Uno stato è un monopolista territoriale coercitivo, un'agenzia che può dedicarsi a continue violazioni istituzionalizzate dei diritti di proprietà ed allo sfruttamento dei proprietari privati tramite espropriazione, tassazione, e regolamentazione.

Ma come nascono gli stati? Ci sono due teorie sull'origine degli stati. Una è associata a nomi come Franz Oppenheimer, Alexander Ruestow ed Albert Jay Nock e sostiene che gli stati sono nati come il risultato della conquista militare di un gruppo su un altro. Questa è la teoria dell'origine esogena dello stato.

Ma questa opinione è stata severamente criticata su base storica così come teorica dagli etnografi e dagli antropologi come Wilhelm Muehlmann. Questi critici precisano che non tutti gli stati hanno avuto origine con una conquista esterna. Effettivamente, i critici considerano l'opinione che i primissimi stati siano stati il risultato della conquista da parte di mandriani nomadi sui coltivatori come cronologicamente falsa. Inoltre, questa interpretazione soffre teoricamente del problema che la conquista in sé sembra presupporre un'organizzazione di tipo statuale fra i conquistatori. Quindi, l'origine esogena richiede una teoria più fondamentale dell'origine endogena degli stati.

Una tale teoria è stata presentata da Bertrand de Jouvenel. Secondo il suo punto di vista, gli stati sono la conseguenza delle élite naturali: il risultato naturale delle transazioni volontarie fra i proprietari privati è non-egalitario, gerarchico ed elitista. In ogni società, alcuni individui acquistano la condizione di élite con il talento. Grazie ai loro successi in ricchezza, saggezza e valore, questi individui arrivano a possedere un'autorità naturale, ed i loro pareri e giudizi godono di rispetto diffuso. Inoltre, a causa degli accoppiamenti e matrimoni selettivi, e delle leggi dell'eredità civile e genetica, posizioni di autorità naturale è probabile che si trasmettano all'interno di poche famiglie nobili. È verso queste famiglie con una lunga storia di grandi successi, di lungimiranza, e di condotta personale esemplare che gli uomini si rivolgono con i loro conflitti e reclami. Questi capi dell'élite naturale fungono da giudici e pacificatori, spesso gratis, per il senso del dovere che ci si attende da una persona di autorità o per l'interesse per la giustizia civile intesa come “bene pubblico” privatamente prodotto.

Il piccolo ma decisivo passo nella transizione verso lo stato consiste precisamente nella monopolizzazione della funzione del giudice e del pacificatore. Questo è avvenuto quando un singolo membro dell'élite naturale volontariamente riconosciuta fu in grado di ottenere, malgrado l'opposizione di altri membri dell'élite, che tutti i conflitti all'interno di un territorio specifico venissero portati davanti a lui. Le parti in conflitto non poterono più scegliere un altro giudice o pacificatore.


Origine della monarchia

Una volta che l'origine di uno stato è vista come la conseguenza di un ordine anteriore e gerarchicamente strutturato di élite naturali, diventa chiaro perché l'umanità, fintantoché è stata soggetta ad un governo, è stata sotto la monarchia (piuttosto che la democrazia) per la maggior parte della sua storia. Ci sono stati eccezioni, naturalmente: la democrazia ateniese, Roma fino al 31 BC, le repubbliche di Venezia, Firenze e Genova durante il Rinascimento, i cantoni svizzeri dal 1291, le Province Unite (Paesi Bassi) a partire dal 1648 fino al 1673 e l'Inghilterra sotto Cromwell. Ma si trattava di avvenimenti rari e nessuno di loro assomigliava lontanamente ai sistemi democratici moderni, un-uomo-un-voto. Piuttosto, anch'esse erano altamente elitiste. Ad Atene, per esempio, niente più del 5% della popolazione votava ed era eleggibile per le posizioni di comando. Solo dopo la fine della Prima Guerra Mondiale l'umanità abbandonò veramente l'era monarchica.


Il potere monopolizzato

Dal momento in cui un singolo membro dell'élite naturale riuscì a monopolizzare la funzione di giudice e pacificatore, la legge e l'applicazione di legge sono diventate più costose. Invece di essere offerte gratis o in cambio di un pagamento volontario, sono finanziate con la tassazione obbligatoria. Allo stesso tempo, la qualità della legge si è deteriorata. Invece di sostenere le antiche leggi della proprietà privata ed applicare i principi universali ed invariabili della giustizia, un giudice monopolistico, che non deve temere di perdere i clienti come risultato dell'essere meno che imparziale, pervertirà la legge attuale a suo proprio vantaggio.

Come è stato possibile questo piccolo ma decisivo passo della monopolizzazione della legge e dell'ordine da parte di un re, che com'era prevedibile ha condotto a prezzi più elevati e ad una qualità inferiore della giustizia? Certamente, altri membri dell'élite naturale si sarebbero opposti a qualsiasi simile tentativo. Tuttavia ecco perché gli eventuali re si sono allineati tipicamente con “la gente” o “l'uomo comune.” Facendo appello al sentimento sempre popolare dell'invidia, i re hanno promesso alla gente una giustizia migliore e meno costosa in cambio e a carico della tassazione dei loro uomini migliori (i competitori del re) riducendone la dimensione. In secondo luogo, i re hanno chiamato in aiuto la classe degli intellettuali.


Il ruolo degli intellettuali

Ci si poteva aspettare che la domanda di servizi intellettuali sarebbe cresciuta con l'aumento della qualità della vita. Tuttavia, la maggior parte delle persone si preoccupa di affari piuttosto terreni e mondani e fa scarso uso delle attività intellettuali. Oltre alla Chiesa, le uniche persone con una domanda dei servizi degli intellettuali erano membri dell'élite naturale – come insegnanti per i loro bambini, consiglieri personali, segretari e bibliotecari. L'occupazione per gli intellettuali era rischiosa e la paga generalmente bassa. Ancora, mentre i membri dell'élite naturale erano solo raramente essi stessi intellettuali (cioè, persone che spendono tutto il loro tempo in occupazioni da studioso), ma erano invece persone interessate del comportamento delle imprese terrene, erano in genere intelligenti almeno quanto i loro impiegati intellettuali, così che la stima per i successi dei “loro” intellettuali era piuttosto modesta.

Non sorprende, quindi, che gli intellettuali, soffrendo di un'immagine di sé notevolmente gonfiata, si risentissero di questo fatto. Quanto era ingiusto che quelli – le élite naturali – a cui loro insegnavano, fossero realmente i loro superiori e conducessero una vita comoda mentre loro – gli intellettuali – erano comparativamente poveri e dipendenti. Non desta inoltre meraviglia che gli intellettuali potessero essere conquistati facilmente da un re nel suo tentativo di stabilirsi come monopolista della giustizia. In cambio della loro giustificazione ideologica del governo monarchico, il re poteva non solo offrir loro un'occupazione migliore e di condizione più elevata, ma come intellettuali della corte reale potevano finalmente far pagare alle élite naturali la loro mancanza di rispetto.

Eppure, il miglioramento della posizione della classe intellettuale fu soltanto moderato. Sotto un governo monarchico, c'era una distinzione definita fra il governante (il re) ed il governato, ed il governato sapeva che non avrebbe potuto mai trasformarsi in governante. Di conseguenza, c'era una considerevole resistenza non solo delle élite naturali ma anche della gente comune contro qualsiasi aumento nel potere del re. Era così estremamente difficile per il re riscuotere le tasse e le possibilità d'impiego per gli intellettuali rimanevano altamente limitate. In più, una volta ben trincerato, il re non curava molto meglio i suoi intellettuali di quanto facessero le élite naturali. E dato che un re controllava territori molto più grandi di quanto avessero fatto mai le élite naturali, perdere il suo favore era ancora più pericoloso, e ciò rese la posizione degli intellettuali per alcuni versi più precaria.

Un'ispezione delle biografie dei principali intellettuali – da Shakespeare a Goethe, da Cartesio a Locke, da Marx a Spencer – mostra più o meno lo stesso modello: fino a gran parte del diciannovesimo secolo, il loro lavoro era patrocinato da donatori privati, da membri dell'élite naturale, da principi, o da re. Conquistando o perdendo il favore dei loro garanti, cambiavano di frequente occupazione ed erano geograficamente molto mobili. Se da un lato questo significava spesso insicurezza finanziaria, ha contribuito non solo ad un cosmopolitismo unico degli intellettuali (come indicato dalla loro competenza nelle numerose lingue), ma anche ad un'insolita indipendenza intellettuale. Se un donatore o garante non li sosteneva più, ne esistevano molti altri che avrebbero colmato felicemente la lacuna. In effetti, la vita intellettuale e culturale fioriva maggiormente, e più grande era l'indipendenza degli intellettuali, dove la posizione del re o dell'amministrazione centrale era relativamente debole e quella delle élite naturali era rimasta relativamente forte.


L'ascesa della democrazia

Un cambiamento fondamentale nel rapporto fra lo stato, le élite naturali e gli intellettuali si è avuto soltanto con la transizione dalla monarchia alla democrazia. Fu il prezzo inflazionato della giustizia e le perversioni della legge antica da parte dei re come giudici e pacificatori monopolistici a motivare l'opposizione storica contro la monarchia. Ma, quanto alle cause di questo fenomeno, la confusione è prevalsa. Ci furono coloro che riconobbero correttamente che il problema era nel monopolio, non nelle élite o nella nobiltà. Tuttavia, sono stati largamente superati nel numero da coloro che incolparono erroneamente il carattere elitista del governo per il problema e che sostennero il mantenimento del monopolio della legge e della sua applicazione e la semplice sostituzione del re e dello sfoggio reale altamente visibile con il “popolo” e la presunta decenza dell'“uomo comune.” Da qui il successo storico della democrazia.

È molto ironico che il monarchismo si sia distrutto con le stesse forze sociali che i re in primo luogo avevano stimolato ed arruolato quando cominciarono ad escludere le autorità naturali concorrenti dalla funzione di giudice: l'invidia degli uomini comuni contro i migliori ed il desiderio degli intellettuali per il loro presunto posto meritato nella società. Quando le promesse del re di e giustizia migliore e meno costosa risultarono essere vuote, gli intellettuali rivoltarono i sentimenti egalitari che i re precedentemente avevano sollecitato contro gli stessi governanti monarchici. Di conseguenza, sembrò logico che anche i re dovessero essere abbattuti, e che le politiche egalitarie, che i monarchi avevano iniziato, dovessero essere portate alla loro ultima conclusione: il controllo monopolistico dell'ordinamento giudiziario da parte dell'uomo comune. Degli intellettuali, questo intendevano loro, come portavoci del popolo.

Come l'elementare teoria economica poteva prevedere, con la transizione dal governo monarchico a quello democratico di un-uomo-un-voto e con la sostituzione del re con il popolo, la situazione si è aggravata. Il prezzo della giustizia è aumentato astronomicamente mentre la qualità della legge si è deteriorata in modo costante. Perché questa transizione si è rivelata essere la sostituzione di un sistema di proprietà privata del governo – un monopolio privato – con un sistema di proprietà pubblica del governo – un monopolio pubblico.

Una “tragedia dei comuni” era stata generata. Tutti, non solo il re, erano ora autorizzati a tentare di arraffare ogni proprietà privata altrui. Le conseguenze sono state un maggiore sfruttamento del governo (tasse); il deterioramento della legge al punto che l'idea di un corpo di principi universali ed invariabili di giustizia è scomparsa ed è stata sostituita dall'idea della legge come legislazione (legge fatta, piuttosto che trovata e “eternamente data”); e un aumento nel tasso sociale di preferenza temporale (orientamento al presente aumentato).

Un re possedeva il territorio e poteva passarlo al proprio figlio, e provava così a conservarne il valore. Un governante democratico era ed è un guardiano provvisorio e tenta così di massimizzare ogni tipo di reddito del governo corrente a scapito dei valori capitali, e così spreca.

Ecco alcune delle conseguenze: durante l'era monarchica prima della Prima Guerra Mondiale, la spesa pubblica come percentuale del PIL era raramente superiore al 5%. Da allora è arrivata tipicamente intorno al 50%. Prima della Prima Guerra Mondiale, l'occupazione statale era tipicamente meno del 3% dell'occupazione totale. Da allora è aumentata fra il 15 e il 20%. L'era monarchica è stata caratterizzata dalla moneta merce (oro) ed il potere di acquisto del denaro aumentava gradualmente. In contrasto, l'era democratica è l'era dei soldi di carta il cui potere di acquisto è permanentemente diminuito.

I re si indebitavano sempre di più, ma almeno durante il tempo di pace riducevano caratteristicamente il loro carico di debito. Durante l'era del governo democratico il debito è aumentato in guerra e in pace ad altezze incredibili. I tassi di interesse reale durante l'era monarchica scendevano gradualmente intorno al 2½ %. Da allora, i tassi di interesse reale (tassi nominali aggiustati sull'inflazione) sono stati in rialzo fino a intorno il 5% – come i tassi del XV secolo. La legislazione virtualmente non è esistita fino alla fine del diciannovesimo secolo. Oggi, durante un singolo anno, decine di migliaia di leggi e regolamenti vengono approvati. I tassi di risparmio stanno diminuendo invece di aumentare con l'aumento dei redditi e gli indicatori della disintegrazione della famiglia e del crimine si stanno muovendo costantemente verso l'alto.


Il destino delle élite naturali

Mentre lo stato è andato molto meglio sotto il sistema democratico, e mentre il “popolo” è andato molto peggio da quando hanno cominciato “essi stessi” a governare, che cosa è successo alle élite naturali ed agli intellettuali? Per quanto riguarda le prime, la democratizzazione è riuscita laddove i re fecero soltanto un modesto inizio: nella distruzione dell'élite e della nobiltà naturali. Le fortune delle grandi famiglie sono state dissipate con la confisca delle tasse, durante la vita ed al momento della morte. La tradizione di queste famiglie di indipendenza economica, la lungimiranza intellettuale e la direzione morale e spirituale sono state perse e dimenticate.

Esistono anche oggi gli uomini ricchi, ma più frequentemente che no devono direttamente o indirettamente le loro fortune allo stato. Quindi, dipendono spesso dai continui favori dello stato di molte persone di ricchezza molto minore. Non sono più in genere i capi di importanti famiglie da lunga data, ma “nuovi ricchi.” Il loro comportamento non è caratterizzato da virtù, saggezza, dignità, o dal gusto, ma è una riflessione della stessa cultura di massa proletaria orientata al presente, dell'opportunismo e dell'edonismo che i ricchi e famosi ora condividono con tutti gli altri. Di conseguenza - e grazie al cielo – i loro pareri non hanno maggior peso nell'opinione pubblica di quelli della maggior parte dell'altra gente.

La democrazia ha realizzato quello che Keynes aveva soltanto sognato: “l'eutanasia della classe della classe redditiera.” La dichiarazione di Keynes che “a lungo termine saremo tutti morti” esprime lo spirito democratico del nostro periodo: edonismo orientato al presente. Anche se è perverso non pensare oltre la propria vita, tale pensiero è diventato tipico. Invece di nobilitare i proletari, la democrazia ha proletarizzato le élite e ha pervertito sistematicamente il pensiero ed il giudizio delle masse.


Il destino degli intellettuali

Dall'altro lato, mentre le élite naturali venivano distrutte, gli intellettuali hanno guadagnato una posizione più prominente e più potente nella società. Effettivamente, in larga misura hanno realizzato il loro obiettivo e si sono trasformati nella classe dirigente, controllando lo stato e funzionando come giudice monopolistico.

Questo non vuol dire che i politici democratico scelti sono tutti intellettuali (anche se ci sono al giorno d'oggi certamente più intellettuali che diventano presidenti di quanti ce ne furono che diventarono re.) Dopo tutto, essere un intellettuale richiede abilità e talenti in qualche modo diversi da quelli necessari per affascinare le masse ed essere un raccoglitore di fondi di successo. Ma persino i non-intellettuali sono i prodotti dell'indottrinamento delle scuole finanziate dalle tasse, delle università e degli intellettuali occupati nel pubblico, e quasi tutti i loro consiglieri arrivano da questo ambiente.

Non ci sono quasi economisti, filosofi, storici, o teorici sociali di rango occupati privatamente dai membri dell'élite naturale. E quei pochi della vecchia élite che rimangono e che potrebbero comprare i loro servizi non possono più permettersi finanziariamente gli intellettuali. Invece, gli intellettuali sono ora in genere impiegati pubblici, anche se lavorano per istituzioni o fondazioni nominalmente private. Quasi completamente protetti dal capriccio della domanda dei consumatori (“impiegato di ruolo”), il loro numero è aumentato drammaticamente e la loro compensazione è in media molto al di sopra del loro genuino valore di mercato. Allo stesso tempo la qualità della loro produzione intellettuale è calata costantemente.

Quello che scoprirete è principalmente irrilevanza ed incomprensibilità. Peggio, quando l'attuale produzione intellettuale è del tutto rilevante e comprensibile, è viziosamente statalista. Ci sono eccezioni, ma se praticamente tutti gli intellettuali sono occupati nelle molteplici ramificazioni dello stato, non dovrebbe sorprendere che la maggior parte della loro sempre più voluminosa produzione sia, per commissione o per omissione, propaganda statalista. Ci sono in giro oggi più propagandisti del sistema democratico di quanti ce ne siano stati del sistema monarchico in tutta la storia dell'umanità.

Questa spinta apparentemente inarrestabile verso lo statalismo è illustrata dal destino della cosiddetta Scuola di Chicago: Milton Friedman, i suoi predecessori, e i suoi seguaci. Negli anni 30 e 40, la Scuola di Chicago era ancora considerata di sinistra, e giustamente, considerando che Friedman, per esempio, sosteneva la necessità di una banca centrale e dei soldi di carta al posto della parità aurea. Sottoscrisse con entusiasmo il principio dello stato sociale con la sua proposta di un reddito minimo garantito (imposta negativa sul reddito) al quale non poté fissare un limite. Sostenne l'imposta progressiva sul reddito per realizzare i suoi obiettivi esplicitamente egalitari (e aiutò personalmente ad implementare la ritenuta d'acconto). Friedman appoggiò l'idea che lo stato potesse imporre delle tasse per finanziare la produzione di tutte le merci che avessero un effetto ambientale positivo o che egli pensava lo avessero. Ciò implica, naturalmente, che non c'è quasi niente che lo stato non possa finanziare con le tasse!

In più, Friedman ed i suoi seguaci erano fautori della più superficiale di tutte le filosofie superficiali: il relativismo etico ed epistemologico. Non esistono verità morali definitive e tutta la nostra conoscenza effettiva e empirica è, nel migliore dei casi, solo ipoteticamente vera. Tuttavia non hanno mai dubitato che ci debba essere uno stato e che lo stato debba essere democratico.

Oggi, mezzo secolo dopo, la Scuola di Chicago e di Friedman, senza essenzialmente aver cambiato alcuna delle sue posizioni, è considerata di destra ed a favore del libero mercato. In effetti, la scuola costituisce il limite ultimo dell'opinione rispettabile nella destra politica, che soltanto gli estremisti attraversano. Tale è la dimensione del cambiamento nell'opinione pubblica che gli impiegati pubblici hanno determinato.

Considerate altri indicatori della deformazione statalista determinata dagli intellettuali. Se diamo uno sguardo alle statistiche elettorali, generalmente troveremo la seguente immagine: più tempo una persona passa negli istituti scolastici, qualcuno con una laurea, per esempio, rispetto a qualcuno con soltanto un diploma, più è probabile che questa persona sia ideologicamente statalista e voti democratico. Inoltre, maggiore la quantità di tasse usate per finanziare l'educazione, più in basso cadranno i risultati del SAT [test attitudinale scolastico, NdT] e di altre simili misure della prestazione intellettuale, e sospetto che ancora di più declineranno gli standard tradizionali di condotta morale e di comportamento civile.

Oppure considerate il seguente indicatore: nel 1994 è stata chiamata una “rivoluzione,” ed il Presidente della Camera, Newt Gingrich, è stato chiamato un “rivoluzionario,” quando appoggiò il New Deal e la previdenza sociale, ed elogiò la legislazione sui diritti civili, in altre parole la discriminazione positiva e l'integrazione forzata che è responsabile della distruzione quasi totale dei diritti della proprietà privata, e dell'erosione della libertà di contratto, di associazione e dissociazione. Che razza di rivoluzione è quella in cui i rivoluzionari hanno accettato di tutto cuore le premesse stataliste causa dell'attuale disastro? Ovviamente, questa può essere identificata come rivoluzione soltanto in un ambiente intellettuale inerentemente statalista.


Storia & idee

La situazione sembra disperata, ma non è così. In primo luogo, deve essere riconosciuto che tale situazione difficilmente può continuare per sempre. L'era democratica non può affatto essere “la fine della storia,” come i neoconservatori ci vogliono far credere, dal momento che c'è anche un lato economico del processo.

Gli interventi sul mercato causeranno inevitabilmente più problemi di quelli che si suppone debbano curare, il che conduce a sempre più controlli e regolamentazioni finché, alla fine, non avremo raggiunto il socialismo completo. Se la tendenza attuale continua, si può prevedere sicuramente che gli stati sociali democratici occidentali sprofonderanno come ha fatto la “repubblica popolare” dell'est verso la fine degli anni 80. Per decenni, i redditi reali nell'occidente hanno ristagnato o sono persino calati. Il debito di governo ed il costo dei programmi di “sicurezza sociale” ci hanno portato sull'orlo della dissoluzione economica. Allo stesso tempo, il conflitto sociale è aumentato a livelli pericolosi.

Forse si dovrà aspettare un crollo economico prima che la corrente tendenza statalista cambi. Ma anche nel caso di un crollo, è necessario qualcosa di diverso. Un collasso non provocherebbe automaticamente una riduzione dello stato. I problemi potrebbero aggravarsi.

Infatti, nella recente storia occidentale, ci sono soltanto due casi definiti dove i poteri dell'amministrazione centrale sono stati realmente ridotti, anche se soltanto temporaneamente, come risultato di una catastrofe: nella Germania Occidentale dopo la Seconda Guerra Mondiale sotto Ludwig Erhard, e nel Cile sotto il generale Pinochet. Ad essere necessarie, oltre ad una crisi, sono le idee – idee corrette – ed uomini capaci di comprenderle e di attuarle quando l'occasione si presenta.

Ma se il corso della storia non è inevitabile (e non lo è) allora una catastrofe non è né necessaria né inevitabile. Alla fine, il corso della storia è determinato dalle idee, che siano vere o false, e dall'uomo che agisce ispirato da idee vere o false. Solo quando le idee false governano la catastrofe è inevitabile. D'altra parte, una volta che le idee corrette sono state adottate e prevalgono nell'opinione pubblica – e le idee possono, in linea di principio, essere cambiate quasi istantaneamente – la catastrofe non dovrà affatto accadere.


Il ruolo degli intellettuali

Questo mi porta al ruolo che gli intellettuali devono assumersi nel necessario cambiamento radicale e fondamentale dell'opinione pubblica ed il ruolo che anche i membri delle élite naturali, o di chiunque sia rimasto di esse, dovranno giocare. Le richieste per entrambi i lati sono grandi, tuttavia, per quanto grandi possano essere, per impedire una catastrofe o per uscirne con successo, queste richieste dovranno essere accettate da entrambi come loro dovere naturale.

Anche se la maggior parte degli intellettuali sono stati corrotti e sono in gran parte responsabili delle attuali perversità, realizzare una rivoluzione ideologica senza il loro aiuto è impossibile. Il governo degli intellettuali pubblici può essere abbattuto soltanto da intellettuali anti-intellettuali. Fortunatamente, le idee della libertà individuale, la proprietà privata, la libertà di contratto e di associazione, la responsabilità personale e l'idea che il potere di governo sia il principale nemico della libertà e della proprietà, non moriranno finché esiste una razza umana, semplicemente perché sono vere e la verità si autosostiene. Ancora, i libri dei pensatori del passato che espressero queste idee non scompariranno. Tuttavia, è anche necessario che ci siano pensatori viventi che leggono tali libri e che possono ricordare, riesporre, riapplicare, migliorare e diffondere queste idee e che siano capaci e desiderosi di dar loro voce e di opporre apertamente, attaccare e confutare i loro colleghi intellettuali.

Di questi due requisiti – competenza intellettuale e carattere – il secondo è il più importante, particolarmente in questo momento. Da un punto di vista puramente intellettuale, la questione è comparativamente facile. La maggior parte degli argomenti statalisti che ascoltiamo ogni giorno che passa sono facilmente confutate come assurdità economiche più o meno grandi. Non è inoltre raro incontrare degli intellettuali che in privato non credono a ciò che affermano con grande fanfara in pubblico. Non è che sbaglino. Deliberatamente dicono e scrivono cose che sanno essere false. Non mancano di intelletto; mancano di morale. Ciò a sua volta implica che si debba essere preparati a combattere non solo la falsità ma anche la malvagità – e questa è un'operazione molto più difficile e più audace. Oltre ad una migliore conoscenza, richiede coraggio.

Come intellettuale anti-intellettuale, ci si può attendere delle bustarelle – ed è stupefacente quanto facilmente qualche persona possa venir corrotta: poche centinaia di dollari, un viaggio piacevole, una foto con il grande e potente sono tutte cose troppo spesso sufficienti per convincere la gente a vendersi. Tali tentazioni devono essere rifiutate come spregevoli. Inoltre, nel combattere la malvagità, si deve essere disposti ad accettare di non aver probabilmente mai “successo.” Non ci sono ricchezze in serbo, nessuna magnifica promozione, nessun prestigio professionale. In effetti, la “fama” intellettuale dovrebbe essere considerata con il massimo sospetto.

Effettivamente, uno non solo deve accettare di essere emarginato dall'istituzione accademica, ma si dovrà aspettare che i colleghi tentino quasi qualsiasi cosa per rovinarlo. Guardate soltanto Ludwig von Mises e Murray N. Rothbard. I due più grandi economisti e filosofi sociali del ventesimo secolo furono entrambi essenzialmente inaccettabili ed non impiegabili per l'istituzione accademica. Tuttavia durante le loro vite, non hanno ceduto mai, neanche di un centimetro. Mai hanno perso la loro dignità né hanno ceduto al pessimismo. Al contrario, di fronte ad una costante avversità, sono rimasti imperterriti e perfino allegri, e hanno lavorato ad un livello di rendimento sbalorditivo. Erano soddisfatti di essere votati alla verità e nient'altro che la verità.


Il ruolo delle élite naturali

Ed è qui che ciò che resta delle élite naturali entra in gioco. I veri intellettuali, come Mises e Rothbard, non possono fare quello che devono fare senza le élite naturali. Malgrado tutti gli ostacoli, fu possibile per Mises e Rothbard di essere ascoltati. Non sono stati condannati a tacere. Hanno comunque insegnato e pubblicato. Hanno comunque parlato al pubblico ed hanno ispirato la gente con la loro comprensione e le loro idee. Questo non sarebbe stato possibile senza il supporto di altri. Mises ebbe Lawrence Fertig ed il fondo di William Volker, che pagarono il suo stipendio alla NYU, e Rothbard ebbe il Ludwig von Mises Institute, che lo sostenne, lo aiutò a pubblicare ed a promuovere i suoi libri, e procurò la struttura istituzionale che gli permise di dire e scrivere ciò che era necessario dire e scrivere, e che non può più essere detto e scritto all'interno delle accademie e dei media ufficiali dello stato.

Una volta, nell'era pre-democratica, quando lo spirito di egalitarismo non aveva ancora distrutto la maggior parte degli uomini dalla ricchezza indipendente e dalle menti e giudizi indipendenti, questa opera di appoggio degli intellettuali impopolari era svolta dagli individui. Ma chi può al giorno d'oggi permettersi, senza aiuto, di occupare privatamente un intellettuale, come suo segretario, consigliere, o insegnante personale dei suoi bambini? E coloro che ancora possono spesso sono profondamente coinvolti nella sempre più corrotta alleanza governo-mondo finanziario, e promuovono gli stessi intellettuali cretini che dominano le accademie stataliste. Pensate solo a Rockefeller ed a Kissinger, per esempio.

Di conseguenza, l'opera di sostenere e di mantenere vive le verità della proprietà privata, della libertà di contratto e di associazione e dissociazione, della responsabilità personale e del combattere le falsità, le menzogne e la malvagità dello statalismo, del relativismo, della corruzione morale e dell'irresponsabilità, al giorno d'oggi può essere intrapresa soltanto collettivamente riunendo le risorse e sostenendo organizzazioni come l'Istituto Mises, un'organizzazione indipendente dedicata ai valori di fondo della civiltà occidentale, intransigente e lontana persino fisicamente dai corridoi del potere. Il suo programma di borse di studio, di insegnamento, di pubblicazioni e di congressi non è niente di meno che un'isola di decenza morale ed intellettuale in un mare di perversione.

Si può essere certi che il primo obbligo di ogni persona rispettabile è verso sé stesso e la propria famiglia. Dovrebbe – nel mercato libero – guadagnare tutto il denaro che può, perché più denaro guadagna, più benefici ha procurato al suo prossimo.

Ma questo non è abbastanza. Un intellettuale deve essere dedicato alla verità, che paghi o meno a breve scadenza. Similmente, l'élite naturale ha degli obblighi che si estendono molto al di là delle loro persone e delle loro famiglie.

Più avranno successo come uomini d'affari e professionisti e più gli altri li riconosceranno come riusciti, più importante è che siano d'esempio: che si sforzino di vivere ai più alti livelli di condotta etica. Questo significa accettare il loro dovere, effettivamente come loro nobile dovere, di sostenere apertamente, orgogliosamente e tanto generosamente quanto gli è possibile i valori che hanno riconosciuto come veri e giusti.

Riceveranno in cambio ispirazione, nutrimento e forza intellettuali, così come la conoscenza che il loro nome vivrà per sempre come il nome di individui eccezionali che si sono elevati al di sopra delle masse ed hanno dato un durevole contributo all'umanità.

Il Ludwig von Mises Institute può essere una potente istituzione, un modello per il ripristino del genuino apprendimento, e una vicina università di insegnamento e di sostegno. Anche se non vedremo trionfare le nostre idee durante il corso della nostra vita, sapremo e saremo eternamente fieri di aver dato tutto il possibile, e di aver fatto quello che ogni persona onesta e nobile dovrebbe fare.

La Voce del Gongoro: Le élite naturali, gli intellettuali e lo Stato