User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,378
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito E' morto l'Arcivescovo di Monreale Mons. Naro

    E' con dolore e sgomento che do notizia del decesso del pastore della Chiesa di Dio che è in Monreale S.E.R. Mons. Cataldo Naro. Si è spento in un ospedale palermitano nel pomeriggio stroncato da un infarto, tra i primi ad accorrere al suo capezzale e a pregare per la sua anima il confratello vescovo il Cardinale Salvatore De Giorgi, arcivescovo di Palermo.
    Il nostro pensiero e la nostra preghiera vanno anche ai presbiteri, ai diaconi, ai religiosi e a tutti i fedeli della diocesi di Monreale che oggi hanno perso un uomo pio e probo, un insigne studioso e un pastore amorevole e coraggioso che sempre si è adoperato per il bene della sua comunità.



    CATALDO NARO

    Nato a San Cataldo, diocesi di Caltanissetta, il 6 gennaio 1951.
    Ordinato presbitero il 29 giugno 1974;
    eletto alla sede arcivescovile di Monreale il 18 ottobre 2002;
    ordinato vescovo il 14 dicembre 2002.


    Ascolta benigno, Signore,
    le preghiere del tuo popolo
    per il tuo servo Cataldo, vescovo,
    e concedi a lui, che sull'esempio del Cristo
    ha consacrato la vita al servizio della Chiesa,
    di allietarsi per sempre nella compagnia dei santi.
    Per Cristo nostro Signore.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    presbitero cristiano ortodosso
    Data Registrazione
    04 Jan 2005
    Località
    ed eretico perfino di se stesso -contraddisse e si contraddisse
    Messaggi
    2,381
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho già comunicato ad Adriano che Domenica prossima durante la Divina Liturgia della comunità cristiana ortodossa di Palermo sarà cantata la litania dei defunti per la memoria del servo di Dio Cataldo Vescovo della Chiesa del Signore ed angelo custode del popolo che Dio tri-uno a lui aveva affidato a Moanreale

    Cristo nostro vero Dio, per le preghiere della tuttsanta sua Madre, dei santi e gloriosi Apostoli dei nostri santi Padri teofori e di tutti i Santi, collochi il defunto suo servo Cataldo vescovo nel regno dei giusti, lo faccia riposare nel seno di Abramo, e lo enumeri tra i giusti; e abbia pietà di lui e di noi, come buono e amico degli uomini. Amin

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,629
     Likes dati
    1,413
     Like avuti
    1,398
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Condoglianze ai familiari e a chi gli era vicino.

    Pare che a Monreale il "discusso" vescovo emerito, mons. Salvatore Cassisa, continui a mantere le redini della diocesi.

    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=191195

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,629
     Likes dati
    1,413
     Like avuti
    1,398
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.giornotto.it/profilo%20Naro.htm

    Mons. Cataldo Naro


    Monsignor Cataldo Naro è nato a san Cataldo, Diocesi di Caltanissetta, il 6 gennaio 1951. Ha compiuto gli studi umanistici nel Seminario di Caltanissetta e quelli di teologia nella Pontificia Facoltà dell'Italia Meridionale, a Napoli, Sezione San Luigi, conseguendo il baccellierato.
    Ha frequentato la Pontificia Università Gregoriana laureandosi in Storia della Chiesa, ed ha partecipato al corso di Archivistica presso l'Archivio Segreto Vaticano conseguendo il relativo diploma. E' stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1974 per il clero della diocesi di Caltanissetta.
    Ha svolto un intenso impegno pastorale nella sua diocesi di origine: nel 1977 venne incaricato di dirigere l'Archivio storico diocesano, ed assegnato come Vicario coadiutore a San Cataldo - dal 1977 al 1979; è stato prima Vice Assistente e poi Assistente diocesano della Compagnia di S. Angela Merici, dal 1978 al 1991, prima di essere nominato Vice-Assistente della Federazione delle Compagnie Mericiane.
    Ha insegnato Storia e Filosofia presso il Liceo del seminario di Caltanissetta e rettore della Chiesa di S. Giuseppe in San Cataldo, dal 1986-89 ha ricoperto l'incarico di Prefetto degli Studi dell'Istituto teologico Diocesano e dal 1989 al 1991, ha collaborato con il suo Vescovo nella preparazione e nello svolgimento del Sinodo diocesano, in qualità di Segretario del Sinodo. Ha pure tenuto corsi di Storia della Chiesa, Patristica, Archivistica, Storia dell'Arte Cristiana e Metodologia nell'Istituto Teologico diocesano di Caltanissetta.
    Mons. Naro è ben conosciuto in Sicilia per la sua attività accademica, essendo stato Assistente incaricato di Storia della Chiesa presso l'Istituto teologico S. Giovanni Evangelista di Palermo - oggi Facoltà Teologica di Sicilia - dal 1978 al 1993 anno in cui divenne Professore, prima incaricato e poi ordinario della stessa materia. Nello stesso anno fu nominato Vice- Preside della facoltà teologica, incarico che ricoprì fino al 1996, allorché ne fu eletto Preside per due mandati consecutivi La Conferenza Episcopale Italiana lo ha nominato consulente del Servizio nazionale per il progetto Culturale nonché del Consiglio d0'Amministrazione del quotidiano "Avvenire" e del Comitato scientifico delle Settimane Sociali.
    Oltre a collaborare con i giornali "La Sicilia", "L'Osservatore Romano" e "Avvenire" - ha pubblicato studi aventi carattere prevalentemente storico e riguardanti la storia della Chiesa in Sicilia, tra i quali ricordiamo: Il movimento cattolico a Caltanissetta, Caltanissetta 1977; Spiritualità dell'azione e cattolicesimo sociale, Caltanissetta 1989; Chiesa e Società a Caltanissetta tra le due guerre,3 voll., Caltanissetta-Roma 1991; Preti sociali e pastori d'anime, Caltanissetta-Roma 1993. E' molto nota anche la sua attività editoriale, dato che per un decennio, - dal 1977 al 1986 - ha collaborato alle Edizioni del Seminario di Caltanissetta ed è stato Direttore del "centro Studi Cammarata" di San Cataldo, dalla sua fondazione al 1984.

  5. #5
    Utente
    Data Registrazione
    02 Mar 2006
    Messaggi
    2,600
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'eterno riposo donagli, o Signore, e splenda a lui la luce perpetua. Riposi in pace. Amen.

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,378
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  7. #7
    Fiero Conservatore
    Data Registrazione
    26 Aug 2006
    Località
    Guardamiglio
    Messaggi
    131
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Cordoglianze alla diocesi di Monreale per la morte del suo Pastore.

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    6,175
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Era un vanto per la nostra diocesi

    anche se molti all'interno della Chiesa non lo vedevano di buon occhio

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,629
     Likes dati
    1,413
     Like avuti
    1,398
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lepanto, ho trovato questa triste notizia sul tuo defunto vescovo e sulla persistente inquietante presenza del vescovo Cassisa sulla diocesi. Ci spieghi il senso di questa notizia?

    http://flordicactus.splinder.com/archive/2005-07

    Cinisi, la maledizione di non poter cambiare


    checkpost('http://flordicactus.splinder.com/1122133094','5351491');
    Un Vescovo aggredito e quasi malmenato dai fedeli per il trasferimento di un parroco. Volantini anonimi che annunciano ‘oscure manovre’. Politici di paese che improvvisano comizi e chiedono spiegazioni. Siamo tra Cinisi e Monreale, dove è sempre presente l’ombra di Monsignor Cassisa, imputato per innumerevoli reati e sempre assolto. “La nostra maledizione è quella di non poter cambiare mai”, dicono da queste parti.

    CINISI (PA) - Aggredito e quasi malmenato all'uscita della chiesa per aver annunciato il trasferimento di un parroco della sua diocesi. Protagonista dell'episodio è mons. Cataldo Naro, arcivescovo di Monreale, che lo scorso 9 giugno, al termine della messa per le cresime nella parrocchia di Santa Fara a Cinisi, è stato circondato, insultato e strattonato dalla gente, prima di riuscire a raggiungere la sua automobile e a lasciare così il paese, anche con l'aiuto dei carabinieri. È lo stesso mons. Naro a raccontare i fatti in un'intervista al "Giornale di Sicilia" (17/6): "Una donna mi ha tirato la croce che ho al collo, altri si sono aggrappati alla mantellina, altri ancora mi hanno preso alle spalle, colpendomi con pugni da dietro. Sono riuscito ad entrare in auto e la folla si è sfogata contro la vettura. Ancora pugni, urla, calci. Alcune persone hanno portato bambini davanti al cofano per impedire all'autista di andare via subito. Poi, per fortuna, i vigili urbani e i carabinieri sono intervenuti, hanno liberato la strada e siamo riusciti ad andare via".

    Vicesindaco contro arcivescovo
    A scatenare le ire di una parte dei parrocchiani di Santa Fara, la decisione, peraltro concordata con il diretto interessato, di trasferire don Nino La Versa dalla parrocchia di Cinisi, dove era arrivato 5 anni fa, a quella di Altofonte. L'episodio è stato preceduto e accompagnato da manifesti e volantini comparsi a Cinisi, che parlano genericamente di "comitati di affari", "intrighi oscuri', "affari con la mafia", "soci occulti di floride attività commerciali", facendo nomi di laici e di sacerdoti. A soffiare sul fuoco anche il vicesindaco di Cinisi, Giangiacomo Palazzolo (eletto con una lista civica che fa riferimento al centro-destra): prima ha improvvisato un ‘comizio' davanti alla parrocchia di Santa Fara, subito prima della celebrazione delle cresime (e dell'aggressione all'arcivescovo), invitando la popolazione a chiedere spiegazioni al vescovo circa il trasferimento di don La Versa; e qualche giorno dopo, riferisce "Il Giornale di Cinisi" (www.ilgiornaledicinisi.it), in un'intervista all'emit-tente locale Tv7, ha fatto intendere che "il trasferimento di padre Nino fosse quasi un regalo alla mafia" da parte di mons. Naro. Dichiarazione che ha subito fatto scattare da parte dei Democratici di Sinistra di Cinisi e di Giovanni Impastato (fratello di Peppino, ucciso a Cinisi dalla mafia per ordine del boss Gaetano Badalamenti nella notte dell'8-9 maggio 1978) la richiesta di dimissioni del vicesindaco.

    L'eredità di mons. Salvatore Cassisa
    L'aggressione all'arcivescovo Naro, ultimo episodio di una lunga serie di fatti, è solo la punta dell'iceberg del grande disagio che l'arcidiocesi di Monreale vive da almeno 30 anni, cioè dal 24 gennaio 1974, quando viene nominato arcivescovo di Monreale mons. Salvatore Cassisa, più volte implicato – sebbene poi sempre prosciolto – in inchieste penali per collusione mafiosa, appropriazione indebita e falso in atti d'ufficio. Come è avvenuto nel 1991, quando mons. Giuseppe Governanti, parroco della chiesa del Carmine a Monreale e presidente della sezione siciliana del Tribunale ecclesiastico, invia una lettera al card. Camillo Ruini, presidente della Conferenza episcopale italiana, per sollecitare l'invio di un visitatore apostolico che faccia chiarezza sull'operato amministrativo del suo vescovo, appunto mons. Cassisa, riguardo alla ristrutturazione del duomo (v. Adista n. 68/93). Alla Cei, però, la denuncia del sacerdote si insabbia, per tornare poi alla ribalta nel 1993 quando, nel corso di alcune indagini sulle connessioni tra mafia e politica nella gestione degli appalti pubblici, emerge che per il duomo di Monreale erano circolate tangenti miliardarie gestite dal costruttore Angelo Siino, imprenditore che curava anche gli interessi del boss Totò Riina. Fra i vari incartamenti, viene ritrovata anche la lettera di mons. Governanti, che mons. Cassisa provvede immediatamente a destituire da parroco della Chiesa del Carmine, proibendogli anche di celebrare la messa all'interno dei confini della diocesi poiché, si legge nel decreto di destituzione, le affermazioni del sacerdote intendono "intaccare, svilire, pregiudicare il prestigio, la funzione dell'autorità ecclesiastica diocesana". Ma pochi giorni dopo Cassisa è costretto fare marcia indietro per le proteste, che arrivano fino in Vaticano, dei parrocchiani di mons. Governanti.
    Nel gennaio 1994 anche il segretario particolare di mons. Cassisa, don Mario Campisi, viene raggiunto da avviso di garanzia per favoreggiamento mafioso (v. Adista n. 7/94): il suo telefono cellulare sarebbe stato usato dal boss Leoluca Bagarella. Un centinaio di sacerdoti e laici palermitani scrivono allora una nuova lettera a Giovanni Paolo II in cui chiedono, peraltro inutilmente, di consigliare mons. Cassisa affinché, "per coerenza evangelica", "sospenda, almeno temporaneamente, l'esercizio del suo ministero" fino a quando la magistratura non farà luce sulle voci di collusione mafiosa che lo coinvolgono. Intanto, durante le perquisizioni ordinate dalla Procura all'interno del filone di indagini sulla ristrutturazione del duomo, nello studio arcivescovile vengono trovati diversi appunti fitti di sigle, numeri e nomi (fra cui quelli dell'andreottiano on. Mario D'Aquisto, del sen. Gualtiero Nepi, del sen. Giulio Andreotti), nonché documenti bancari relativi a conti aperti presso lo Ior, la banca vaticana (v. Adista n. 28/97). Viene aperto un processo per i reati di corruzione, abuso d'ufficio, falso e truffa da cui, alla fine, mons. Cassisa risulterà prosciolto.
    Qualche anno dopo, mons. Cassisa viene coinvolto in una nuova inchiesta della magistratura per truffa ai danni dell'Unione Europea: l'arcivescovo viene accusato di aver presentato una falsa documentazione al fine di gonfiare la reale estensione di un vigneto di proprietà della Curia di Monreale per ricevere più finanziamenti da parte dell'Ue, il tutto con la complicità di due funzionari dell'ispettorato agricoltura, Antonino Drago e Ignazio Bennati. Dopo essere stato condannato in primo grado e in appello (v. Adista n. 19/2001), la Cassazione nell'ottobre 2003 annulla la sentenza (confermando però le condanne per Drago e Bennati) e ordina un nuovo processo da cui mons. Cassisa viene assolto, nel febbraio 2005, in quanto la "situazione probatoria" risulta "alquanto incerta".

    Dimissioni senza abbandonare il Palazzo
    Intanto, il 24 maggio 1997, mons. Cassisa aveva abbandonato la guida dell'arcidiocesi di Monreale per sopraggiunti limiti di età. Sembrava che le dimissioni di mons. Cassisa avrebbero messo fine alla situazione di disagio in cui versava la diocesi. Così invece non fu e così non è ancora. Infatti, quelle dimissioni è come se non ci fossero state del tutto, essendosi venuta a crare una situazione unica e strana, tacitamente consentita e protetta dal card. Giovambattista Re, prefetto della Congregazione vaticana dei vescovi: mons. Cassisa continua a vivere nel palazzo vescovile da dove mantiene relazioni, esercita potere di influenza e di condizionamento su persone, comportamenti e scelte, che scoraggiano, quando non impediscono, ogni ipotesi di cambiamento nella vita della diocesi. Il suo immediato successore, mons. Pio Vigo, che aveva accettato a malincuore la promozione dalla diocesi di Nicosia a quella di Monreale, dopo qualche anno getta la spugna e chiede al Vaticano di essere trasferito altrove, accettando anche la ‘retrocessione' – fatto inusitato nella carriera ecclesiastica – nella meno importante diocesi di Acireale.

    Mons. Naro: una vittima dei poteri dominanti
    L'arrivo di mons. Cataldo Naro aveva acceso la speranza di un ritorno alla normalità. Ma la persistente presenza di mons. Cassisa, insieme agli ultimi episodi di cronaca, ne hanno rivelato l'insuccesso. È questo il clima che ha voluto denunciare Nino Alongi, personaggio di spicco nel laicato cattolico palermitano, in un suo commento all'episodio di Cinisi nelle pagine di Palermo del quotidiano "la Repubblica" (19/9): "Mons. Cataldo Naro è stato vittima, più che dei suoi parrocchiani, della ‘mentalità dominante', voluta e difesa dal potere, che paralizza e impedisce a questa isola di progredire. Non a caso è rimasto solo". "Da quando ha preso sulle sue spalle il peso della diocesi, il vescovo si è posto seriamente il problema del rinnovamento della presenza della Chiesa nel territorio partendo dalla riorganizzazione delle parrocchie", trascurando però un piccolo particolare: "ha dimenticato che da noi non è possibile cambiare". Questa "è la nostra maledizione", prosegue Alongi. "I rapporti che si sono stabiliti negli anni sono immodificabili. Le situazioni, anche le più assurde, devono permanere. Da questo punto di vista c'è una perfetta sintonia tra la politica dei palazzi e l'azione pastorale dell'autorità ecclesiastica".

    Fonti :Adista - terrelibere.i

  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,378
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    C'è poco da commentare, ma molto materiale per riflettere e pregare. Per la cronaca Mons. Cassisa è stato costretto dalla Santa Sede a lasciare Monreale.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-01-10, 17:16
  2. Mons. Giuseppe Betori nuovo Arcivescovo Metropolita di Firenze
    Di Colombo da Priverno nel forum Cattolici
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 26-10-08, 21:16
  3. Assassinato Mons. Paulos Faraj Rahho, arcivescovo di Mosul
    Di TheDruid (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 14-03-08, 01:40
  4. Mons. Benotto nuvo arcivescovo di Pisa
    Di Popolare nel forum Cattolici
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 04-02-08, 13:49
  5. Nel primo anniversario della dipartita di mons. Cataldo Naro
    Di Colombo da Priverno nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-09-07, 14:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •