User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Israele-Santa Sede: la polemica si allarga

    Israele-Santa Sede, la polemica si allarga

    di Mattia Bianchi/ 30/07/2005

    Fa ancora discutere la nota con cui il Vaticano ha risposto alle accuse di Israele contro Benedetto XVI. A qualcuno è parsa troppo dura, come al rabbino di Roma Di Segni che punta il dito contro Joaquin Navarro-Valls.



    ROMA - Questioni di forma e di sostanza. La dura nota della Santa Sede in risposta alle polemiche di Israele contro il papa fa ancora discutere e non è riuscita a chiudere il caso diplomatico, seguito al mancato riferimento del pontefice al terrorismo palestinese nell'angelus di domenica. Se il Dear Spiegel tedesco parla di guerra fredda tra Vaticano e Israele, il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, da sempre in dialogo con la chiesa cattolica, ha voluto stigmatizzare la durezza dei toni del documento, apparsa eccessiva. Certo, il gesto è arrivato dopo una polemica pretestuosa da parte del governo israeliano, arrivato addirittura a mettere in discussione, l'impegno di Giovanni Paolo contro ogni forma di terrorismo; tuttavia, spiega Di Segni in un'intervista al Corriere della Sera, "prima di meravigliarci sulla durezza di certi toni, occorre tenere presente che quando la Chiesa parla, come ha fatto stavolta, non parla come autorità morale ma come forza politica".

    Il rabbino esprime "dolore" e "amarezza" per "queste polemiche così chiaramente politiche, questi toni sempre più aspri" e l'augurio che "i toni della polemica si ridimensionino rapidamente". Puntualizzazioni, tra cui ne figura una in particolare rivolta direttamente al direttore della sala stampa della Santa Sede. Nella nota, spiega Di Segni, “abbiamo riconosciuto certi toni assai familiari a Joaquín Navarro Valls, che di solito, con noi, è scortese e duro”. Il giudizio arriva al termine di un'analisi sulla natura del testo diffuso giovedì sera, colto più che altro nella sua valenza politica, dato che “la Santa Sede è un organo, un'istituzione politica e, in quanto tale, ha precisi interessi da tutelare nello scacchiere mediorientale”. Di Segni ha confessato tutto il suo disagio come “uomo di religione”, spiegando tuttavia che una chiave di lettura politica rende “molto meno sorprendente l'intero contenuto della nota vaticana”, un “duro attacco a Israele” che tuttavia non costituisce alcuna novità.

    La speranza è rivolta tutta sul pontefice, a cui il successore di Elio Toaff chiede di “comprendere presto anche i percorsi della politica”. Benedetto XVI ha una storia, spiega, “una formazione culturale di un certo tipo... mentre il mestiere, mi si consenta la metafora, di Pontefice, necessitá anche la conoscenza della diplomazia, l'arte, perché di arte si tratta, della politica”. Come crede si concluderá, questa vicenda? “Posso citare un principio rabbinico?”, chiede Di Segni, “Chi è il saggio? Colui che impara da ogni uomo”.


    korazym.org

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nota della Sala Stampa della Santa Sede


    1. Recenti dichiarazioni da parte israeliana hanno accusato la Santa Sede, e il Papa Giovanni Paolo II in particolare, di non aver manifestato il proprio pensiero nei confronti del terrorismo, che tante volte ha colpito gli abitanti dello Stato di Israele.

    Documenti di pubblico dominio fanno apparire tali dichiarazioni come destituite di ogni fondamento. In realtà il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II ha espresso molte volte e in occasioni di diversa natura il proprio pensiero in merito, sia in riferimento allo Stato di Israele ed ai suoi diritti, sia in riferimento agli obblighi nei confronti del popolo palestinese, nella chiara coscienza che la violenza e il terrorismo non portano alla pace.

    2. Senza avere la pretesa di completezza, si desidera ricordare in particolare alcuni degli interventi del Papa Giovanni Paolo II a condanna delle violenze contro i civili e a favore del diritto dello Stato di Israele a vivere nella sicurezza e nella pace.

    In questo senso Egli si espresse, ad esempio, già nel discorso al Corpo Diplomatico del 12 gennaio 1979 e in quello del 16 gennaio 1982.

    All'Angelus del 4 aprile 1982 espresse la propria amarezza per i "nuovi dolorosi episodi [che] si sono prodotti in Cisgiordania, con morti e feriti, mentre si è accresciuta l'ansietà e l'insicurezza della popolazione".

    All'udienza generale del 15 settembre 1982 chiese che fossero abbandonate da ambo le parti le "forme di lotta armata, alcune delle quali sono state in passato particolarmente spietate e disumane".

    Il 15 gennaio 1983 ammonì che le parti devono poter cessare di vivere nella paura, come anche smettere di ricorrere alla violenza, al terrorismo e alle rappresaglie.

    Nella Lettera apostolica Redemptionis anno del 20 aprile 1984, scrisse, per il popolo ebraico che vive in Israele, che "dobbiamo invocare la desiderata sicurezza e la giusta tranquillità che è prerogativa di ogni nazione e condizione di vita e di progresso per ogni società".

    Tali parole furono ripetute durante l'incontro di Giovanni Paolo II con la Comunità ebraica di Miami l'11 settembre 1987 e con la Comunità ebraica di Vienna il 24 giugno 1988, dove soggiunse che "ricordarsi della Shoà significa anche opporsi ad ogni incitamento alla violenza, e proteggere e promuovere ogni tenero germoglio di libertà e pace con pazienza e costanza".

    E forse che l’affermazione del "diritto inalienabile a vivere in pace" per quanti abitano la Terra Santa, come affermò il Papa il 3 febbraio 1989 ai Vescovi della CELRA (Conferenza Episcopale dei Vescovi Latini nelle Regioni Arabe), non significa anche condanna di chi compie atti di violenza?

    E il 10 ottobre 1990, all'Udienza generale, denunciò le violenze in Gerusalemme davanti alle quali "non è possibile rimanere indifferenti e non condannare".

    Con ferme parole, il 12 gennaio 1991 Giovanni Paolo II disse che "si deve risconoscere che certi gruppi palestinesi hanno scelto, per farsi ascoltare, metodi inaccettabili e condannabili", e che occorre garantire "allo Stato di Israele le giuste condizioni per la sua sicurezza".

    Parlando, poi, all'Angelus del 27 gennaio 1991, del Medio Oriente e del ricorso all'arma del terrorismo, pregò "che Dio allontani da tutti la tentazione di un impiego di simili mezzi contrari ai più elementari principi morali e condannati dal diritto internazionale!".

    Ed incontrando la Comunità ebraica di Brasilia, il 14 ottobre 1991, Giovanni Paolo II fece voti che gli Ebrei, nella loro terra, possano "vivere in pace e in sicurezza".

    Né alcuno ha dimenticato le parole dette all'Angelus del 1° gennaio 1993, quando il Pontefice affermò: "Come non rinnovare una ferma condanna nei confronti della violenza in Medio Oriente, da qualunque parte essa provenga?".

    Ribadì tale posizione il 15 gennaio 1994, quando auspicò che il dialogo prevalesse sugli estremismi e, l'anno successivo, il 9 gennaio 1995, quando osservò come in Terra Santa "la pace non si scrive con lettere di sangue, ma con l'intelligenza e con il cuore". A pochi giorni di distanza, il 22 gennaio dello stesso anno, Giovanni Paolo II espresse dolore e ferma condanna per il grave atto di terrorismo compiuto a Netanya, e fiducia che tutti vedessero il male e l’inutilità della violenza.

    Turbato dalla strage del 30 luglio 1997 al mercato di Gerusalemme, il Papa fece diramare una dura nota dalla Sala Stampa, nella quale si affermò che "La Santa Sede deplora questa violenza cieca che semina la morte indiscriminatamente. Non è con questo genere di azioni che si costruisce la pace. Il Santo Padre ha ricordato più volte che la violenza genera soltanto violenza".

    Il 13 gennaio 2001, riferendosi ai fatti di Betlemme, ricordò come "nessuno deve accettare ... il verificarsi di una specie di guerriglia". L'anno successivo, il 10 gennaio, davanti al Corpo Diplomatico parlò delle vittime innocenti che da una parte e dall’altra cadono ogni giorno sotto i colpi e gli spari, e della necessità di vincere insieme la battaglia della pace. Egli si riferiva al conflitto in atto in Palestina.

    Nel messaggio Urbi et Orbi del 31 marzo 2002 la parola del Pontefice si levò per condannare "la tragica sequenza di atrocità e di assassinii che insanguinano la Terra Santa" e, in occasione dell'attentato suicida del 22 febbraio 2004 a Gerusalemme, Egli espresse la sua ferma deplorazione per il brutale atto, denunciando la dinamica assurda della violenza.

    Ancora un mese e mezzo prima di morire, Giovanni Paolo II, all'Angelus del 13 febbraio, confidò: "Continuo a pregare per la pace in Medio Oriente".

    3. Inoltre, il Papa Giovanni Paolo II, davanti a milioni di persone, nei messaggi Urbi et Orbi, in diversi discorsi alla Curia Romana, nelle catechesi, negli incontri con delegazioni ebraiche ha deplorato nei modi più fermi il terrorismo contro gli abitanti della Terra Santa.

    Anche nel ricordare gli inalienabili diritti del Popolo palestinese, il Sommo Pontefice ha ripetutamente stigmatizzato con parole inequivocabili l’inammissibilità dei metodi violenti che, mediante atti terroristici perpetrati nei confronti della popolazione civile israeliana, hanno impedito le iniziative di pace poste in atto, lungo i trascorsi cinque lustri, da sagge forze politiche sia israeliane sia palestinesi.

    4. Desta penosa sorpresa che possa essere passato inosservato il fatto che, nei trascorsi 26 anni, la voce del Papa Giovanni Paolo II si sia levata tante volte con forza e passione nella drammatica situazione della Terra Santa, a condanna di ogni atto terroristico e ad invito a sentimenti di umanità e di pace.

    Le affermazioni contrarie alla verità storica possono giovare solo a chi intende fomentare animosità e contrasti, e certo non servono a migliorare la situazione.

  3. #3
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
     Likes dati
    0
     Like avuti
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    P. Jaeger: Israele –Santa Sede, una crisi profondissima, che Sharon può risolvere


    di Bernardo Cervellera

    Il francescano israeliano, esperto nelle relazioni fra Israele e Santa Sede, denuncia le cause della crisi e suggerisce alcuni passi da fare per Sharon e per la Chiesa.




    Tel Aviv (AsiaNews) – Una crisi inaspettata e senza precedenti è scoppiata nelle relazioni fra la Chiesa cattolica e il governo d’Israele. Per capirne di più, AsiaNews ha ottenuto un’intervista con il francescano israeliano p. David M. Jaeger. P. Jaeger, un noto esperto legale nelle relazioni fra Santa Sede e Israele.

    Il frate francescano afferma che la crisi profonda fra Israele e Santa Sede ha avuto una causa “banale”: una “falsa crisi”, fatta “scoppiare in modo artigianale” da alcuni funzionari “di basso livello” del Ministero degli Esteri, per nascondere inoperosità e ritardi nel completare l’Accordo Fondamentale fra Israele e Santa Sede.

    Secondo il frate, il primo Ministro Sharon - che in passato ha sempre apprezzato la Chiesa Cattolica, Giovanni Paolo II e lo stesso Benedetto XVI – non sapeva nulla di tutta questa messinscena.

    P. Jaeger suggerisce al governo Sharon i passi da fare per salvare le relazioni: scuse al Papa e alla memoria di Giovanni Paolo II e ripresa immediata dei negoziati fino a completamento.

    Il padre francescano si dice amareggiato che in questi giorni, di fronte alla “propaganda dell’odio” propinata dai membri del Ministero degli Esteri, non vi sia stato in Israele una voce capace di parlare “in lingua ebraica” a nome della Chiesa locale. Egli auspica perciò che cresca sempre di più in Israele un “soggetto ecclesiale” che porti nel mondo israeliano, in lingua ebraica, le preoccupazioni e la visione della Chiesa cattolica, in dialogo con la comunità d’Israele.

    Ecco il testo completo dell’intervista a p. David M. Jaeger.



    P. Jaeger, come mai questa crisi all’improvviso?

    Anche nelle relazioni internazionali capita che grossi fatti nascono da cause molto banali: un funzionario di basso livello del Ministero israeliano degli Esteri non ha fatto i suoi “compiti a casa”, per prepararsi all’incontro con la delegazione della Santa Sede fissata per il 25 luglio. All’ultimo momento aveva bisogno di trovare disperatamente una scusa per cancellare l’incontro: tutto qui.

    La storia comincia il 23 agosto 2003, quando il Ministero degli esteri tutt’a un tratto ritira la sua delegazione dai negoziati con la Santa Sede, anche tutti gli appuntamenti futuri e si rifiuta di accordarsi su nuove date. Tutto questo è contrario alle obbligazioni prese da Israele con la firma degli Accordi Fondamentali fra Santa Sede e stato d’Israele: l’articolo n. 10 obbliga Israele a negoziare in buona fede “un accordo completo” sul regime fiscale da applicare alla Chiesa cattolica e sulle proprietà della Chiesa.

    Lo stallo in cui si era caduti ha spinto all’azione anche personalità del Congresso e la stessa Amministrazione degli Stati Uniti. In occasione della visita del Primo Ministro israeliano alla Casa Bianca il 14 aprile 2004, Sharon e il suo popolo hanno promesso di riprendere i negoziati con la Santa Sede e di sostenerli per giungere a piena conclusione.

    In effetti, i negoziati sono ripartiti nell’estate 2004, ma all’inizio del 2005, alcuni rappresentanti israeliani minori hanno ricominciato a creare difficoltà, rendendo sempre più difficile lo stesso incontrarsi. Ormai, la loro politica – se ne hanno una – è incomprensibile. È stato chiesto loro di mettere per iscritto i loro piani, per capire come rispondere e come programmare una ripresa dei negoziati. Ad un incontro del 15 giugno, essi promettono di preparare un documento scritto per l’incontro seguente, fissato al 19 luglio. Con l’avvicinarsi di questa data, essi hanno fatto capire che non avevano ancora preparato il loro compito e hanno chiesto di ritardare l’incontro al 25 luglio. Ma anche a questa data non erano pronti. Il loro timore è che questa politica di cancellare sempre tutti gli incontri, evitando i negoziati, è incompatibile con le promesse fatte a Washington e potrebbe creare difficoltà all’interno dello stesso governo israeliano. Da qui l’idea di far scoppiare in modo artigianale una falsa crisi il 25 aprile, dopo aver dato un’occhiata veloce all’Angelus di Benedetto XVI su Internet. Per sfuggire alle critiche americane e forse alle critiche dello stesso governo israeliano, dovevano fare un attacco al papa particolarmente feroce, ed è ciò che hanno fatto. Come è stato notato da molti, l’attacco era scritto in grande fretta, pieno di errori di lingua ebraica…

    Ma perché attaccare perfino la memoria di Giovanni Paolo II?

    Questo è il punto dove le cose sono andate oltre ogni misura. Le obbligazioni del trattato sono state fatte a Giovanni Paolo II, l’amico più grande che il popolo ebraico abbia mai avuto. L’unico modo per giustificare il rifiuto era di attaccare la memoria di questo santo pontefice, che solo poco tempo fa è stato esaltato dal governo israeliano. Sono passate poche settimane da quando il governo israeliano ha diffuso un francobollo commemorativo alla memoria di Giovanni Paolo II, e ha mandato un ministro a presenziare l’inaugurazione del pontificato di Benedetto XVI.

    Passerà alla storia questo fatto

    Lei dice che gli attacchi al papa sono frutto della mente di alcuni funzionari minori, contrari alla linea del Primo Ministro. É possibile?

    Cero. Il Primo ministro in questi giorni era impegnato totalmente con la sua importantissima visita al presidente francese; con le controversie e i drammi attorno al ritiro da Gaza; con le Procura generale che ha accusato suo figlio… Sono certo che egli non è stato informato in nessun modo sullo stupefacente atteggiamento di alcuni funzionari di basso livello del Ministero degli Esteri. Questi hanno tentato di demolire uno degli elementi più importanti nelle relazioni internazionali dello stato d’Israele. Non so cosa potrà fare ora il Primo ministro: se prenderà l’iniziativa di riparare il danno, o se coprirà le malefatte dei funzionari. Ad ogni modo, in passato Sharon ha compreso molto bene l’importanza delle relazioni con la Chiesa cattolica. Lo si è visto dalle sue promesse a Washington sulla ripresa dei negoziati. Ancora prima, è stato lui – incoraggiato dal presidente Bush e da tutti i cristiani del mondo – a cancellare la decisione del suo predecessore(il Primo Ministro Barak), di far costruire una moschea proprio di fronte alla basilica dell’Annunciazione a Nazareth. Il Primo Ministro Sharon ha la possibilità di isolare il funzionario responsabile dell’offesa e riportare in alto il buon nome dello stato d’Israele.

    Quali potrebbero essere le mosse del governo per far terminare la crisi?

    Va detto anzitutto che la crisi è di proporzioni gigantesche: mai il governo di Israele (o un altro governo del mondo civile) ha lanciato accuse così crude e attacchi così violenti al capo della Chiesa cattolica, sia al pontefice regnante, sia alla memoria del suo immediato predecessore, sia – in qualche modo – a tutta la Chiesa e a tutti i cattolici. Ad ogni modo si potrebbe riparare senza troppe difficoltà. Penso che il capo del governo dovrebbe fare due passi contemporaneamente:

    1) una presentazione di scuse piene e senza riserve a Benedetto XVI e alla memoria del santo papa Giovanni Paolo II;

    2) un riconoscimento pieno e senza riserve delle obbligazioni verso la Santa Sede prese dallo stato d’Israele con la firma dell’Accordo Fondamentale del 1993. Questo implica una piena adesione ad esso, compreso un’immediata, piena ripresa dei negoziati, esplicitamente richiesti dall’articolo 10 dell’Accordo Fondamentale. Tali passi sono richiesti dal punto di vista morale e legale e hanno la possibilità di riparare all’immenso danno causato dalla superficialità di alcune persone.

    P.Jaeger, lei ha speso molti anni di lavoro nel cercare di costruire le relazioni fra Santa Sed e Israele. Come si sente in questi giorni?

    Non riesco nemmeno a dire una parola, per come mi sento. Il dolore è davvero grande.

    C’è qualcosa d’altro da imparare da questa crisi?

    Certo. Questa crisi fa emergere la difficile situazione in cui versa la Chiesa cattolica in Israele: essa non ha alcuna struttura che sia capace e desiderosa di parlare al pubblico ebraico e di prendere parte alle problematiche che si discutono nell’opinione pubblica. Nonostante lai molti volti della presenza della Chiesa in Terra Santa, la Chiesa cattolica è assente dalla società e dalla popolazione israeliana di lingua ebraica. In tutta questa settimana, mentre la propaganda dell’odio veniva diffusa dal ministero degli esteri e da quelli da esso istigati, non c’era nessuno in grado di rispondere: nessuno in Israele, in lingua ebraica, nei media israeliani, di fronte al pubblico israeliano. Il campo è completamente abbandonato

    Non conosco un’altra nazione dove la Chiesa è sprovvista allo stesso modo di rappresentanza pubblica, senza nemmeno un addetto stampa, capace e desideroso di impegnarsi nel dialogo con la nazione ebraica, usando la lingua ebraica. Questo è un problema che va risolto in modo stabile, così che in tempi di crisi, sia sempre possibile trovare un portavoce della Chiesa, capace di dialogare e interloquire con i media nazionali.

    Si è discusso e scritto per anni sul bisogno di stabilire un soggetto ecclesiale capace di di essere la Chiesa nella nazione israeliana, proprio come la Chiesa, presente in ogni altra nazione, secondo il comando del Signore e l’insegnamento del Concilio Vaticano II.

    Questa presenza è di fondamentale importanza anche per ogni altro aspetto della vita della Chiesa in Terra Santa. Essa è nell’interesse di tutte le altre comunità nazionali all’interno della comunità ecclesiale. Ma questo è un discorso che va affrontato più avanti in altre occasioni.



    asianews.it

  4. #4
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    NOTA DELLA SALA STAMPA SULL'ARTICOLO DEL JERUSALEM POST

    CITTA' DEL VATICANO, 29 LUG. 2005 (VIS).- La Sala Stampa della Santa Sede
    ha pubblicato, nel tardo pomeriggio di ieri 28 luglio, una nota riguardo
    alla dichiarazione che il Sig. Barkan, funzionario del Ministero degli Esteri
    d'Israele, ha rilasciato al periodico Jerusalem Post, del 26 luglio.



    1. "L'insostenibilità della pretestuosa accusa rivolta al Papa Benedetto
    XVI per non aver menzionato anche l'attacco terroristico di Netanya del 12
    luglio dopo la preghiera dell'Angelus di domenica 24 luglio, non può non
    essere apparsa evidente a chi l'ha sollevata. Forse anche per questo si è
    cercato di sostenerla, spostando l'attenzione su asseriti silenzi di Giovanni
    Paolo II circa gli attentati degli anni passati contro Israele, inventando
    anche che, al riguardo, il Governo d'Israele sarebbe in passato intervenuto
    ripetutamente presso la Santa Sede, e richiedendo che con il nuovo Pontificato
    la Santa Sede cambi atteggiamento."



    2. "In merito si fa presente che:



    a. Gli interventi di Giovanni Paolo II contro ogni forma di terrorismo e
    contro singoli atti di terrorismo nei confronti di Israele sono stati numerosi
    e pubblici, come appare dall'unita Nota.



    b. Non sempre ad ogni attentato contro Israele è stato possibile far seguire
    subito una pubblica dichiarazione di condanna, e ciò per diversi motivi,
    tra l'altro per il fatto che gli attentati contro Israele talora erano seguiti
    da immediate reazioni israeliane non sempre compatibili con le norme del
    diritto internazionale. Sarebbe stato pertanto impossibile condannare i primi
    e passare sotto silenzio le seconde.



    c. Così come il Governo israeliano comprensibilmente non si lascia dettare
    da altri ciò che esso deve dire, nemmeno la Santa Sede può accettare di ricevere
    insegnamenti e direttive da alcun'altra autorità circa l'orientamento ed
    i contenuti delle proprie dichiarazioni".



    Unita alla nota, è stata pubblicato anche un allegato nel quale sono stati
    ricordati alcuni interventi del Papa Giovanni Paolo II tra il 1979 e un mese
    e mezzo prima della Sua morte, nel febbraio 2005, nei quali ha condannato
    la violenza contro la popolazione civile a favore del diritto dello Stato
    d'Israele a vivere nella sicurezza e nella pace.



    "Desta penosa sorpresa -si legge alla fine del testo- che possa essere
    passato inosservato il fatto che, nei trascorsi 26 anni, la voce del Papa
    Giovanni Paolo II si sia levata tante volte con forza e passione nella drammatica
    situazione della Terra Santa, a condanna di ogni atto terroristico e ad invito
    a sentimenti di umanità e di pace. Le affermazioni contrarie alla verità
    storica possono giovare solo a chi intende fomentare animosità e contrasti,
    e certo non servono a migliorare la situazione."
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

  5. #5
    Servitore dell'Unico
    Data Registrazione
    25 Feb 2005
    Messaggi
    990
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ma perchè rabbi Di Segni non si limita a fare il rabbino, invece di intervenire (a che titolo?) nelle questioni diplomatiche tra due Stati Sovrani?
    “Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero”

    Proverbio arabo

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    17,020
     Likes dati
    18
     Like avuti
    1,817
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    "Ma come , non hanno ancora abolito il cattolicesimo?"
    La famosa artista idolo delle folle :" si figuri che uno ha addirittura scritto che avrei dovuto investire i MIEI soldi comprando un bar! Io!!!! La barista!!!!"

  7. #7
    Ministrare non Ministrari
    Data Registrazione
    26 Sep 2004
    Località
    Non mortui laudabunt te Domine: neque omnes qui descendunt in infernum. Sed nos qui vivimus, benedicimus Domino, ex hoc nunc et usque in sæculum.
    Messaggi
    866
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Aveveno già cercato di abolirlo circa duemila anni fa, crocifiggendo un Re giudeo di Nazaret.

  8. #8
    Cattolico Resiliente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Avete il novo e ’l vecchio Testamento, e ’l pastor de la Chiesa che vi guida; questo vi basti a vostro salvamento. Se mala cupidigia altro vi grida, uomini siate, e non pecore matte, sì che ’l Giudeo di voi tra voi non rida! (Dante: Paradiso Canto V)
    Messaggi
    6,174
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by shambler
    "Ma come , non hanno ancora abolito il cattolicesimo?"
    Ciao Shamb! Hai visto il video di Di Segni mentre tiene una lezione alla sede del Grande Oriente d'Italia?
    Tema della conferenza: "Le leggi noachidi".
    Una chicca imperdibile... (e poi dicono che i massoni non sono i camerieri dei giudei).

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    17,020
     Likes dati
    18
     Like avuti
    1,817
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    No, ultimamente mi occupo solo di video cricetali.
    Leggi noachidi ? E che dice Gribisi?
    La famosa artista idolo delle folle :" si figuri che uno ha addirittura scritto che avrei dovuto investire i MIEI soldi comprando un bar! Io!!!! La barista!!!!"

  10. #10
    Cattolico Resiliente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Avete il novo e ’l vecchio Testamento, e ’l pastor de la Chiesa che vi guida; questo vi basti a vostro salvamento. Se mala cupidigia altro vi grida, uomini siate, e non pecore matte, sì che ’l Giudeo di voi tra voi non rida! (Dante: Paradiso Canto V)
    Messaggi
    6,174
     Likes dati
    0
     Like avuti
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by shambler
    No, ultimamente mi occupo solo di video cricetali.
    Leggi noachidi ? E che dice Gribisi?
    Se vuoi ti invio privatamente il link... ma non vorrei turbare i tuoi sogni in questa già torrida estate.

    PS
    Gribisi è morto! Chissà con quale nick sarà risorto?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. L'idillio tra la Santa Sede ed Israele è finito?
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 09-06-09, 18:44
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-12-08, 19:50
  3. Risposte: 115
    Ultimo Messaggio: 24-03-08, 02:16
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-03-08, 13:08
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-11-05, 12:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •