User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lo Stato visibile e lo Stato invisibile

    Non c'è stato senza guerra, non c'è guerra senza stato. Perché è la guerra il coronamento di tutte le attività statali, il suo sbocco logico e inevitabile: il girone infernale in cui lo stato accresce a dismisura il suo potere. Ma proprio per questo, la guerra è anche la più grande occasione per comprendere la realtà del potere, per risvegliarsi alla spiacevole verità che tutto ciò che lo stato fa non è certo per il nostro bene, e che per continuare a farlo è necessario mantenere le masse nell'illusione.

    Per questo l'immagine della guerra viene nascosta, filtrata, truccata come una vecchia baldracca per ingannare i nostri sensi. Lo stato ci vuole schiavi, e per riuscire nel suo intento deve prima renderci ciechi. Un grande articolo di Lew Rockwell.
    ___________________________

    Di Llewellyn H. Rockwell, Jr.


    È di Frédéric Bastiat la famosa osservazione che lo stato ci costa in modi che possiamo vedere ed in altri che non vediamo. Gli economisti tendono a concentrarsi sul secondo tipo perché elude la percezione pubblica. Quali invenzioni ci sono negate a causa delle regolamentazioni? Che cosa potrebbe essere fatto con le risorse che sono state deviate nelle tasse o nei prezzi più cari dovuti al protezionismo? Le risposte dimostrano che, a causa dell'intervento, stiamo peggio di quanto pensiamo.

    A volte, tuttavia, dovremmo anche esaminare i costi potenzialmente visibili dello stato, se non altro perché lo stato non vuole che vediamo neanche quelli. Si tratta delle distruzioni dirette causate da alcune attività dello stato, in particolare dalla guerra. Vedere la guerra nelle fotografie cambia le cose. Ci induce a guardare la guerra dello stato e quello che fa alla gente: a noi e a loro.

    Ecco perchè lo stato non vuole che le immagini di americani morti o feriti circolino in pubblico. I media, per la maggior parte, obbedicono. L'avete mai notato? Vi viene mostrato solo ciò che il governo vuole che vediate. Lo stato non vuole che vediate soldati morti o famiglie dei caduti che soffrono.

    Invece lo stato vuole che crediate che la guerra in Iraq sia patriottismo, 9/11, orgoglio nazionale, una campagna per rendervi più sicuri, amministrazione della giustizia, virilità e coraggio e tutte le altre coperture per cos'è la guerra realmente: omicidio e distruzione pagati da voi e me e resi legali solamente perché è lo stato e non qualcun altro a farla.

    Prendete l'immagine di un soldato morto, o di un bambino di una famiglia irachena uccisa, pubblicatela sul vostro blog e cosa accade? Il giornalista e fotografo Zoriah Miller lo ha scoperto. È stato cacciato via dal suo “embed,” che è il nome dato al gruppo di giornalisti a cui è consentito di viaggiare con un gruppo di soldati e riportare quello che al comando vogliono riportato. In seguito, gli è stato proibito di viaggiare in qualsiasi regione irachena presidiata dai Marine. Il comando militare ha cercato di cacciarlo via definitivamente dal paese.

    Sì, tutto sembra molto premoderno e primitivo, e contrario ad ogni nostra devozione per il flusso libero delle informazioni: il primo emendamento e tutto il resto. Ma dal punto di vista del governo, sta conducendo una guerra e deve controllare quello che la gente conosce a questo proposito nella stessa misura in cui controlla tutto ciò che riguarda la guerra. Di conseguenza, dopo 4.000 soldati morti, innumerevoli centinaia di migliaia di morti iracheni, milioni di feriti da ogni lato, si può trovare soltanto una manciata di immagini sanguinolente.

    Non è stupefacente, quanto lo stato possa realmente essere efficace quando si preoccupa intensamente per qualcosa? E perché si preoccupa così tanto? Un motivo, dicono, è che le foto forniscono al nemico informazioni sull'efficacia del loro attacco e della risposta. In effetti, questo è come affermare che qualsiasi cosa diversa dalla propaganda approvata sia sovversione e tradimento. Comunque, possiamo essere dannatamente sicuri che quando il nemico colpisce, il nemico lo sa.

    Un altro proclama – e in realtà dicono la stessa cosa dalla Prima Guerra Mondiale ad oggi – il loro interesse principale è di proteggere le famiglie dei morti dallo shock, dalla violazione della privacy e dall'umiliazione. Forse questo può suonare plausibile, ma un altro punto di vista è che lo stato è soprattutto interessato nella continua promozione del mito per cui questi ragazzi stanno morendo per il loro paese, e non c'è gente più importante da convincere dei genitori dei morti.

    Ma realmente, soltanto i più naïf potrebbero possibilmente credere che questa sia la vera ragione delle regole. Vogliono proteggere il resto di noi dalla realtà. La guerra del Vietnam ha perso il massiccio supporto nel paese quando i militari hanno allentato la stretta sul fotogiornalismo. Le poche immagini che abbiamo della Seconda Guerra Mondiale datano tutte a partire da un periodo dopo che FDR si era ugualmente piegato alla pressione pubblica.

    Ad un livello, è patetico che abbiamo bisogno delle immagini per sottolineare cosa sia la guerra. Ma dal mondo antico, le masse nel loro insieme si sono dimostrate suscettibili a credere ad ogni mito sulla grandiosità e la gloria della guerra. Immaginiamo che noi come popolo stiamo andando all'estero a portare la giustizia, la verità e la libertà ad una certa tribù straniera ottenebrata e minacciosa. Questo è stato il tema costante dal mondo antico.

    Poi vediamo le immagini. Ne viene fuori che la tribù ottenebrata è un insieme di individui praticamente come noi. Sono fatti di carne e di anima, hanno famiglie, adorano Dio e lottano con praticamente gli stessi problemi con cui tutti i popoli, dovunque, hanno da sempre lottato. Non è una grande gloria ucciderli, né esserne uccisi.

    Ma lo stato dice che a volte la guerra è necessaria. Se i nostri padroni realmente lo credono, perché ne nascondono i costi? Facciamo attenzione a questo. Se è giustificata, fateci vedere perché e come e fateci vedere cosa stiamo pagando in cambio della giusta guerra.

    La verità è che lo stato deve nascondere non solo le sue guerre, ma tutte le sue attività. Nasconde la sua inflazione. Nasconde gli effetti delle sue tasse e del suo protezionismo. Teme chiunque tracci il collegamento di causa e effetto fra le sue attività e le loro conseguenze deleterie per il resto di noi. È la forza più distruttiva nel nostro mondo. Poiché questa verità è così importante, lo stato fa tutto il possibile per nascondere la più piccola goccia di sangue.

    Lo stato vuole che tutti noi tiriamo avanti con le nostre vite, credendogli, amandolo e vedendo soltanto le immagini che vuole farci vedere.
    ___________________________


    Llewellyn H. Rockwell, Jr. è presidente del Ludwig von Mises Institute ad Auburn, in Alabama, editore di LewRockwell.com, e autore di Speaking of Liberty. Vedi il suo archivio su Mises.org. Mandagli una mail. Commenta sul blog.

    http://gongoro.blogspot.com/2008/07/...nvisibile.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il commerciante ed il guerriero sono stati antagonisti per tutto l’arco della storia. Il commercio non fiorisce dai campi di battaglia, le fabbriche non producono durante i bombardamenti e i profitti non nascono dalle rovine. — Ayn Rand




  3. #3
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vera solo in parte questa frase, basti pensare alle'conomia di guerra e ai profitti che fanno alcuni....

  4. #4
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rochefoucauld Visualizza Messaggio
    Vera solo in parte questa frase, basti pensare alle'conomia di guerra e ai profitti che fanno alcuni....
    Si, ma le armi si usano per difendersi, non per invadere. Quindi il mercante d'armi per me è un indifendibile da difendere.

  5. #5
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Si, ma le armi si usano per difendersi, non per invadere.
    bè, questo non necessariamente.

    Quindi il mercante d'armi per me è un indifendibile da difendere.
    indubbiamente, lui risponde solo alla domanda del mercato.

  6. #6
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non fate gli ingenui, in america secondo voi le lobbies delle armi non hanno voce in capitolo nelle guerre? Sono aziende tra l'altro nazionali, è una partita di giro tra lo stato che forniscono appalti e le aziende che forniscono le armi, a spese del contribuente americano

  7. #7
    Latrino
    Data Registrazione
    21 Feb 2006
    Località
    Monza
    Messaggi
    532
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rochefoucauld Visualizza Messaggio
    Non fate gli ingenui, in america secondo voi le lobbies delle armi non hanno voce in capitolo nelle guerre?
    Una delle tante voci. Non credo la più rilevante.
    Gioco forza in una nazione sempre in guerra la lobby delle armi non remerà contro; facile che gli intrallazzi coi governi faranno si che si compri un missile in più piuttosto che uno in meno.
    Se si deve decidere se nasce prima l'uovo o la gallina, io voto che prima viene la guerra, poi la lobby.

  8. #8
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    bè, questo non necessariamente.



    indubbiamente, lui risponde solo alla domanda del mercato.

    Intendevo dire che le armi dovrebbero essere usate solo per diffendersi. O per dare una lezione ai criminali. Non per invadere la casa dei miei vicini o sparare alle folle inermi. Mister perfezione.


  9. #9
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rochefoucauld Visualizza Messaggio
    Non fate gli ingenui, in america secondo voi le lobbies delle armi non hanno voce in capitolo nelle guerre? Sono aziende tra l'altro nazionali, è una partita di giro tra lo stato che forniscono appalti e le aziende che forniscono le armi, a spese del contribuente americano
    E che colpa ne hanno i mercanti?? Micca sono loro che dichiarano guerra o premono il grilletto. Certo che se sono aziende nazionali o aziende che vendono ai governi allora il discorso cambia, sono aziende collaborazioniste, imprese cattive, come dice Konkin.

    Da difendere è invece il traficante che vende Ak-47 al proprietario di una gioielleria, ad esempio.


  10. #10
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    E che colpa ne hanno i mercanti?? Micca sono loro che dichiarano guerra o premono il grilletto. Certo che se sono aziende nazionali o aziende che vendono ai governi allora il discorso cambia, sono aziende collaborazioniste, imprese cattive, come dice Konkin.

    Da difendere è invece il traficante che vende Ak-47 al proprietario di una gioielleria, ad esempio.

    il 15% del pil americano

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-06-13, 12:38
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-11-12, 16:36
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 25-02-12, 20:40
  4. Modalità VISIBILE o INVISIBILE?
    Di Cristianu nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 23-08-05, 21:15
  5. Libri: Lo Stato Invisibile
    Di Totila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-03-02, 20:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •