User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Dec 2006
    Messaggi
    851
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    «IL GENE DELL'OMOSESSUALITà, se ancora esiste, è perchè serve A MIGLIORARE L'UOMO»

    «IL GENE DELL'OMOSESSUALITà, se ancora esiste, è perchè serve A MIGLIORARE L'UOMO»
    L'ipotesi evolutiva pubblicata dalla rivista scientifica «Nature». «Maggiori capacità di fecondare»


    mercoledì 17 gennaio 2007 , di il Corriere della Sera

    di Giuseppe Remuzzi


    ---

    «In somma sappi che tutti fur cherci e litterati grandi e di gran fama, d'un peccato medesmo al mondo lerci» . Dante nell'Inferno fa di Brunetto Latini la figura dominante del girone dei sodomiti, peccato gravissimo per la morale religiosa di allora.

    E se i geni associati all'omosessualità servissero al benessere dell'uomo? L'omosessualità è abbastanza diffusa, nell'uomo e in altre specie animali. Ma le basi genetiche e le ricadute sull'evoluzione sono poco conosciute. Ricercatori del Tennessee e di Santa Barbara hanno messo a punto un modello matematico (il lavoro è pubblicato su Proceedings of Royal Society di Londra, ripreso da Nature di questi giorni) che aiuta a capire come il gene associato all'omosessualità, se c'è, abbia potuto diffondersi.

    Andiamo con ordine.

    Il gene (o i geni) dell'omosessualità non sono stati identificati, ma c'è evidenza che la tendenza ad essere omosessuali sia genetica. Di due gemelli identici se uno è omosessuale è possibile che lo sia anche l'altro, ma non vale per due fratelli che non siano gemelli. Ma com'è che il gene legato all'omosessualità si è diffuso nella popolazione se la loro non è un'attività sessuale che porta a riprodursi? C'è una spiegazione sola: che il gene «gay» sia utile all'evoluzione della specie.

    Ma facciamo un passo indietro. Di ciascun gene in ogni cellula dell'uomo c'è quello che viene dalla mamma e quello del padre. Delle volte sono uguali, e si dirà che l'individuo è omozigote. Più spesso l'allele del padre e quello della madre sono diversi (si è eterozigoti per quel gene) e lo saranno le corrispondenti proteine. È così che la specie varia ed evolve, è così che cambia il colore degli occhi o dei capelli dai genitori ai figli. Fra gli omosessuali ci sono gradi diversi di comportamenti e di capacità di riprodursi. Un comportamento solo omosessuale è di chi eredita il gene «gay» sia dalla madre che dal padre. Comportamenti intermedi sono di chi eredita un solo gene «gay». Ogni tipo di trasmissione prevista dal modello ha un suo costo e un suo beneficio. Costo è la perdita della capacità di riprodursi. Beneficio è per esempio l'aspetto fisico: chi ha un gene «gay» potrebbe essere più attraente fisicamente o più capace di fecondare. Questo darebbe un vantaggio riproduttivo e consentirebbe al gene di diffondersi. Proprio come si è diffusa la talassemia là dove c'è la malaria. Gli omozigoti per il gene della talassemia danno una malattia grave. Ma se si eredita una copia sola del gene, si è un po' anemici ma si diventa più resistenti alla malaria nelle zone dove è endemica. Così chi eredita un gene solo ha più probabilità di sopravvivere e di riprodursi. Intanto però la talassemia si diffonde. Fuori di metafora, a lungo andare la variante «gay» potrebbe persino prevalere. Se fosse così, molti potrebbero avere qualche tendenza omosessuale, ma essere più belli e più forti. E più fertili. È un'ipotesi, deriva da modelli matematici estremamente sofisticati, ma resta un'ipotesi che potrebbe tuttavia avere a che fare con la sopravvivenza della specie. Oggi il 20% delle coppie non riesce ad avere un bambino (e nel 50% dei casi potrebbe dipendere dall'uomo). I dati sulla qualità del seme maschile sono preoccupanti. Una ricerca fatta qualche anno fa ha dimostrato che la concentrazione degli spermatozoi nel liquido seminale si è ridotta del 50% dal 1938 al '90, ed è ancora meno oggi. Le cause vanno dall'inquinamento da pesticidi all'uso smodato di farmaci che finiscono nelle acque superficiali.

    Se fosse vero che chi ha almeno un gene «gay» ha più possibilità di fecondare di chi non ce l'ha, sarebbe il modo per la specie di difendersi. Che il gene «gay» sia associato a più fecondità è suggerito da un lavoro di ricercatori dell'Università di Amsterdam di qualche anno fa. Che da quel gene dipenda il futuro dell'umanità non è detto. Ma non è nemmeno detto il contrario.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
     Likes dati
    372
     Like avuti
    1,152
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Upuaut Visualizza Messaggio
    Beneficio è per esempio l'aspetto fisico: chi ha un gene «gay» potrebbe essere più attraente fisicamente o più capace di fecondare.
    mi piacerebbe sapere in base a quali "criteri oggettivi" questi studiosi affermano che in genere chi ha un "gene gay" fisicamente sia più attraente di chi non ne ha
    più avanti ripete qualcosa di simile e accenna a "modelli matematici" precisi ma non si capisce bene di quali modelli si parli.
    io francamente se vuoi saperlo sono molto scettico su questa ricerca.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Dec 2006
    Messaggi
    851
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da thematrix Visualizza Messaggio
    mi piacerebbe sapere in base a quali "criteri oggettivi" questi studiosi affermano che in genere chi ha un "gene gay" fisicamente sia più attraente di chi non ne ha
    più avanti ripete qualcosa di simile e accenna a "modelli matematici" precisi ma non si capisce bene di quali modelli si parli.
    Non ti resta che comprare Nature e andare a leggere...

    Citazione Originariamente Scritto da thematrix Visualizza Messaggio
    io francamente se vuoi saperlo sono molto scettico su questa ricerca.
    Libero di esserlo, da un punto di vista scientifico.
    Purchè tu non stia scambiando lo scetticismo con il pregiudizio...

  4. #4
    Ariete
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Upuaut Visualizza Messaggio
    Non ti resta che comprare Nature e andare a leggere...


    Libero di esserlo, da un punto di vista scientifico.
    Purchè tu non stia scambiando lo scetticismo con il pregiudizio...

    Mah, però mi chiedo una cosa ok il gay sarebbe più attraento e fecondo, ma se poi non è attratto dal sesso opposto in ogni caso non ci sarebbe fecondazione. E allora a cosa servirebbe tutto ciò? A parte la bisessualità (su questo ci sarebbe da aprire un convegno) nel caso di omossessualità io credo ci sia anche un certa repulsione per il sesso opposto, almeno da quello che mi hanno detto alcuni omosessuali.

  5. #5
    Maestrina Lisergica
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    37,572
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ariete Visualizza Messaggio
    Mah, però mi chiedo una cosa ok il gay sarebbe più attraento e fecondo, ma se poi non è attratto dal sesso opposto in ogni caso non ci sarebbe fecondazione. E allora a cosa servirebbe tutto ciò? A parte la bisessualità (su questo ci sarebbe da aprire un convegno) nel caso di omossessualità io credo ci sia anche un certa repulsione per il sesso opposto, almeno da quello che mi hanno detto alcuni omosessuali.
    La cosa è molto semplice: non gli tira.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 May 2013
    Messaggi
    10,890
     Likes dati
    0
     Like avuti
    3
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I gay non sono oggettivamente più attraenti... mi pare una sciocchezza.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Dec 2006
    Messaggi
    851
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    Si puo' dire che'omosessualita' sia "contro natura" ?
    Nessuno scienziato oggi potrebbe definire "contro natura" l'omosessualità. Semplicemente perché in natura esiste. È diffusa tra molti animali, dagli insetti ai cani.
    Giorgio Celli, direttore dell'Istituto di Entomologia agraria dell'Università di Bologna, ha anzi dimostrato che viene ampiamente usata per tenere sotto controllo la crescita demografica, e che esistono meccanismi automatici che la fanno aumentare o diminuire (Studi sui topi). Per molti mammiferi l'omosessualità è anche un sistema di comunicazione sociale. Le mucche si montano tra loro per sincronizzare il ciclo riproduttivo. Le femmine di scimmia Rhesus per stabilire la gerarchia nel gruppo. E qualcosa di simile succede nei babbuini: quando due maschi si incontrano, l'individuo di grado inferiore mostra le terga all'altro: si tratta di un'offerta sessuale per ingraziarselo, spiega Isabella Lattes Coiffmann. Succede una cosa simile anche nei cani.
    Tra gli animali la identità sessuale è d'altronde così instabile che anche l'ambiente può modificarla, o addirittura l'età, come nelle cernie. Atteggiamenti omosessuali riguardano anche insetti e molluschi. Tra le cimici Afrocimex, per es., un maschio inocula i suoi spermatozoi in un altro maschio, che poi li userà insieme ai suoi, per fecondare una femmina. La scoperta più sorprendente l'hanno fatta dei biologi canadesi che hanno filmato a 2512 m. di profondità nell'Oceano Atlantico, 16 minuti di amplessi a luci rosse tra due polpi maschi di specie diverse (foto su n.41 di Focus pag.32).


    Quanti sono gli omosessuali?

    Non è facile dirlo, gli studi concordano solo su grandi linee. Dagli ultimi studi pare siano il 4% della popolazione mondiale. Complessivamente 200 milioni di persone, perfettamente uguali agli altri 5 miliardi e mezzo, salvo che per le preferenze sessuali.
    Il famoso rapporto Kinsey, che risale agli anni 50, calcolò che il 37% della popolazione americana maschile aveva avuto almeno qualche esperienza omosessuale intensa (fino all'orgasmo) tra l'adolescenza e l'età avanzata. Inoltre calcolò che il 10% della popolazione era stato più o meno esclusivamente omosessuale per almeno tre anni nel corso della vita. E che il 4% circa della popolazione maschile era stato sempre omosessuale, dall'adolescenza in poi.
    Fra le donne le percentuali erano inferiori solo di poco. Il 13% delle persone intervistate aveva avuto esperienze chiaramente omosessuali dopo l'adolescenza. Dall'1 al 3% delle donne nubili e meno dello 0,3 per cento delle sposate erano esclusivamente omosessuali. Gli studi più recenti sembrano confermare che il 4-5% della popolazione maschile e il 2-3% di quella femminile è omosessuale per la maggior parte della loro vita.


    L'omosessualità e' presente nella storia?

    Nelle società antiche l'omosessualità era in genere accettata. Le prime tracce storiche sono nella Bibbia". Per la preistoria ci mancano documenti - dice la antropologa Ida Magli - ma la Bibbia, che nelle versioni orali risale a 2000 anni a. C. ne documenta la diffusione. Da allora la cultura ebraico-cristiana è sempre stata quella che più ha combattuto l'omosessualità.
    Che invece era comunemente accettata nell'antico Egitto e privilegiata nella cultura Greca e poi Romana. I Greci erano culturalmente bisessuali: consideravano i figli indispensabili alla maturazione dell'individuo, e per generarli era necessario il rapporto eterosessuale. Ma il rapporto d'amore propriamente detto e preferito dai maschi adulti era quello omosessuale, con un patner più giovane, di solito ("Il simposio" di Platone ne è un esempio).
    In altre culture l'amore omosessuale è addirittura segno di comunicazione col divino. Per lo sciamanesimo è indice di elezione, segnale di rapporto privilegiato col trascendente". Erano omosessuali Michelangelo, Leonardo da Vinci, il musicista russo Chaikovsky, lo scrittore Oscar Wilde, Giulio Cesare e l'imperatore Adriano. Tra le donne le più famose erano la poetessa Saffo, la scrittrice Virginia Woolf e Cristina, regina di Svezia.


    È ereditaria? Ovvero, è un carattere genetico?

    Il ricercatore americano Dean Hamer, studiando l'albero genealogico di 114 maschi omosessuali, ha accertato che il 13,5% dei loro fratelli era gay. Lo era anche il 7,5% dei cugini maschi e degli zii da parte di madre. Una percentuale molto superiore a quella della media della popolazione. L'incidenza nella famiglia paterna è risultata nella media. Conclusione: l'omosessualità può avere nel 30% dei casi una base genetica, ed essere erditaria, ma solo per via materna. Probabilmente responsabile sarebbe un gene del cromosoma X, che avrebbero individuato in una regione del cromosoma chiamata Hq28.
    La genetista italiana Giovanna Camerino ha scoperto il gene della femminilità "Si chiama Dss ed è potentissimo. È in grado di far diventare femmina un moscerino con sesso cromosomico maschile". Ralph Greenpan, un genetista della New York University, ha recentemente creato in laboratorio un moscerino bisessuale inserendo geni femminili in alcune zone del cervello dei maschi, che governano l'odorato (molto importante nella sessualità animale). Ricordiamo inoltre che un maschio su 20mila nasce con due cromosomi X e una femmina su 100 mila nasce con un cromosoma Y. Ogni 30mila nascite un individuo XX, geneticamente femmina nasce con genitali esterni e interni maschili e femminili, cioè un ermafrodita sterile. Un maschio su 700 ha due X (=XXY).


    Quanti sono , allora, i sessi?
    Concludendo : l'omosessualità non è un fenomeno unicamente umano. Secondo: bisogna smettere di pensare che esistano solo due sessi principali, maschile e femminile, e un terzo minoritario, rappresentato dagli omosessuali. In realtà tra i due estremi, il maschi più virile e la donna più femminile, esiste un'infinità di modi intermedi di essere. Perché l'identità sessuale non è determinata solo dal tipo di organi sessuali esterni, ma da un'infinità di fattori biologici, come gli ormoni, il cervello, gli organi sessuali interni e i geni. E le combinazioni possibili di questi fattori sono infinite. Il sesso insomma è un puzzle con infinite possibilità di soluzione.


    Puo' esserci una causa ormonale?

    Da "La sessualità in prospettiva psicosociale, ruoli normativi e devianza"
    di Erminio Gius Cleup 1978 Pag. 109
    Per quanto riguarda il settore ormonale, se gli ormoni svolgessero un ruolo importante nell'insorgenza della pulsione omosessuale, si dovrebbe concludere nell'asserzione che la proporzione degli ormoni maschili e femminili non deve essere la stessa negli omosessuali e negli uomini normali.
    Dinanzi alla teoria sopra descritta che individuava nella bisessualità uno squilibrio endocrino attribuendo agli omosessuali maschi un grosso tasso di estrogeni e agli omosessuali femmine un grosso tasso di androgeni, le moderne ricerche hanno dimostrato che non esiste affatto una correlazione dimostrabile tra lo squilibrio ormonico e l'omosessualità.
    Williarn H. Perloff, nella cura clinica di molti casi di persone sofferenti di squilibri ormonali, ha constatato che nessuno di essi soffriva di tendenze omosessuali, mentre alcuni omosessuali sono stati trovati perfettamente normali in questo settore ormonale. Inoltre l'Autore ha dimostrato che la somministrazione di grandi quantità di estrogeni a individui maschi normali e di androgeni a individui femmine normali e la somministrazione di androgeni e di estrogeni relativamente al proprio stesso sesso non provoca una conversione dell'orientamento sessuale, bensì ottiene una trasformazione dei caratteri sessuali secondari nel primo caso e un aumento della libidio nel secondo35.
    Perloff conclude dicendo che l'omosessualità è un fenomeno puramente psicologico, non dipendente da fattori ormonali, né suscettibile di cambiamento dell'orientamento sessuale nella dinamica dell'eterosessualità per l'apporto di sostanze endocrine36. Questa appare essere l'opinione più comunemente accettata oggi tra le autorità in campo medico. Uno studio apparso su "Tempo medico", settembre, n. 95, 1972, p. 17, sembra invece attribuire l'omosessualità ad un fattore dovuto ad un alterato metabolismo degli androgeni. Il dottor M. Sydney Margolese afferma che i fattori sociali e psicologici hanno una importanza soltanto secondaria nella determinazione e nella genesi dell'omosessualità. "Esaminando 14 maschi eterosessuali e 10 omosessuali ho costatato - scrive l'endocrinologo americano - che, pur essendo nei due gruppi quantitativamente sovrapponibile l'escrezione dei 17-chestosteroidi urinari, era in realtà invertito il rapporto tra i due metaboliti del testosterone, l'androsterone e l'etiocolanolone. Precisamente, mentre negli omosessuali erano in media escreti 2,5 mg di androsterone e 3,5 mg di etiocolanolone al giorno negli eterosessuali succedeva esattamente l'opposto.
    Naturalmente non si poteva dire che l'omosessualità fosse dovuta all'alterato rapporto tra i due ormoni, diversi tra loro solo per la posizione dell'idrogeno legato al carbonio 5, ma era lecito sospettare che esso fosse la spia di qualche alterazione di metabolismo intermedio degli androgeni".
    Il dottor Margolese ha voluto una controprova del legame esistente tra il dato biochimico e il comportamento sessuale.
    Ha sottoposto perciò all'indagine 6 soggetti di cui ignorava l'orientamento sessuale, facendoli contemporaneamente esaminare dallo psichiatra che collaborava con lui nelle ricerche, il dottor Oscar Janiger. Le conclusioni di quest'ultimo concordarono con la diagnosi fatta dal dottor Margolese solo in base al dato urinario: dei 6, 4 erano omosessuali, 2 eterosessuali. Le ricerche in tal senso procedono ancora.
    Infine, anche per rapporto ad alcune tesi di molti che vedrebbero nelle caratteristiche fisiche esterne (femminiloidi o viriloidi) dei segni evidenti della presenza di omosessualità e una sua causa, si deve dire che esistono caratteristiche somatiche di tipo femminile sia negli uomini omosessuali che negli eterosessuali e caratteristiche somatiche di tipo viriloide sia nelle donne omosessuali che in quelle eterosessuali.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 May 2013
    Messaggi
    10,890
     Likes dati
    0
     Like avuti
    3
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mi pare di aver capito che non si conosce l'origine dell'omosessualità: c'è il sospetto che possa essere anche su base genetica ma questi geni non sono stati individuati. Di certo è che non si può affermare che sia contronatura dal momento che se fosse contronatura non esisterebbe.

  9. #9
    Non prevalebunt
    Data Registrazione
    28 Mar 2007
    Località
    Europe
    Messaggi
    2,735
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fobie

    Citazione Originariamente Scritto da azerty Visualizza Messaggio
    La cosa è molto semplice: non gli tira.
    I gay sono solo gnoccafobici

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    53
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Credo che l'articolo sia stato fraienteso quando si parla di un individuo portatore del gene "gay", l'individuo non è omosessuale.

    Nell'articolo si porta come esempio la talassemia, un bambino nasce talassemico quando eredita sia dalla madre che dal padre il gene della talassemia. I genitori nonostante siano portatori del gene non sono talassemici, d'altrocanto però sembrano più resistenti alla malaria.

    Lo stesso vale, secondo la ricerca fatta, per il gene dell'omosessualòità.
    Il portatore del gene gay, non omosessuale, potrebbe risultare più affascinante e più fertile. Questo dovrebbe essere il senso della ricerca.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 23-06-16, 21:07
  2. Perchè non esiste una sezione dell'udc sul forum?
    Di Fenix85 nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-05-12, 15:46
  3. Sesso: scoperto gene transex, fa sentire la donna un uomo
    Di Giordi nel forum Scienza e Tecnologia
    Risposte: 80
    Ultimo Messaggio: 07-08-08, 01:25
  4. Il gene dell'omosessualità servirà a migliorare l'uomo
    Di ragazzosemplice nel forum Cattolici
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 17-01-07, 18:01
  5. Il programma 'Mille Miglia' dell'Alitalia esiste ancora?
    Di Zarco nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-05-04, 16:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •