User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Aug 2006
    Messaggi
    1,118
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Un’etica senza Dio, per il progresso dell'Umanità

    Un’etica senza Dio


    Eugenio Lecaldano. Un’etica senza Dio. Collana “I Robinson/Letture”, Laterza, Bari-Roma 2006, pp. 108, 12,00 €. ISBN 8842080004.


    Il titolo di quest’opera richiama quello del libro pubblicato nel 1991 da Paolo Flores D’Arcais, Etica senza fede. Tuttavia, mentre il direttore di MicroMega allargava la sua attenzione a temi quali la guerra, la democrazia e la dottrina sociale della Chiesa cattolica, Lecaldano ha voluto soffermare il proprio pensiero sull’etica, con uno sforzo che non ha alcun precedente recente in Italia (si deve semmai risalire a Ethics Without God di Kaj Nielsen, tra l’altro mai tradotto nella nostra lingua). Lo sforzo di Lecaldano è ancor più interessante perché concentra la propria riflessione in una cinquantina di pagine, riuscendo nell’impresa di presentare in maniera sistematica ed efficace l’etica atea per la quale rivendica, direi anche orgogliosamente, che «non solo non è vero che senza Dio non può darsi l’etica, ma anzi è solo mettendo da parte Dio che si può veramente avere una vita morale».


    Peraltro, tale obbiettivo appare ambizioso solo a prima vista, perché l’autore trova le sue “radici” nel pensiero filosofico europeo fiorito tra il XVII e il XIX secolo (in special modo Hume, Kant e Mill). Se ne deduce che agli atei non mancano certo le basi per elaborare un’etica credibile, anzi: manca semmai la consapevolezza di averla, così come mancava una sistemazione filosofica autorevole di tale pensiero. Il libro di Lecaldano è un importantissimo sforzo in questa direzione.

    La prima parte del libro è a sua volta divisa in due sezioni. La prima sezione è una sorta di pars destruens, dedicata agli «errori in cui cadono coloro che sostengono che Dio è necessario per l’etica». Gli errori sono soprattutto di tre tipi: essere sicuri che Dio esiste; concepire un’etica che, rifacendosi a un’entità sovrannaturale, è priva di autonomia; ritenere che l’esistenza di Dio sia compatibile con l’esistenza del male.

    Sull’esistenza di Dio l’autore si rifà ai classici argomenti di Hume e Kant, non dimenticando di ricordare che «un’etica che trova il suo fondamento in un Dio inteso come causa prima o Autore della Natura non può essere universale perché escluderebbe gli atei, mentre è evidente che se l’etica deve essere una risposta alla comune umanità di tutti noi non deve escludere nessuno».


    Il secondo errore è confutato sottolineando che «chi arriva all’etica attraverso il comando divino finisce con il ridurre la moralità a qualcosa di simile alle regole di un’etichetta», mentre «il suo vero fondamento risiede nel carattere autonomo della scelta di un individuo di evitare quelle condotte che producono danni o sofferenze agli altri suoi simili»: e chi si aggrappa alla nota formula «se Dio è morto tutto è possibile» rende manifesto il fatto che «non è riuscito a liberarsi dell’erronea concezione che fa dipendere l’etica dai comandi divini e, in mancanza di questo sostegno, non trova nella sua persona alcuna risorsa per distinguere tra giusto e ingiusto».


    Sul problema del male Lecaldano, a mio avviso, non deve nemmeno impegnarsi più di tanto: è, in effetti, da sempre (fin dal primo “ateo” noto come tale, Diagora) il principale argomento usato per motivare la negazione di Dio. Un tema su cui gli atei vanno come sul velluto.

    Viene poi la vera e propria pars construens, in cui Lecaldano si domanda «come può essere costruita un’etica senza alcun riferimento a un Dio?». Qui l’autore mette a punto la sua ambiziosa tesi: «solo colui che è agnostico o ateo può effettivamente porre al centro della sua esistenza le richieste dell’etica, e solo colui che è senza Dio può attribuire alla morale tutta la portata e la forza che essa deve avere sia nelle scelte che riguardano la sua propria esistenza, sia un quelle che riguardano l’esistenza altrui. […] L’ateismo è la cornice intellettuale più favorevole all’affermarsi di una moralità». Non solo, ma rivendica anche il diritto che gli atei esprimano il loro punto di vista, «uscendo dalla condizione subalterna in cui sono attualmente confinati».

    Le cosiddette “leggi naturali” sono difficilmente esperibili, e la pluralità di concezioni del mondo testimonia l’impossibilità di farne eventualmente discendere una morale condivisa. Non bisogna peraltro dimenticare la bizzarria di tale argomento: già Hume notava che, se fossimo conseguenti, non dovremmo curare le malattie, perché esse sono naturali, così come non dovremmo cercare di sottrarci a una catastrofe “naturale”. L’assunzione di Lecaldano, che vi ravvede quel carattere universale necessario per individuare un’etica condivisa, è che «la capacità degli esseri umani di farsi guidare da distinzioni tra bene e male, giusto e ingiusto, virtuoso e vizioso è radicata nella loro natura biologica. Se così è, allora l’etica non è altro che una pratica volta a risolvere le questioni di interazione privata e pubblica tra gli uomini e su questa terra […] Per il non credente, il premio per la sua condotta morale deriverà principalmente dalla consapevolezza di aver fatto ciò che è bene, giusto e doveroso».


    Chi non crede può dunque far ricorso sia ai sentimenti, sia alla ragione quali fondamenti di un’etica radicata nella natura umana, percorrendo (e tracciando) un sentiero più sicuro di quello affrontato dai credenti: «è tempo di rifiutare l’invito di chi vuole che noi si continui a evadere dalla realtà e dalle nostre responsabilità in attesa di soluzioni che verranno da un deus ex machina il cui volere – affidato all’interpretazione di una casta speciale – non è sempre garanzia di miglioramento e tutela delle nostre esistenze ed esigenze». Di qui nasce la convinzione che un’etica non religiosa sia uno strumento migliore e più universale dell’alternativa teista, perché solo essa «sarà in grado di riconoscere la varietà e la relatività culturale e storica delle prese di posizione morali e di promuovere l’universalità di alcune regole, quale ad esempio quella costitutiva della moralità di evitare azioni che provochino a un altro essere umano sofferenze non volute per sé»: similmente, un’etica senza Dio consente più agevolmente di distinguere tra moralità e legge.


    La seconda parte del libro è costituita da un’antologia di citazioni tratte da testi classici del pensiero laico e razionalista e da una densissima bibliografia ragionata: entrambe seguono l’ordine di esposizione degli argomenti presentati nella prima parte. Una sezione altrettanto utile, perché non è facile trovare pubblicazioni che prospettino in maniera così organica la ricchezza della riflessione filosofica laica.

    Un’opera, dunque, che combina completezza ed essenzialità; una lettura stimolante per chiunque sia desideroso di riflettere sulla validità delle proprie convinzioni. Non dovrebbe mancare nelle biblioteche “atee” che si rispettino.

    Raffaele Carcano
    Ottobre 2006

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
     Likes dati
    67
     Like avuti
    187
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito

    Molto scientifico, questo libro. C'è da ammetterlo... Teorie delle super-stringhe, biologia molecolare, nanotecnologie... un pò di tutto ci si può trovare.

    Non è che hai sbagliato forum, no?

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Aug 2006
    Messaggi
    1,118
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si attendono commenti più costruttivi (e soprattuto sensati)...

  4. #4
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
     Likes dati
    67
     Like avuti
    187
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito

    Aaaaabbello! Forse non ti sei accorto... te lo faccio notare io: questo forum è dedicato alla scienza, alle prospettive di essa, alle scoperte, alla sua storia... ai suoi limiti, magari (se sei d'accordo che ce ne debbano essere).

    Che c'azzecca la morale genereca e l'ateismo? O magari sei giunto alla conclusione che l'etica è una scienza?

    L'ateismo è così povero di idee da finire per l'autoproclamarsi SCIENTIFICO anche quando parla di etica?
    *
    Nell'articolo da te postato trovo di tutto tranne che scienza.

    Non permetto che il primo invasato che passa di qui si permetta di affermare una sciocchezza immonda (ed evidentemente insostenibile) tipo un'equazione ateismo=scienza, religione=oscurantismo.

  5. #5
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
     Likes dati
    67
     Like avuti
    187
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito

    P.S: chiedo che il thread venga chiuso in quanto PALESEMENTE o.t.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Aug 2006
    Messaggi
    1,118
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da UgoDePayens Visualizza Messaggio

    Non permetto che il primo invasato che passa di qui si permetta di affermare una sciocchezza immonda (ed evidentemente insostenibile) tipo un'equazione ateismo=scienza, religione=oscurantismo.
    Beh, se veramente credi di mettermi in bocca una sciocchezza del genere, significa che non hai letto il topic... o che sei in malafede.

    PS: io sono tutto meno che invasato. E poi, detto da uno che porta il nome di un templare, la tua accusa fa solo (sor)ridere...

  7. #7
    a.k.a. tolomeo
    Data Registrazione
    18 Jul 2005
    Messaggi
    42,309
     Likes dati
    0
     Like avuti
    12
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Morghen Visualizza Messaggio
    Si attendono commenti più costruttivi (e soprattuto sensati)...
    Forse non ti rendi conto del fatto che non sei ateo, ma ateista - ergo, che tu lo voglia o meno, un credente - e non uno scienziato ma un un scientista - cioè uno che la sta tirando secondo la nuova (?) moda del neoevoluzionismo e scientismo tanto caro al Tempio Salk Institute di La Jolla, California.
    .

    A fool and his money can throw one hell of a party.

  8. #8
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
     Likes dati
    67
     Like avuti
    187
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito

    No, ma che dici Tolomeo... quando a parlare di etica è un ateista, automaticamente il tutto diventa Scienza

    Mi chiedo cosa ci faccia una discussione di etica su un forum di scienza. Mah...
    Chissà, magari domani provo a postare qualche lectio magistralis del Santo Padre allora.

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Aug 2006
    Messaggi
    1,118
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da tolomeo Visualizza Messaggio
    Forse non ti rendi conto del fatto che non sei ateo, ma ateista - ergo, che tu lo voglia o meno, un credente - e non uno scienziato ma un un scientista - cioè uno che la sta tirando secondo la nuova (?) moda del neoevoluzionismo e scientismo tanto caro al Tempio Salk Institute di La Jolla, California.
    Forse non ti rendi conto del fatto che definire ateista un ateo è un tipico (ma fallace) modo per demonizzare le posizioni di un ateo... E NULLA DI PIU'. Un trucco per non argomentare.
    Tipico atteggimento da integralista religioso.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Aug 2006
    Messaggi
    1,118
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Laicità. Una geografia delle nostre radici


    Giovanni Boniolo (a cura di).

    Laicità. Una geografia delle nostre radici.

    “Gli struzzi”, Einaudi, Torino 2006,

    pp. 257, 15,80 €. ISBN 8806178938.



    Nel mondo laico dev’essersi oramai diffusa la convinzione che si sia raggiunto l’anno zero, il punto più basso di un percorso cominciato quasi un secolo e mezzo fa con lo Stato unitario. Non si spiegherebbe altrimenti il proliferare di antologie con malcelate ambizioni pedagogiche, dalle quali trapela neanche troppo velatamente l’urgenza di ri-spiegare la laicità a una popolazione che evidentemente sembra averne perso le coordinate, e di ri-partire alla conquista di diritti che nella gran parte degli altri Paesi europei sono ritenuti assodati e intangibili. Obbiettivo che ovviamente condivido, avendo tra l’altro curato personalmente una di queste raccolte. Obbiettivo che, tuttavia, potrebbe rivelarsi un po’ troppo deterministico, come ben insegna l’esperienza del ventennio fascista. Non c’è, infatti, alcun potenziale limite all’arretramento: citando Freak Antoni, «una volta toccato il fondo potrebbero anche costringerti a scavare».


    Per evitare che i laici finiscano ai lavori forzati non c’è dunque altra strada che quella di un rinnovato impegno, teorico e pratico. Il testo curato da Giovanni Boniolo è utile sotto entrambi i punti di vista, perché all’indispensabile momento di riflessione affianca spesso una meritoria opera di documentazione, che in almeno in un caso (l’ottimo contributo di Clotilde Pontecorvo) è stata già utilizzata con profitto dall’UAAR nell’ambito del proprio progetto sull’ora alternativa.

    Naturalmente, come sempre accade in questi casi, i contributi presentati si caratterizzano per l’eterogeneità di stile e di contenuto. Tuttavia gli autori (senz’altro di ottimo livello) sono riusciti a mantenere una significativa unità di intenti che non si registrò, ad esempio, in un volume come Le ragioni dei laici (Laterza 2005), dove a un cattolico engagé come Andrea Riccardi furono lasciate ampie praterie per rivendicare le radici cristiane del continente, nel nome della «sana» laicità tanto cara a Meister Ratzinger.

    La definizione di laicità, proposta da Boniolo nell’introduzione, collide invece diametralmente con l’interpretazione datane dal papa: «Laicità: atteggiamento intellettuale caratterizzato in modo sufficiente dal lasciare (e auspicabilmente dall’avere) libertà di coscienza, intesa quale libertà di conoscenza, libertà di credenza, libertà di critica e autocritica». Non vi sono fantomatiche leggi naturali o inattendibili testi sacri alla base di una società laica. Vi è invece un atteggiamento anti-dogmatico e anti-fondamentalista da applicare, coerentemente, anche a «chiunque radicalizzi e assolutizzi una delle caratteristiche dell’essere laico», una tipologia definita da Boniolo “pseudo-laica”, al fine di evitare la «mistificante differenziazione fra laici “buoni” (noi) e laici “cattivi” (gli altri)».


    Benché alcune tematiche (liberalismo, mass media, radici greche) siano state inserite un po’ forzosamente, l’impianto complessivo dell’opera è notevole, e fornisce a chi la legge un importante strumento per navigare nelle acque perigliose del laicismo contemporaneo.
    Raffaele Carcano
    Ottobre 2006

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Non c'è Progresso senza marxismo.
    Di Monsieur nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 02-07-13, 09:05
  2. Non c'è Progresso senza marxismo.
    Di Monsieur nel forum Fondoscala
    Risposte: 125
    Ultimo Messaggio: 23-06-13, 10:13
  3. non c'e progresso senza maxibon
    Di animale.marino nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-06-13, 15:26
  4. Senza etica la finanza fallisce
    Di Epifanio nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-11-08, 17:50
  5. Può esistere un liberalismo senza etica?
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 22-07-08, 11:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •