User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 41
  1. #1
    Memento Audere Semper
    Data Registrazione
    01 Jun 2006
    Località
    Regnum Siciliae
    Messaggi
    1,534
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Microsoft: via dalla Cina, troppa censura

    Microsoft: via dalla Cina, troppa censura
    Svolta del colosso informatico americano. Un funzionario: troppi vincoli alla libertà di informare, potremmo decidere di andarcene





    Computer che utilizzano il sistema operativo di Microsoft (Ap)
    ATENE (Grecia) - Le società di informatica e quelle che muovono Internet sono da sempre nel mirino, accusate di chiudere gli occhi di fronte al mancato rispetto dei diritti umani in Cina pur di non scontrarsi con le autorità locali e rischiare di essere allontanate dal ricco e crescente mercato asiatico. Ma ora qualcosa sembra che stia per cambiare e a produrre l'inversione di tendenza potrebbe essere la Microsoft di Bill Gates, la prima società tecnologica di rilievo mondiale pronta a ribellarsi alle censure imposte dal regime cinese al libero flusso delle informazion su Internet.
    IL DIETROFRONT - Un funzionario del colosso di Redmont, Fred Timpson, nel corso del Forum mondiale sul governo di Internet, in corso ad Atene, ha infatti riconosciuto che in Cina «le cose stanno andando male». Secondo Tipson, i problemi creati dalla natura repressiva del governo cinese potrebbero «costringere» il colosso americano a «riconsiderare» il suo business non solo in Cina ma in tutti gli altri paesi non democratici. «Dobbiamo decidere - ha spiegato Tipson secondo quanto riporta il sito on-line della Bbc - se la persecuzione dei bloggers» da parte delle autorità di quei paesi ha raggiunto un punto «inaccettabile e incompatibile».
    VINCOLI E CENSURA - Le più grandi società tecnologiche americane - come Google, Yahoo!, Microsoft e Cisco system - sono presenti in Cina sebbene debbano sottostare a «censure» e «controlli preventivi» da parte delle autorità di Pechino che mal digeriscono che su Internet possano liberamente circolare notizie e informazioni considerate «sensibili» dal governo: per questo, ad esempio, i due motori di ricerca più famosi del mondo (Google e Yahoo, appunto) hanno accettato di auto-censurarsi cedendo a pressioni delle autorità che non vogliono siano accessibili informazioni su temi «caldi» come le aspirazioni indipendentiste del Tibet, i rapporti con Taiwan o le lotte democratiche in generale. Per non parlare di ricerche storiche sul massacro di Piazza Tienanmen e simili.
    ARGOMENTI PROIBITI - Microsoft aveva a sua volta ammesso, non più tardi del gennaio di quest'anno, di aver bloccato di sua iniziativa il blog «scomodo» del dissidente cinese Zhao Jing, troppo critico verso il governo di Pechino. Cisco, dal canto suo, è stata ripetutamente accusata di aver fornito alla Cina i sistemi tecnologici per filtrare il web, quando non erano le stesse società a denunciare le «teste calde» alle autorità di Pechino: è il caso, quest'ultimo, dell'ufficio di Hong Kong di Yahoo! che ha fornito l'anno scorso alla polizia cinese l'indirizzo del giornalista Shi Tao, «reo» di aver diffuso sulla rete una circolare governativa con la quale si vietava ai giornalisti di parlare dell'anniversario del massacro di Tienanmen del 1989. Ad aprile del 2005, Shi Tao è stato condannato a dieci anni di carcere per aver «divulgato segreti di Stato».
    LA GRADUATORIA DI RSF - La Cina, del resto, si trova al 163esimo posto nella graduatoria per la libertà di stampa redatta ogni anno da Reporters sans frontieres, l'organizzazione parigina per la libertà di informazione, che vede al primo posto la FInlandia.. In posizione peggiore risultano solo Myanmar, Cuba, Eritrea, Turkmenistan e Corea del Nord. E proprio Rsf ha spesso preso posizione contro il controllo del flusso e dei contenuti delle informazioni praticato da Pechino.
    IL «MALE MINORE» - Microsoft e gli altri colossi tecnologici si erano sempre difesi sostenendo la teoria del male minore, ovvero il fatto che Internet, nonostante i filtri imposti dal regime, sia comunque una valida fonte di raccolta di informazioni per la popolazione, che malgrado le limitazioni può accedere a contenuti che esulano dalle veline dei media controllati da Pechino, le sole che circolano attraverso giornali, radio e tv. Si calcola infatti che siano almeno 120 milioni i cinesi che possono accedere a internet e che quindi possono leggere e informarsi. Ma proprio Microsoft ha deciso di impegnarsi a fare qualcosa di più per dare seguito alle proteste di ong e associazioni come Amnesty International. E per la prima volta si è detta pronta a fare il fatidico passo indietro. Resta ora da vedere se ai buoni propositi seguiranno i fatti e, soprattutto, quali saranno le mosse degli altri operatori del settore.







    01 novembre 2006


    Ecco la libertà dei paesi comunisti.Ecco dove ci vorrebbero spedire Cossutta Bertinotti Di Liberto & co. con la connivenza di prrrodi Rutelli Di pietro......

    N.B.
    guardate un pò chi sono gli ultimi paesi di quella graduatoria....

    l'articolo è preso dal Corriere della Sera on line

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito

    Interessante post, tuttavia ti sei "dimenticato", ma te lo rammento io in questa sede la seguente classifica
    http://www.rsf.org/rubrique.php3?id_rubrique=639

    United States 56esimo posto

    Come vedi, gli stati uniti non sono poi messi troppo bene

  3. #3
    Memento Audere Semper
    Data Registrazione
    01 Jun 2006
    Località
    Regnum Siciliae
    Messaggi
    1,534
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    guarda che non mi sono dimenticato un bel niente per il semplice fatto che nell'articolo non c'era tutta la classifica.E poi che c'entrano gli stai uniti? Qui si parla della cina e della libertà o presunta tale che i compagni di merende vorrebbero farci assaporare...

  4. #4
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Breitling Visualizza Messaggio
    guarda che non mi sono dimenticato un bel niente per il semplice fatto che nell'articolo non c'era tutta la classifica.E poi che c'entrano gli stai uniti? Qui si parla della cina e della libertà o presunta tale che i compagni di merende vorrebbero farci assaporare...

    Infatti te l'ho aggiunto io il link alla classifica. Gli stati uniti c'entrano perchè, se ti è sfuggito, Microsoft è la più grande multinazionale americana che ha a che fare con la comunicazione, rea di molti processi antitrust a tal riguardo.
    Ti rendi conto da che pulpito arriva la predica?

    Poi, che in Cina alcuni diritti di informazione possano non essere garantiti può essere vero. Ma allora la critica mi sta bene solo da quelle compagnie provenienti dai primi 3, 4 paesi di quella classifica, in cui hanno dimostrato di sapere rispettare il mercato delle comunicazioni.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Sep 2006
    Località
    Torino
    Messaggi
    414
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    pulpito o non pulpito è palese ke c'è una grosa diversità tra cina e stati uniti in fatto di libertà...poco ma sicuro...

  6. #6
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Lussemburgo
    Messaggi
    29,901
     Likes dati
    4,722
     Like avuti
    5,046
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Gli stronzi sono quelli dell'antitrust, non la Microsoft

  7. #7
    Speriamo non sia tardi
    Data Registrazione
    08 Mar 2006
    Località
    Quello che resta dell'Italia
    Messaggi
    21,282
     Likes dati
    1
     Like avuti
    24
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Microsoft e libertà? Lo trovo un binomio molto azzardato.
    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=229122

  8. #8
    Ashmael
    Ospite

    Predefinito

    Eccovi voi comunisti, bravissimi a cambiare discorso. E poi la Cina non è più comunista ma una dittatura popolar-capitalista.

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Sep 2006
    Località
    Torino
    Messaggi
    414
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    lo si può trovare binomio azzardato quanto vuoi ma si devono avere i prosciutti interi davanti agli occhi per non commentare e condannare la non libertà del popolo cinese....quantomeno un'impressionante maggioranza di loto...

  10. #10
    Speriamo non sia tardi
    Data Registrazione
    08 Mar 2006
    Località
    Quello che resta dell'Italia
    Messaggi
    21,282
     Likes dati
    1
     Like avuti
    24
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ashmael Visualizza Messaggio
    Eccovi voi comunisti, bravissimi a cambiare discorso. E poi la Cina non è più comunista ma una dittatura popolar-capitalista.
    E chi cambia discorso, si stava parlando di Cina, Microsoft e libertà.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cina:non piu censura durante le olimpiadi
    Di Christoph1776 nel forum Politica Estera
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 02-08-08, 16:13
  2. Cina e censura...
    Di zhanghe nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-04-07, 18:04
  3. Microsoft via dalla cina:troppa censura
    Di Lutzianu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-11-06, 14:39
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-06-05, 12:43
  5. Cina al primo posto per censura!
    Di BlocNum nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 04-08-04, 10:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •