User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Graduale Romanum

  1. #1
    torquemada
    Ospite

    Predefinito Graduale Romanum

    Un mio articolo sul Graduale Romanum da San Pio X a Paolo VI

    http://www.politicaonline.net/forum/...hreadid=185605

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La storia del Canto Gregoriano è estremamente complessa. Un mio sacerdote studioso di cose antiche mi ha donato la raccolta degli antichi canti "Romanae Ecclesiae" - proprio in senso locale - ove si trovano proprio i primi canti in greco cantati in stile bizantino, i momenti del passaggio, ed il primo gregoriano.
    L'anti co canto gregoriano era scritto indicando solo l'altezza, così come fa il canto bizantino che non ha nemmeno il tetragramma, ma il sistema a rtigo unico usato anticamente anche ilm occidente.
    Credo che i Corali a cui ti riferisci (San Gallo etc.) siano nati dalla necessità di un canto che, da solista che era in origine (come il Bizantino) dove, a parte alcuni Ipofoni (ritornelli) , un cantore canta l'intero pezzo e il coro fa Iso. In quest'ultimo caso serve solo l'altezza perchè la bravura del cantore sta proprio nel "mettere di suo" quello che la notazione scritta non dice. Per questo si dice di San Giovanni Kucuzelis che la Deipara si rallegrava quando le sentiva cantare! L'intonazione del suo canto era essa stessa perfetta laude.
    Ma una volta che il Gregoriano è divenuto corale nessuno puo "metterci di suo", ne deriverebbe una babilonia anzichè l'armonia del canto liturgico. Così, come si è preso oggi anche in Russia e altrove, si scrive tutto e si canta tutto.
    Una sola domanda, da inesperto di cose musicali: non converrebbe allora usare la notazione moderna? Che vantaggio porta mantenere quella neumatica, oltre che l'attaccamento alla Tradizione?

  3. #3
    torquemada
    Ospite

    Predefinito

    Grazie per l'ottimo intervento. Rispondo all'ultima domanda. Io ho anche le trascrizioni in notazione moderna (io stesso ne ho fatte parecchio ad uso dei miei cantori) ma, mi creda, è meglio insegnare la lettura dei neumi (per chi non sa leggere la musica è anche più facile della musica "mensurata").
    Come dicevo all'amico Guelfo, la lettura di tre notazioni sovrapposte (come nel Graduale Triplex) è un ottimo strumento; richiede un pò di studio zelante ma offre tante soddisfazioni.
    La traduzione nella semiografia musicale moderna comporterebbe, a mio giudizio (condiviso da tutti), un impoverimento. [Per andare OT: perchè tradurre la Messa quando basta insegnare il latino alla gente? ]

  4. #4
    torquemada
    Ospite

    Predefinito

    Posso sottoporre anche a Lei la stessa domanda che ponevo a Guelfo nel 3d di cui sopra?

 

 

Discussioni Simili

  1. Bullarium Romanum
    Di Timoteo nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-01-13, 00:25
  2. Missale Romanum
    Di VivaMaria nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31-07-07, 22:57
  3. Missale Romanum
    Di torquemada nel forum Cattolici
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 25-05-05, 23:52
  4. Missale Romanum
    Di torquemada nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 25-05-05, 16:32
  5. L'evoluzione graduale
    Di Shambler nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-01-03, 20:31

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •