User Tag List

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34
Risultati da 31 a 35 di 35
  1. #31
    Populista
    Data Registrazione
    20 Oct 2011
    Messaggi
    55,813
     Likes dati
    12,618
     Like avuti
    25,859
    Mentioned
    407 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Re: Uccise l'uomo che l'aveva stuprata: la Cassazione conferma la pena a 14 anni

    Citazione Originariamente Scritto da Wu Wei Visualizza Messaggio
    Era ancora segregata dallo stupratore. Mica era libera e dopo un mese è tornata li per vendicarsi. La colluttazione c'è stata perché lei voleva fuggire.
    Ah ok, non lo sapevo, non avevo letto.
    Spaghetti e pistole

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #32
    Populista
    Data Registrazione
    20 Oct 2011
    Messaggi
    55,813
     Likes dati
    12,618
     Like avuti
    25,859
    Mentioned
    407 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)

    Predefinito Re: Uccise l'uomo che l'aveva stuprata: la Cassazione conferma la pena a 14 anni

    Citazione Originariamente Scritto da Rachel Walling Visualizza Messaggio
    perché lei era ancora li, ha tentato di fuggire e nella colluttazione lo ha accoltellato.
    quindi si è difesa
    Giusto.
    Spaghetti e pistole

  3. #33
    Forumista senior
    Data Registrazione
    14 Jul 2015
    Messaggi
    1,180
     Likes dati
    62
     Like avuti
    726
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Uccise l'uomo che l'aveva stuprata: la Cassazione conferma la pena a 14 anni

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Speranze finite per la 28enne coneglianese Liliana Ordinanza. La Corte di Cassazione ha difatti confermato la condanna a 14 anni e 4 mesi di reclusione, inflittale in precedenza dalla Corte di Appello di Venezia (comunque di cinque anni in meno rispetto a quelli che le erano stati inflitti in primo grado), per l'omicidio di Medhi Chairi, operaio 42enne di Miane, il 17 aprile 2016. La donna, difesa dall'avvocato Monica Nassisi, si è sempre difesa puntando sul fatto che l'accoltellamento fosse avvenuto dopo che l'uomo l'aveva stuprata e segregata, agendo quindi per legittima difesa dopo una nottata trascorsa tra il consumo di alcol e droga.

    «Merita di essere assolta»: così aveva scritto l'avvocato Nassisi nel ricorso in Cassazione. Secondo il legale, infatti, i giudici d’appello, pur riducendo la pena inflitta in primo grado, non avevano adeguatamente valutato gli elementi a favore della legittima difesa. «Le perizie della polizia scientifica -puntualizzava la Nassisi negli scorsi mesi -confermano la versione di Liliana. Dopo lo stupro ha provato a scappare dalla casa di Chairi; a quel punto c’è stata la colluttazione e lei, afferrato un coltello, ha pugnalato a morte il suo aguzzino». In subordine alla richiesta di assoluzione nel ricorso alla Suprema Corte la difesa ha anche puntato a ottenere ulteriori attenuanti rispetto a quelle già riconosciute, così da abbattere ulteriormente la pena, ma gli Ermellini non hanno sentito ragioni e hanno confermato la sentenza d'Appello.


    Uccise l'uomo che l'aveva stuprata: la Cassazione conferma la pena a 14 anni di carcere
    Secondo questo articolo le cose sono andate un po diversamente...

    Ieri si è tenuta l’udienza preliminare di fronte al giudice Angelo Mascolo durante la quale la ventisettenne ha raccontato la sua verità, diversa da quella detta nell’interrogatorio di garanzia, e cosa è accaduto la notte del delitto all’interno dell’appartamento di Miane. In particolare ha detto di non aver subito violenza e di aver avuto un rapporto sessuale consenziente con il marocchino prima di ucciderlo con violenza con un coltello perché, ha detto, lui le avrebbe impedito di uscire di casa. Dopo di che avrebbe rubato anche le chiavi della macchina e sarebbe scappata. Una versione più convincente di quella raccontata in un primo momento quando aveva detto di essere stata violentata e di aver ucciso per difendersi. Il delitto risale ad una domenica di aprile dell’anno scorso in una mansarda di via Roma a Miane. La Ordinanza, di origini salernitane e sulle cui tracce i carabinieri si erano messi alcune ore dopo la scoperta del cadavere di Chairi, in un primo tempo aveva negato di aver ucciso a coltellate l’operaio marocchino ed il fermo che le è costato il carcere era avvenuto dopo un giorno e mezzo scandito da una serie di interrogatori in cui l’indagata, inizialmente accusata solo del furto dell’auto della vittima, era rimasta a piede libero. L’omicidio dell’operaio marocchino è avvenuto all’alba verso le 5.30. È a quell’ora che gli inquilini della casa al civico 39 di via Roma, a Miane, sentono trambusto e grida di un donna provenire dalla mansarda di Chairi. Nessuno ci fa caso ma, dopo che in tarda mattinata viene scoperto l’omicidio, ai carabinieri qualcuno racconta della presenza di una donna, nella notte di domenica, nella casa del delitto. Gli investigatori dirigono le indagini sulla vita privata dell'operaio marocchino ed in particolare sulle sue diverse frequentazioni femminili. È un connazionale della vittima, sentito come testimone domenica pomeriggio, ad indirizzare i carabinieri verso Liliana. La svolta arriva quando l’auto della vittima, un’Alfa 147 nera, sparita dopo l’omicidio dallo spiazzo davanti alla casa di Miane, viene ritrovata in via Verdi, nei pressi della stazione di Conegliano. Un abitante del posto ha visto in faccia chi l’ha posteggiata in zona ed indica Liliana Ordinanza come presunta colpevole. La ragazza viene trovata poco dopo a casa della madre. Ai carabinieri consegna subito le chiavi dell’auto di Chairi, ma nega di averlo assassinato. In caserma, poi, assicura di voler collaborare: «So chi è l'assassino». La giovane ammette di aver trascorso la notte tra sabato e domenica nella casa dell’operaio marocchino e di aver consumato crack assieme alla vittima. Alla mattina, però, in casa è arrivato uno spacciatore marocchino con il quale Chairi ha iniziato a litigare. «Mi sono messa in mezzo a loro per dividerli», dice ai carabinieri. «Poi, però, ho preso le chiavi dell'Alfa 147 nera, e me ne sono andata, lasciandoli litigare». In realtà in quella casa erano soli e, come ha detto la stessa Ordinanza ieri, ha ucciso dopo un rapporto sessuale.

    https://necrologie.tribunatreviso.gelocal.it/news/48223

  4. #34
    ἀναρχία
    Data Registrazione
    07 Jun 2019
    Località
    Pianeta Terra
    Messaggi
    11,254
     Likes dati
    4,076
     Like avuti
    2,498
    Mentioned
    208 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    7

    Predefinito Re: Uccise l'uomo che l'aveva stuprata: la Cassazione conferma la pena a 14 anni

    Ah.
    Se c'è di mezzo il crack tutto può prendere pieghe incredibili.
    Non sapevo questa versione...
    OGNI GERARCHIA È UN INVITO ALLA RIVOLUZIONE

    La malattia è il Covid, il virus è il capitalismo.

    D'ogni legge nemico, e di ogni fede

  5. #35
    Super Troll
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    61,440
     Likes dati
    22,796
     Like avuti
    10,859
    Mentioned
    1017 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Uccise l'uomo che l'aveva stuprata: la Cassazione conferma la pena a 14 anni

    Citazione Originariamente Scritto da gameover71 Visualizza Messaggio
    La vendetta in tal senso è assolutamente comprensibile, a me uno stupra mia figlia ed io lo vado a prendere e lo ammazzo lentamente, facendomelo venire duro mentre ascolto le sue suppliche, ma sta di fatto che una vendetta resta una vendetta, giuridicamemente diversa dalla legittima difesa di quando ti stanno abusando, solo per precisare.
    Stupro con omicidio, posso capire i sentimenti di un genitore, certamente
    Diffidate di tutti coloro nei quali è forte l'istinto di punire! (F. Nietzsche, Così parlo Zarathustra)

 

 
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-12-13, 10:13
  2. Uccise carabiniere, pena ridotta:20 anni
    Di taxydriver nel forum Cronaca
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-09-13, 10:43
  3. Risposte: 121
    Ultimo Messaggio: 30-06-11, 12:14
  4. Sanaa, per il padre che la uccise ci sarà lo sconto di pena
    Di 100% Antikomunista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 123
    Ultimo Messaggio: 06-05-10, 15:51
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-01-05, 12:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •