuto di una corrispondenza a lui non diretta, che doveva rimanere segreta, senza giusta causa lo rivela, in tutto o in parte, è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da € 103,29 a € 516,46.
    Il delitto è punibile a querela.

    E' evidente che i reati ex art. 618 c.p, 615 e 623-bis si riferiscano a comunicazioni " a sè non dirette", quindi a intromissioni nella corrispondenza altrui. Se la comunicazione è "diretta alla persona di chi poi la divulga", i tre reati sopra indicati non possono trovare ambito alcuno di applicazione. Le ipotesi criminose non riguardano una semplice pubblicazione del testo di una mail ma la sua intercettazione più o meno fraudolenta, e queste email non sono state intercettate, ma divulgate dal diretto destinatario.


    La questione, quindi, potrebbe assumere prettamente connotati civilistici, o interessare l'ambito penale solo se concernente "dati personali":

    Legge 22 aprile 1941 n. 633 "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio", CAPO VI "Diritti relativi alla corrispondenza epistolare ed al ritratto", SEZIONE I "Diritti relativi alla corrispondenza epistolare":

    Art. 93
    - Le corrispondenze epistolari, gli epistolari, le memorie familiari e personali e gli altri scritti della medesima natura, allorché abbiano carattere confidenziale o si riferiscano alla intimità della vita privata, non possono essere pubblicati, riprodotti od in qualunque modo portati alla conoscenza del pubblico senza il consenso dell'autore, e trattandosi di corrispondenze epistolari e di epistolari, anche del destinatario.
    - Dopo la morte dell'autore o del destinatario occorre il consenso del coniuge e dei figli, o, in loro mancanza, dei genitori; mancando il coniuge, i figli e i genitori, dei fratelli e delle sorelle, e, in loro mancanza, degli ascendenti e dei discendenti diretti fino al quarto grado.
    - Quando le persone indicate nel comma precedente siano più e vi sia tra loro dissenso decide l'autorità giudiziaria, sentito il pubblico ministero.
    - E' rispettata, in ogni caso, la volontà del defunto quando risulti da scritto.

    Art. 94
    Il consenso indicato all'articolo precedente non è necessario quando la conoscenza dello scritto è richiesta ai fini di un giudizio civile o penale o per esigenza di difesa dell'onore o della reputazione personale o familiare.
    Ai sensi della legge sulla privacy, in ogni caso, le email non si possono pubblicare senza consenso se contengono dati personali e/o riferimenti che consentano ad un lettore di risalire alla personalità dell' altro corrispondente (es. se con l'e-mail viene girato anche l'indirizzo e-maildell'altro partecipante alla comunicazione, o se comunque viene fatto capire in qualche modo chi sia).
    La pubblicazione dei dati personali, infatti, è punita penalmente ex Art. 167 del Codice della Privacy:

    (Trattamento illecito di dati)

    1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarne per sé o per al-tri profitto o di recare ad altri un danno, procede al trattamento di dati personali in vio-lazione di quanto disposto dagli articoli 18, 19, 23, 123, 126 e 130, ovvero in applicazione dell’articolo 129, è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione da sei a diciotto mesi o, se il fatto consiste nella comunicazione o diffusione, con la reclusione da sei a ventiquattro mesi.
    2. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarne per sé o per al-tri profitto o di recare ad altri un danno, procede al trattamento di dati personali in vio-lazione di quanto disposto dagli articoli 17, 20, 21, 22, commi 8 e 11, 25, 26, 27 e 45, è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione da uno a tre
    Qui la situazione è complicata dal fatto che non si tratta di e-mail, ma di messaggi privati (girati tramite e-mail se non ho capito male). Altra complicazione è data dal fatto che con la mera pubblicazione del messaggio privato e del nick del suo autore non si risale ad alcun dato paragonabile ad un indirizzo di posta elettronica e di conseguenza ad una persona reale, ma solo astrattamente ad un nick-name.
    Nel caso di specie i contenuti dei Messaggi privati non potevano essere girati ad altri senza il consenso di Templares se dagli stessi emergevano dati personali, vale a dire dati tali da consentire l'identificazione di chi c'è dietro il nick Templares. Altrimenti credo che la questione debba restare punibile in termini disciplinari all'interno di questo sito, e che non determini conseguenze legali al di fuori dello stesso. Se si trattava di trattative politiche, oltretutto, e non aspetti relativi alla vita privata ( e se comunque non sono stati divulgati dati personali), ci si deve andare ancora più piano

    Nella più totale ignoranza di cosa ci fosse scritto in quei messaggi, io direi comunque di stare tranquilli e di verificare con serenità se possano essere stati commessi reati alla luce di quanto sopra premesso.

    Premetto che non voglio in alcun modo contestare le scelte dell'Amministrazione, che nell'ambito disciplinare è pienamente legittimata a prendere tutte le decisioni che ritiene più opportune. Anzi affermo che l'Amministrazione è anche liberissima di tenere aperto questo thread o di chiuderlo, ma dato che l'argomento è serio forse dovremmo parlarne seriamente. Da giurista mi sembrava doveroso apportare il mio contributo.

    Tanto vi dovevo,
    Avv. Carmelo Impusino , LIBERAMENTE (Magistrato della Corte Costituzionale di Politicainrete - che spero possa sopravvivere a questo ciclone insieme a tutto il Forum - ).
    Ultima modifica di LIBERAMENTE; 06-10-10 alle 20:23
    Dio perdona, LIBERAMENTE senza dubbiamente no.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Leoni in guerra e agnelli pieni di dolcezza nelle nostre case
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    15,424
     Likes dati
    6
     Like avuti
    83
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    8

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    Citazione Originariamente Scritto da LIBERAMENTE Visualizza Messaggio
    E' evidente che i reati ex art. 618 c.p, 615 e 623-bis si riferiscano a comunicazioni " a sè non dirette", quindi a intromissioni nella corrispondenza altrui. Se la comunicazione è "diretta alla persona di chi poi la divulga", i tre reati sopra indicati non possono trovare ambito alcuno di applicazione. Le ipotesi criminose non riguardano una semplice pubblicazione del testo di una mail ma la sua intercettazione più o meno fraudolenta, e queste email non sono state intercettate, ma divulgate dal diretto destinatario.


    La questione, quindi, potrebbe assumere prettamente connotati civilistici, o interessare l'ambito penale solo se concernente "dati personali":



    Ai sensi della legge sulla privacy, in ogni caso, le email non si possono pubblicare senza consenso se contengono dati personali e/o riferimenti che consentano ad un lettore di risalire alla personalità dell' altro corrispondente (es. se con l'e-mail viene girato anche l'indirizzo e-maildell'altro partecipante alla comunicazione, o se comunque viene fatto capire in qualche modo chi sia).
    La pubblicazione dei dati personali, infatti, è punita penalmente ex Art. 167 del Codice della Privacy:



    Qui la situazione è complicata dal fatto che non si tratta di e-mail, ma di messaggi privati (girati tramite e-mail se non ho capito male). Altra complicazione è data dal fatto che con la mera pubblicazione del messaggio privato e del nick del suo autore non si risale ad alcun dato paragonabile ad un indirizzo di posta elettronica e di conseguenza ad una persona reale, ma solo astrattamente ad un nick-name.
    Nel caso di specie i contenuti dei Messaggi privati non potevano essere girati ad altri senza il consenso di Templares se dagli stessi emergevano dati personali, vale a dire dati tali da consentire l'identificazione di chi c'è dietro il nick Templares. Altrimenti credo che la questione debba restare punibile in termini disciplinari all'interno di questo sito, e che non determini conseguenze legali al di fuori dello stesso. Se si trattava di trattative politiche, oltretutto, e non aspetti relativi alla vita privata ( e se comunque non sono stati divulgati dati personali), ci si deve andare ancora più piano

    Nella più totale ignoranza di cosa ci fosse scritto in quei messaggi, io direi comunque di stare tranquilli e di verificare con serenità se possano essere stati commessi reati alla luce di quanto sopra premesso.

    Tanto vi dovevo, l'Avv. Carmelo Impusino, alias Liberamente, Magistrato della Corte Costituzionale di Politicainrete ( che spero possa sopravvivere a questo ciclone insieme a tutto il Forum).
    Per smontarti la difesa, i messaggi tra me e Giò sono stati divulgati da Codino (che non era destinatario degli scritti) ...
    P.S. Dedicassi siffatto studio e impegno ai tuoi clienti saresti ricco

  3. #3
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,767
     Likes dati
    3,474
     Like avuti
    4,270
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    C'è oggettivamente da dire, se come mi sembra di aver capito dalla spiegazione di LIB il nodo è l'autorizzazione, che essa è stata data, e in modo pubblico, in questo post.
    http://forum.politicainrete.net/1508167-post68.html
    Ultima modifica di Defender; 06-10-10 alle 20:26
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  4. #4
    Logiké Latreía
    Data Registrazione
    28 Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,442
     Likes dati
    30
     Like avuti
    660
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    24

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    Ma tra i dati personali non ci sono anche i dati sensibili?

    http://it.wikipedia.org/wiki/Dati_sensibili
    gene normanno

  5. #5
    Radicalpignolo
    Data Registrazione
    16 Apr 2004
    Località
    www.radicalweb.it
    Messaggi
    18,344
     Likes dati
    13
     Like avuti
    56
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    Citazione Originariamente Scritto da Templares Visualizza Messaggio
    Per smontarti la difesa, i messaggi tra me e Giò sono stati divulgati da Codino (che non era destinatario degli scritti) ... Non vado oltre, capirai da te che gli estremi di reato ci sono.
    P.S. Dedicassi siffatto studio e impegno ai tuoi clienti saresti ricco

    Ti invito a leggere meglio il presunto reato che contesti:

    "Chiunque, fuori dei casi preveduti dall'articolo 616, essendo venuto abusivamente a cognizione del contenuto di una corrispondenza a lui non diretta".

    Il nodo è quell' "abusivamente". Se Codino ha ricevuto il messaggio da Giò, o meglio se Giò glielo ha girato, allora Codino non ha commesso proprio alcun reato. Codino, infatti, se Giò gli ha inoltrato la tua email, non è venuto affatto abusivamente a cognizione della corrispondenza. Infatti non l'ha sottratta, non l'ha alterata, non l'ha violata, addirittura gliel'ha girata volontariamente il legittimo destinatario. Ne è venuto a conoscenza in maniera pienamente lecita, senza sottrarla a nessuno, per volontà di chi l'ha ricevuta.
    Il reato non c'è proprio, mi spiace correggerti, ma qui non c'è niente di penalmente rilevante, a meno che non siano stati divulgati tuoi dati personali. Ma questo io proprio non posso saperlo.
    Ti invito, se ciò non è avvenuto, a far restare tutto negli ambiti della tua potestà disciplinare all'interno di questo sito e di evitare riferimenti a profili penalistici o civilistici.
    Ultima modifica di LIBERAMENTE; 06-10-10 alle 20:30
    Dio perdona, LIBERAMENTE senza dubbiamente no.

  6. #6
    Radicalpignolo
    Data Registrazione
    16 Apr 2004
    Località
    www.radicalweb.it
    Messaggi
    18,344
     Likes dati
    13
     Like avuti
    56
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    Citazione Originariamente Scritto da Aganto Visualizza Messaggio
    Ma tra i dati personali non ci sono anche i dati sensibili?

    http://it.wikipedia.org/wiki/Dati_sensibili
    Certamente, sono un tipo particolare di dati personali, meritevoli di particolare tutela. Ma torniamo là, se non sappiamo precisamente cosa è stato divulgato possiamo dire solo cosa prescrivono in via generica le leggi.
    Dio perdona, LIBERAMENTE senza dubbiamente no.

  7. #7
    Leoni in guerra e agnelli pieni di dolcezza nelle nostre case
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    15,424
     Likes dati
    6
     Like avuti
    83
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    8

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    Citazione Originariamente Scritto da Defender Visualizza Messaggio
    C'è oggettivamente da dire, se come mi sembra di aver capito dalla spiegazione di LIB il nodo è l'autorizzazione, che essa è stata data, e in modo pubblico, in questo post.
    http://forum.politicainrete.net/1508167-post68.html
    Quella non e' un'autorizzazione a pubblicare, e' una minaccia a non farlo se sai leggere. Sostanzialmente lo sfidavo pubblicamente per capire dove intendesse arrivare.

  8. #8
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,767
     Likes dati
    3,474
     Like avuti
    4,270
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    Citazione Originariamente Scritto da Templares Visualizza Messaggio
    Quella non e' un'autorizzazione a pubblicare, e' una minaccia a non farlo se sai leggere. Sostanzialmente lo sfidavo pubblicamente per capire dove intendesse arrivare.
    Io leggendolo distrattamente non l'ho interpretato così e non penso che sia una chiara ed esplicita proibizione.
    Ammetto che sostengo questo perché non sono direttamente coinvolto e quindi non ho motivo di soffermarmi ulteriormente.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Feb 2008
    Messaggi
    20,158
     Likes dati
    73
     Like avuti
    4,683
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    non ho capito quello rilevato erano e-mail normali, o ptv del fora?
    Dannato Barone Rosso.

  10. #10
    Leoni in guerra e agnelli pieni di dolcezza nelle nostre case
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    15,424
     Likes dati
    6
     Like avuti
    83
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    8

    Predefinito Rif: Come avvocato posso dire la mia?

    Citazione Originariamente Scritto da morfeo Visualizza Messaggio
    non ho capito quello rilevato erano e-mail normali, o ptv del fora?
    pvt riservati.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Posso dire..
    Di alexeievic nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-02-10, 16:42
  2. posso dire una cosuccia?
    Di Manny nel forum Fondoscala
    Risposte: 52
    Ultimo Messaggio: 31-03-09, 22:45
  3. Posso Dire La Mia?
    Di AvvenireAzzurro nel forum Fondoscala
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 28-11-06, 21:45
  4. Posso dire una cosa?
    Di Alitalia Fan nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 63
    Ultimo Messaggio: 14-03-05, 23:02
  5. posso dire una cosa?
    Di iproscritti nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03-03-05, 11:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •