User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 37
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Aug 2006
    Messaggi
    1,118
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Laicità e laicismo: una FALSA dicotomia

    Laicità e laicismo: una falsa dicotomia

    di Mauro Marconi


    In questi giorni - causa le interminabili discussioni sui consultorî, la pillola RU486, l’ICI e quant’altro - le alte gerarchie ecclesiastiche e non pochi politici di vari partiti stanno dando fondo a tutta la loro riserva di fantasia per rimarcare una presunta distinzione tra “laicità” e “laicismo”.

    La laicità, dicono costoro, è il giusto riconoscimento dell’indipendenza dei poteri dello Stato rispetto al Magistero della chiesa di Roma, mentre il laicismo - che assume una chiara connotazione spregiativa - non sarebbe altro che una forma neanche troppo mascherata di persecuzione sistematica nei confronti del Vaticano, una sorta di bavaglio ideologico col quale alcuni intenderebbero impedire che la chiesa si pronunci sulle questioni e sui problemi d’oggi.

    Che cosa c’è di vero in tutto questo? Siamo proprio sicuri che i non credenti italiani abbiano l’intenzione di censurare Ruini e compagnia? O è tutta una manfrina per continuare come e peggio di prima? Cerchiamo di capirci qualcosa.

    Non c’è dubbio che la libertà di parola e l’espressione civile e pubblica delle proprie opinioni siano valori ormai ampiamente condivisi, aldilà del fatto che ci si professi credenti o meno. Anche le associazioni dichiaratamente atee e/o agnostiche riconoscono la necessità e la positività del libero confronto di idee. In particolare l’UAAR si batte per la più completa libertà religiosa e filosofica.

    “Laicità” significa proprio questo: riconoscere la legittimità dell’espressione del pensiero altrui, senza prevaricazioni, senza pretese dogmatiche.


    In merito a numerose questioni che riguardano la società contemporanea, le gerarchie ecclesiali hanno più volte tacciato di “relativismo etico” la posizione di chi mette sullo stesso piano i valori morali aconfessionali e quelli cattolici. Come dovremmo definire l’atteggiamento di coloro che considerano “più veri” i propri principî etici perché derivanti da dogmi, ovvero da “verità” per definizione indiscutibili (e quindi indimostrabili)? Non è forse tale atteggiamento intriso di prevaricazione e di superbia intellettuale? I cattolici ritengono un loro dovere fornire indicazioni ai credenti sui più svariati temi sociali, ma non si rendono conto che per fare ciò irrompono quotidianamente nelle case di tutti gli italiani, riuscendo spesso a influenzare anche il potere politico. Poco male, penserà qualcuno, se oltre a questo non si fosse costretti ad ascoltare le assurde lamentele sulla presunta marginalizzazione del Vaticano. Tutto si può dire tranne che il Vaticano stia oggi subendo censure da parte del potere politico o mediatico!


    Che cos’è allora che non va a genio al papa e ai cardinali? Non va a genio il fatto che la nostra società abbia iniziato, e da tempo, a svincolarsi dai lacci della morale cattolica, e in generale veda con sempre maggiore fastidio l’ingerenza religiosa nelle faccende dello Stato. Non credo che dipenda solo dall’escalation del terrorismo integralista nel mondo: c’è di più. Gli uomini vogliono maggiore libertà individuale e collettiva, e questo obiettivo lo si può raggiungere solo attraverso una maggiore libertà intellettuale e uno spirito critico più maturo. Le religioni ci insegnano a pregare, a credere nell’anima immortale, a riporre la nostra fiducia in un ente soprannaturale, ma non ci insegnano ad aver fiducia nelle nostre capacità razionali (anche per i cristiani più illuminati, la ragione è insufficiente per afferrare la “verità”).

    Contro questo desiderio di libertà e di autonomia intellettuale la chiesa ha eretto una finta barricata - il “laicismo” - dietro cui non esita a confinare tutti coloro che dissentono dal suo modo di intendere il libero confronto delle idee.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Jun 2005
    Messaggi
    12,230
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio Visualizza Messaggio
    secondo me la differenza c'e'.
    il laicismo reputa che nessuna posizione , pur anche solo lontamente religiosamente sipirata, possa avere spazio nel dibattito culturale, civile, politico.
    allora ti ritrovi persone che affrontano in modo laico una questione, partendo pur da un'ispirazione religiosa che sarebbe atto violento e illiberale voler conculcare, che sono tacciate di integralismo da sedicenti laici che non hanno strumenti o mezzi per controargomentare.
    in altri termini, il laicismo e' la negazione del pluralismo.
    Tua personalissima opinione.......abbastanza lontana da una certa realta..............
    Qualche volta mi viene un pò di prurito ad ascoltare queste cose da chi si ritrova poi come propria guida spirituale un tizio che da oramai un anno incessantemente continua a ripetere quanto il relativismo...(cioe il fondamento stesso del pluralismo) sia un qualcosa da rigettare completamente....
    se allora il relativismo non è accettabile questo pluralismo su cosa lo costruiamo.........? sulle verità cattoliche?

  3. #3
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
     Likes dati
    18
     Like avuti
    35
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma non hai nulla di meglio che riproporre i contributi dell'UAAR?
    Guarda che questo non è il forum laid(c)o, che trovi qualche piano più sotto.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Jun 2005
    Messaggi
    12,230
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Augustinus Visualizza Messaggio
    Ma non hai nulla di meglio che riproporre i contributi dell'UAAR?
    Guarda che questo non è il forum laid(c)o, che trovi qualche piano più sotto.

    Non mi pare che gli utenti di CR disdegnino di intervenire sul forum Laici......lo fa anche il vostro moderatore.......quindi........
    Partendo da queste basi evidentemente il pluralismo è difficile da ottenere

  5. #5
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
     Likes dati
    18
     Like avuti
    35
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Antibus Visualizza Messaggio
    Non mi pare che gli utenti di CR disdegnino di intervenire sul forum Laici......lo fa anche il vostro moderatore.......quindi........
    Partendo da queste basi evidentemente il pluralismo è difficile da ottenere
    Una cosa è intervenire. Altro è aprire thread con pattume filosofico, teologico e giuridico

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Jun 2005
    Messaggi
    12,230
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Augustinus Visualizza Messaggio
    Una cosa è intervenire. Altro è aprire thread con pattume filosofico, teologico e giuridico

    Come dicevo e come ripeto ...queste espresse da Augustinus sono le indubbie basi che la chiesa cattolica porta come proprio contributo fondativo al pluralismo cioe 0 e nient'altro se non che 0 assoluto...........
    ciò che non va bene è pattume teologico filosofico

  7. #7
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
     Likes dati
    18
     Like avuti
    35
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Antibus Visualizza Messaggio
    Come dicevo e come ripeto ...queste espresse da Augustinus sono le indubbie basi che la chiesa cattolica porta come proprio contributo fondativo al pluralismo cioe 0 e nient'altro se non che 0 assoluto...........
    ciò che non va bene è pattume teologico filosofico
    Non si tratta di discutere su ciò che non va bene, ma si tratta di chiari discorsi provocatori, che è meglio quindi che restino nella loro pattum-iera.
    Detto in altri termini: le paturnie della UAAR rimangano sul loro sito ....

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Jun 2005
    Messaggi
    12,230
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Augustinus Visualizza Messaggio
    Non si tratta di discutere su ciò che non va bene, ma si tratta di chiari discorsi provocatori, che è meglio quindi che restino nella loro pattum-iera.
    Detto in altri termini: le paturnie della UAAR rimangano sul loro sito ....

    auguri ne avete bisogno

  9. #9
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
     Likes dati
    18
     Like avuti
    35
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Antibus Visualizza Messaggio
    auguri ne avete bisogno
    Grazie. Anche a voi

  10. #10
    Logiké Latreía
    Data Registrazione
    28 Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,442
     Likes dati
    30
     Like avuti
    660
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    24

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio Visualizza Messaggio
    secondo me la differenza c'e'.
    il laicismo reputa che nessuna posizione , pur anche solo lontamente religiosamente sipirata, possa avere spazio nel dibattito culturale, civile, politico.
    allora ti ritrovi persone che affrontano in modo laico una questione, partendo pur da un'ispirazione religiosa che sarebbe atto violento e illiberale voler conculcare, che sono tacciate di integralismo da sedicenti laici che non hanno strumenti o mezzi per controargomentare.
    in altri termini, il laicismo e' la negazione del pluralismo.
    In certa misura si può concordare. Vi sono tante accezioni di "laicismo"... Quella che vuole il laicista solo come promotore della laicità, quella che vuole il laicista come promotore della dimenticanza da parte dello Stato della naturale religiosità umana, quella che vede il laicista come colui che disprezza ogni religiosità, quella che vede il laicista come assertore della ingiustizia antropologica della religione... C'è varietà, purtroppo...

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. BAGNASCO, Laicità non va confusa con il laicismo
    Di :Esther: nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 30-10-10, 08:47
  2. IDEE / Laicità versus laicismo
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 19-05-09, 21:02
  3. Ma cos'è il laicismo o laicità secondo voi?
    Di lupocattivo (POL) nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 13-05-07, 14:01
  4. Laicismo, laicità, anticlericalismo
    Di Alberich nel forum Repubblicani
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 16-04-06, 00:30
  5. Una falsa genuflessa LAICITA' Talebana
    Di Wolare nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-07-03, 01:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •