User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Jun 2009
    Messaggi
    13,051
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Prefazione libro di Preve "Elogio del Comunitarismo"

    ELOGIO DEL COMUNITARISMO.

    Non è cosa semplice scrivere la prefazione a questo volume di Costanzo Preve.

    Non è semplice per due motivi l primo è che l’opera rappresenta , a parere di chi scrive, il raggiungimento della piena maturita’ del pensiero previano per la sistematicita’ dell’esposizione che chiude in modo esemplare anni di studi e di interventi sul “Comunitarismo” pubblicati su diverse Riviste, ed in particolare sull’omonima testata.

    Il secondo motivo è la grandiosita’ della sfida che Preve lancia ai suoi lettori, ormai sempre piu’ numerosi, è cioe’ la ricomposizione di un pensiero occidentale comunitario e potremmo dire “comunistico” filtrato attraverso lo strumento della critica, il famoso rasoio di Occam ,che investe secoli di filosofia dell’Occidente.

    E’ il tentativo riuscito e fecondo di ulteriori sviluppi sul terreno pratico, di ri-costruire un pensiero “forte” filosofico e concettuale per gli anni a venire, districandosi magistralmente attraverso la pesante eredita’ del pensiero occidentale, che non viene giustamente ne’ rifiutato ne’ demonizzato dall’Autore, ma interpretato alla luce del detto popolare ed intriso di saggezza che invita a “non buttare il bambino con l’acqua sporca “.

    Il “bambino” in questione è il fil rouge che lega secoli di pensiero occidentale al desiderio ed all’aspirazione al vivere comunitario, al sentirsi e viversi come Comunita’, contrapposto alla visione atomistica, individualista e utilitaristica che trionfa nei tempi che stiamo vivendo.

    Questa dicotomia tra Comunitarismo ed individualismo, non è vissuta da Preve con astio, ne’ tantomeno come nostalgia per i “tempi che furono” ma al contrario, in modo pacato ma deciso, presenta ai lettori il caleidoscopio attraverso il quale filtrano tante luci ed ombre, contraddizioni , suggestione diverse tra loro ma che ricomposte alla luce di una visione di liberazione dell’individuo in una Comunita’ solidale trovano una nuova collocazione al di la’ della soffocante “idelogizzazione” del Novecento.

    È bene, infatti, sottolineare come il libro non sia affatto ed in alcun modo un manifesto ideologico di un nuovo “ismo” da aggiungere ai tanti “ismi” che hanno contribuito ad affollare la scena mondiale del Novecento, in particolare, ma un’elogio di una visione universalista ed umanistica che scevra da visioni “comunitariste” false o “frettolose” puo’ costituire un saldo ancoraggio per chi oggi naviga nel mare magnum del crollo delle ideologie.

    Il percorso operato dall’Autore infatti, contempla una pars destruens che attraverso un imponente opera di critica serrata al pensiero comunitario che pure nei secoli si è espresso in fenomeni politici che hanno portato a visioni totalitarie ed all’annichilimento dell’Uomo in realta’ sociali e statuali coercitive e poliziesche , mediante la rivisitazione critica del pensiero di Marx e delle sue successive interpretazioni kaustkiane ed engelsiane che ne hanno costituito un indubbia “alterazione” e ipostatizzaione, ma restando fedele all’intuizione che Marx sia stato un elemento fondamentale del pensiero comunitarista e che i comunisti non siano altro che “comunitaristi frettolosi e radicali”.

    Va infatti, sottolineato che nonostante la feroce critica del Comunismo storico e novecentesco e dei suoi macroscopici errori , Preve resta comune convinto della necessita’ di un pensiero forte di matrice anticapitalista, solo che a differenza di altri, non ne auspica uno qualunque esso sia, ma cosa ben piu’ difficile, ne propone uno scevro dagli errori insiti nel determinismo economicistico o peggio nell’operaismo degli anni sessanta, ai quali attribuisce la inevitabile deriva verso la realizzazione del Comunismo in un apparato burocratico oppressivo.

    L’Autore non si limita alla critica del comunismo noventesco, al cui crollo nel 1991 comunque annette esiti anche negativi, come la consegna del mondo allo strapotere unipolare esercitato dagli USA , ma sottopone ad una critica feroce e serrata quelle false visioni “comunitarie” come il fascismo ed il nazismo , viste come vere e proprie aberrazioni dove l’Uomo è schiacciato ed oppresso in nome di uno statalismo imperniato sulla Razza nel caso del nazismo e sulla Nazione nel caso del fascismo, in tutti e due i casi soggetto ad un moderno Leviatano che opprime e comprime le piu’ elementari liberta’ individuali dell’essere umano.

    In questo caso Preve sgombra il campo dai tanti equivoci che il termine “Comunitarismo” suscita in alcuni ambienti culturali e politici, perche’ per Preve, non esiste “comunitarismo” senza liberta’ dell’Uomo e senza la necessaria condivisione di momenti partecipativi all’agora’ed alla vita della comunita’.

    Una comunita’ aperta alla partecipazione, quindi essenzialmente democratica, non certo secondo i canoni della “liberaldemocrazia” fondata sull’accumulo di ricchezze personali e sui bombardamenti “umanitari” necessari a salvaguardare i primi, vera e propria creazione artificiale novecentesca, basata sulla teoria liberale dell’originarieta’ del concetto di uomo-proprietario e sulla teoria della democrazia come consegna della sovranita’ popolare a caste di burocrati partitici incaricati di esprimerne la rappresentanza.

    Cio’ che deve essere chiaro al lettore,infatti, è che alla luce del citato adagio che invita a “non buttare il bambino con l’acqua sporca” Preve invita , seppur alla luce di un intransigente anticapitalismo, a non cadere nella trappola di rifiutare con esso , la necessaria difesa delle liberta’ individuali e con esse , in primis, la liberta’ di espressione del proprio pensiero, vero e proprio caposaldo di una vera comunita’ di eguali .

    Ripercorrendo a ritroso la genesi e lo sviluppo del pensiero occidentale con la necessaria sinteticita’ ,ma mai concedendosi a frettolose interpretazioni che non siano supportate dalle fonti e dalla loro analisi, Preve rintraccia un filo di Arianna che lega il pensiero aristotelico , all’illuminismo di Rousseau , all’idealismo di Fichte ed Hegel, sino a Marx.

    Quel che lega questi grandi filosofi occidentali è la ricerca di un pensiero che rifondi il nesso comunitario soffocato ed a volte disintegrato dallo sviluppo delle forze produttive del capitalismo e dall’individualismo proprietario ad esso inesorabilmente legato.

    La forza del capitalismo nel promuovere la divisione del lavoro ed i ruoli sociali ad esso connessi, viene visto da Preve come il motore del processo disgregativo, che solo un comunitarismo capace di rigettare tentazioni totalitarie puo’ agevolmente contrastare .


    In questo contesto digregante e disgregato , non si puo’ assolutamente vagheggiare alcun improponibile ritorno al passato ,cosa peraltro neppure auspicabile ed impossibile da attuare, ma razionamente usare gli strumenti di cui si dispone per ripartire da un pensiero nuovo, ma non originale nel senso etimologico del termine, perche’ frutto di secoli di elaborazione filosofica e culturale che deve riuscire a permeare il substrato collettivo.

    Mi perdonera’ Preve, se trovo la sua impostazione in qualche modo gramsciana nella sua lucida consapevolezza che la cultura fa la politica e non viceversa e che le grandi idee sono la linfa per ogni azione di tipo politico.

    Senza un impianto teorico degno di questo nome , fondare o ri-fondare partiti e partitini che non fanno altro che replicare visioni del mondo sconfitte e sorpassate non fa fare alcun passo in avanti a chi ancora sogna un futuro anticapitalista e socialista , se non rassicurare il “militante identitario” nelle sue certezze fallimentari.

    Il Comunitarismo , lo ripeto, non è un ‘ideologia, ma come dimostra Preve, una corrente di pensiero viva e vitale, frutto di elaborazioni e sovrapposizioni storiche che oggi ne determinano l’attualita’ e la necessita’, non in nome di presunti determinismi storici,ma per la sua naturale tendenza a rappresentare un esigenza umana e collettiva di liberazione dall’alienazione della merce e del profitto.

    E’ questa la grande lezione che Preve ci consegna con questo libro di cui consiglio vivamente la lettura, sia a chi gia’ ne apprezza le idee e il percorso, sia a chi ne ha fatto oggetto di critiche ingenerose ed idiote , probabilmente per no averne colto la coerenza etica.

    Etica, si, un termine al quale Preve restituisce la dovuta dignita’ ed importanza, derivante dal greco ethos, e che impone o imporrebbe all’Uomo di procedere in modo dubitativo e veritativo,all’adccertamento della fondatezza delle idee :metodo questo applicato dal filosofo torinese in tutto il suo tormentato percorso culturale, condotto sempre nel segno della coerente ricerca della Verita’, anche scomoda ,ma produttiva di ulteriori “balzi in avanti”, tutto il contrario di chi fino a 20 anni fa inneggiava alla “classe proletaria come soggetto intermodale della trasformazione” ed oggi inneggia,con la stessa ottusita’, alla bonta’ della globalizzazione liberale vista come la “vera profezia marxiana”.E’ anche una questione di stile.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Jun 2011
    Messaggi
    4,173
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Di chi è la prefazione?
    Saluti

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Jun 2009
    Messaggi
    13,051
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mia.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Jun 2011
    Messaggi
    4,173
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pietro
    Mia.
    Complimenti
    Che casa editrice lo pubblica?

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Jun 2009
    Messaggi
    13,051
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Smile

    Ti ringrazio per i complimenti....evidentemente è fatta in maniera decente..La casa editrice è ancora in forse ..ci sono due o tre candidature...adesso vedremo.Ciao

    Citazione Originariamente Scritto da Franzele
    Complimenti
    Che casa editrice lo pubblica?

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    24 May 2005
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2,706
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Allora, oltre alla scontata premessa che non ho letto il libro del prof. Preve, e che quindi queste considerazioni sono 'generali', trovo conferma della direzione verso la quale mi sembra si 'evolva' (od involva, questione, mi consentirete, di punti di vista) il pensiero previano. Indubitabile il suo recupero della matrice greca ( aristotelica sopra tutto) e della convinzione quindi che la così detta "autonomia della società" (cioè la capacità di 'cambiare' le cose) e quella dei suoi membri (capacità di scegliere le cose da cambiare) siano congiunte ed ottenibili solo in reciproca connessione ; altrettanto indubitale è il suo recupero dell' esprit dei philosophes del XVIII sec. e della loro tensione al progresso inteso come 'viaggio verso una meta ben definita', meta dentificata con la "felicità universale" a sua volta definita dalla "soddisfazione della somma totale dei bisogni umani" ( e si può continuare....somma totale delle "lamentele" non ancora soddisfatte). Insomma il sogno Kantiano di un possibile governo democratico del globo, dato per ineluttabile per la sfericità stessa della terra. c' è altro, molto altro nel pensiero di Preve, ma qeste componenti iniziano a farsi preminenti ?

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    24 May 2005
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2,706
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Naturalmente non ho usato a caso il termine 'società'. Sull' estromissione dei 'fascismi' dal 'comunitarismo' non ritengo nè utile, nè opportuno rispondere, perchè il dialogo tale non sarebbe (da nessuna delle due parti).

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    11,188
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Innanzitutto i miei complimenti a te Pietro per la prefazione davvero ben fatta, chiara, grammaticalmente e sintatticamente (cosa che pare sia diventata un lusso e non la norma) corretta e ben articolata. Davvero un buon lavoro che fa ben sperare sul libro vero e proprio di Preve.
    Soprattutto mi prendo la briga con piacere di evidenziare questo passo della tua prefazione che a mio parere serve a debellare finalmente una certa visione maliziosa (sia a sinistra che a destra anche se per motivi differenti) del comunitarismo di Preve evidenziando ancora una volta quanto e come sia distante da quello di Thiriart e soci.

    Citazione Originariamente Scritto da Pietro
    L’Autore non si limita alla critica del comunismo noventesco, al cui crollo nel 1991 comunque annette esiti anche negativi, come la consegna del mondo allo strapotere unipolare esercitato dagli USA , ma sottopone ad una critica feroce e serrata quelle false visioni “comunitarie” come il fascismo ed il nazismo , viste come vere e proprie aberrazioni dove l’Uomo è schiacciato ed oppresso in nome di uno statalismo imperniato sulla Razza nel caso del nazismo e sulla Nazione nel caso del fascismo, in tutti e due i casi soggetto ad un moderno Leviatano che opprime e comprime le piu’ elementari liberta’ individuali dell’essere umano.

    In questo caso Preve sgombra il campo dai tanti equivoci che il termine “Comunitarismo” suscita in alcuni ambienti culturali e politici, perche’ per Preve, non esiste “comunitarismo” senza liberta’ dell’Uomo e senza la necessaria condivisione di momenti partecipativi all’agora’ed alla vita della comunita’
    Ed adesso vediamo chi avrà ancora voglia di liquidare Preve ed i comunitaristi come astuti fascisti infiltrati.

    A luta continua

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    24 May 2005
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2,706
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per chiarire meglio : sembra lo sforzo (razionalistico e del razionalismo) di recuperare la nozione di "PROGRESSO" nell' accezione appunto del XVVIII sec, accezione, oggi, evidentemente sfumata apparendo questo non più subordinato a finalità esterne e superiori, quali l' emancipazione e il benessere dell' umanità (intera). Il progresso è divenuto drammaticamente, spettacolarmente un "movimento senza causa", refrattario e sfuggente a qualsiasi controllo che procede per proprio conto senza una direzione prevedibile e prevista. Questa la radice quindi di una certa opposizione alla 'globalizzazione', vista anche come perdita di 'controllo' dell' uomo sul proprio destino.

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 Jul 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    21,394
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Complimenti vivissimi a pietro!
    Mi schiero con Sandinista, in toto, nel commento.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Prefazione del "libro anti-Faye" di Tahir de la Nive
    Di Saloth nel forum Destra Radicale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 01-04-08, 20:51
  2. Elogio Del Comunitarismo - Libro
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 06-09-06, 16:52
  3. Elogio del Comunitarismo di Costanzo Preve
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-07-06, 21:09
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-09-05, 12:24
  5. Contributo di Preve su "Comunitarismo" luglio 2003
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-02-05, 00:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •