User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 57
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
     Likes dati
    655
     Like avuti
    1,110
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    di Camillo Langone

    Il Giornale, 21 agosto 2001





    Cari maschi in ascolto, ecco il libro che fa per noi. Purtroppo nelle librerie italiane ancora non si trova, è un testo americano che verrà tradotto chissà quando e chissà se, ma poco male: adesso ve lo sintetizzo io. Si intitola Catching fire. How cooking made us human (un po’ liberamente: «“Giocando col fuoco”. Come cucinare ci ha fatto diventare umani») e l’autore è Richard Wrangham, professore ad Harvard.

    Embè? direte voi. A che cosa può servirci la storia dei fornelli se non siamo cuochi o ristoratori o produttori di pentole? Serve a tutti, datemi retta, serve a tutti. Avete saputo che Umberto Veronesi, il gran scienziato, ha proclamato dalle pagine di Repubblica che l’uomo è finito, biologicamente finito? La donna, che già con l’inseminazione artificiale può figliare senza il fastidio di un amplesso, presto potrà clonare se stessa e a quel punto avrà risolto pure il problema dello sperma. I tradizionali fornitori di seme (noialtri maschietti) saranno così divenuti completamente inutili e senza molte alternative: diventare tutti omosessuali o suicidarsi in massa. Il pensiero femminile è superiore a quello maschile, dice Veronesi che evidentemente giudica il lavoro del proprio cervello come una stupenda eccezione, e gli inferiori che cosa ci stanno a fare a questo mondo? Che ruolo possono ancora ricoprire, subumani che non sono altro? Che dignità pretendono di vedersi riconosciuta, con quei corpi obsoleti che si ritrovano?

    Quello dell’ex ministro della Sanità è un discorso allucinante, certo, discriminatorio, eccome, e il film che proietta sugli schermi dell’immaginazione è orwelliano per non dire nazista (con la differenza che per gli hitleriani il discrimine era la razza mentre per i tecnoscienziati è il sesso). Questo però non ci autorizza a prendere la faccenda sottogamba, come fosse il vaneggiamento di un pazzo. Ci sono molti segnali che, al contrario, inducono a pensare che il vero pazzo sia colui che non prende sul serio le parole di Veronesi. La pillola abortiva, appena introdotta in Italia fra gli applausi dei nichilisti di destra e di sinistra, è un ulteriore passo verso l’espulsione dell’uomo dalla scena della procreazione. Il potere di dare la vita (partorire) o di dare la morte (abortire) è ormai tutto in mano alla donna e colui che l’ha fecondata non ha alcuna voce in capitolo, come il fuco con l’ape regina. Anche se l’uomo avesse qualcosa da opinare la legge gli impone di starsene buono e a cuccia.
    Non gli restano, non ci restano molte armi: una di queste sembra che sia la cucina, almeno a dar retta al professor Wrangham. Come il cibo ci ha fatto diventare umani così può farci ridiventare uomini. Catching fire spiega che i ruoli si sono differenziati a partire dall’alimentazione, dalla pappa: da una parte l’uomo cacciatore, dall’altra la donna angelo del focolare. Insomma gli antenati se la vedevano coi mammut mentre le antenate badavano ai mocciosi e al pasto.

    Questo schema perfetto non si è estinto insieme agli elefanti lanosi, è riuscito a sopravvivere per migliaia di anni e ha tirato le cuoia solo verso la fine del Ventesimo secolo, ucciso dagli anticoncezionali e dal lavoro femminile. Come farlo rivivere? L’autore non ci aiuta molto, appare più forte nella diagnosi che nella terapia e poi, non va dimenticato, è pur sempre un professore di Harvard, l’università americana «che non offrirebbe neanche un caffè a un oratore conservatore» come ha detto Anne Coulter, la bionda amazzone del politicamente scorrettissimo. Wrangham, per intenderci, crede nella superstizione pseudoscientifica che ci considera discendenti dalle scimmie, fa lo stesso, l’importante è che abbia individuato nella cucina il luogo cruciale in cui i generi si differenziano. «Ho scoperto che in ogni società umana è la donna a cucinare per l’uomo. Il che fa della cucina un discrimine molto più del sesso. Una donna che cucina per un uomo che non è il suo compie un tradimento ben più grave dell’atto sessuale». I dongiovanni prendano nota. La preparazione del cibo produce una tale intimità che poi, dopo cena, passare al dunque è un gioco da ragazzi.

    Per chi dongiovanni non è si tratta non di una questione erotica bensì di potere, scusate se è poco. Per riprendere il sopravvento in casa e nella società, insomma per rimettersi i pantaloni, bisogna che la donna venga indotta a rimanere il più tempo possibile tra i fornelli. Con le lusinghe, ovvio. Bisogna smettere di criticarla quando guarda «La prova del cuoco» in televisione. Bisogna regalarle magnifici grembiuli e un nuovo set di padelle scintillanti. Bisogna dirle che è bravissima anche se il risotto è scotto e la torta si sbriciola appena la guardi.

    Soprattutto bisogna smettere di affiancarla o, peggio, di sostituirla nello spignattamento. Vi piace cucinare? Fatevi passare questa voglia assurda dedicandovi a passatempi più virili, che so, la pipa, la falegnameria o appunto la caccia che ha garantito ai nostri progenitori una inscalfibile immagine macho. Infine Wrangham ci mette in guardia dal pericolo del cosiddetto «foodism», come nel mondo anglofono viene chiamata l’abitudine di mangiare cibi crudi tipo sushi, sashimi, carpaccio. Pare sia qualcosa di orribilmente animalesco, essendo solo l’abitudine a cucinare, dice il professore, a fare di noi degli umani. Dal nostro punto di vista, il punto di vista maschile, la questione è un’altra: se si mangiano cibi crudi nessuno cucina e se nessuno cucina la donna ha tutto il tempo di complottare insieme a Umberto Veronesi contro l’uomo. Bisogna quindi rilanciare la moda delle lunghe cotture: ne usciranno piatti di laboriosa digestione ma almeno avremo tenuto a lungo occupata la nostra dolce, temibile metà.


    Maschio, vuoi sopravvivere? Non cucinare - Cultura - ilGiornale.it del 20-08-2009
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
     Likes dati
    3,543
     Like avuti
    657
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    La serietà di questo articolo è ben evidente nel punto in cui definisce il darwninismo una teoria psedoscientifica ....:gluglu:

    A me piace cucinare e pulisco casa :giagia: la mia ragazza mi stira i panni giacchè son negato.

  3. #3
    dannati lavori in pelle!
    Data Registrazione
    18 May 2009
    Località
    Battlestar Galactica
    Messaggi
    238
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Citazione Originariamente Scritto da Mr. Right Visualizza Messaggio
    Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    di Camillo Langone

    Il Giornale, 21 agosto 2001





    Cari maschi in ascolto, ecco il libro che fa per noi. Purtroppo nelle librerie italiane ancora non si trova, è un testo americano che verrà tradotto chissà quando e chissà se, ma poco male: adesso ve lo sintetizzo io. Si intitola Catching fire. How cooking made us human (un po’ liberamente: «“Giocando col fuoco”. Come cucinare ci ha fatto diventare umani») e l’autore è Richard Wrangham, professore ad Harvard.

    Embè? direte voi. A che cosa può servirci la storia dei fornelli se non siamo cuochi o ristoratori o produttori di pentole? Serve a tutti, datemi retta, serve a tutti. Avete saputo che Umberto Veronesi, il gran scienziato, ha proclamato dalle pagine di Repubblica che l’uomo è finito, biologicamente finito? La donna, che già con l’inseminazione artificiale può figliare senza il fastidio di un amplesso, presto potrà clonare se stessa e a quel punto avrà risolto pure il problema dello sperma. I tradizionali fornitori di seme (noialtri maschietti) saranno così divenuti completamente inutili e senza molte alternative: diventare tutti omosessuali o suicidarsi in massa. Il pensiero femminile è superiore a quello maschile, dice Veronesi che evidentemente giudica il lavoro del proprio cervello come una stupenda eccezione, e gli inferiori che cosa ci stanno a fare a questo mondo? Che ruolo possono ancora ricoprire, subumani che non sono altro? Che dignità pretendono di vedersi riconosciuta, con quei corpi obsoleti che si ritrovano?

    Quello dell’ex ministro della Sanità è un discorso allucinante, certo, discriminatorio, eccome, e il film che proietta sugli schermi dell’immaginazione è orwelliano per non dire nazista (con la differenza che per gli hitleriani il discrimine era la razza mentre per i tecnoscienziati è il sesso). Questo però non ci autorizza a prendere la faccenda sottogamba, come fosse il vaneggiamento di un pazzo. Ci sono molti segnali che, al contrario, inducono a pensare che il vero pazzo sia colui che non prende sul serio le parole di Veronesi. La pillola abortiva, appena introdotta in Italia fra gli applausi dei nichilisti di destra e di sinistra, è un ulteriore passo verso l’espulsione dell’uomo dalla scena della procreazione. Il potere di dare la vita (partorire) o di dare la morte (abortire) è ormai tutto in mano alla donna e colui che l’ha fecondata non ha alcuna voce in capitolo, come il fuco con l’ape regina. Anche se l’uomo avesse qualcosa da opinare la legge gli impone di starsene buono e a cuccia.
    Non gli restano, non ci restano molte armi: una di queste sembra che sia la cucina, almeno a dar retta al professor Wrangham. Come il cibo ci ha fatto diventare umani così può farci ridiventare uomini. Catching fire spiega che i ruoli si sono differenziati a partire dall’alimentazione, dalla pappa: da una parte l’uomo cacciatore, dall’altra la donna angelo del focolare. Insomma gli antenati se la vedevano coi mammut mentre le antenate badavano ai mocciosi e al pasto.

    Questo schema perfetto non si è estinto insieme agli elefanti lanosi, è riuscito a sopravvivere per migliaia di anni e ha tirato le cuoia solo verso la fine del Ventesimo secolo, ucciso dagli anticoncezionali e dal lavoro femminile. Come farlo rivivere? L’autore non ci aiuta molto, appare più forte nella diagnosi che nella terapia e poi, non va dimenticato, è pur sempre un professore di Harvard, l’università americana «che non offrirebbe neanche un caffè a un oratore conservatore» come ha detto Anne Coulter, la bionda amazzone del politicamente scorrettissimo. Wrangham, per intenderci, crede nella superstizione pseudoscientifica che ci considera discendenti dalle scimmie, fa lo stesso, l’importante è che abbia individuato nella cucina il luogo cruciale in cui i generi si differenziano. «Ho scoperto che in ogni società umana è la donna a cucinare per l’uomo. Il che fa della cucina un discrimine molto più del sesso. Una donna che cucina per un uomo che non è il suo compie un tradimento ben più grave dell’atto sessuale». I dongiovanni prendano nota. La preparazione del cibo produce una tale intimità che poi, dopo cena, passare al dunque è un gioco da ragazzi.

    Per chi dongiovanni non è si tratta non di una questione erotica bensì di potere, scusate se è poco. Per riprendere il sopravvento in casa e nella società, insomma per rimettersi i pantaloni, bisogna che la donna venga indotta a rimanere il più tempo possibile tra i fornelli. Con le lusinghe, ovvio. Bisogna smettere di criticarla quando guarda «La prova del cuoco» in televisione. Bisogna regalarle magnifici grembiuli e un nuovo set di padelle scintillanti. Bisogna dirle che è bravissima anche se il risotto è scotto e la torta si sbriciola appena la guardi.

    Soprattutto bisogna smettere di affiancarla o, peggio, di sostituirla nello spignattamento. Vi piace cucinare? Fatevi passare questa voglia assurda dedicandovi a passatempi più virili, che so, la pipa, la falegnameria o appunto la caccia che ha garantito ai nostri progenitori una inscalfibile immagine macho. Infine Wrangham ci mette in guardia dal pericolo del cosiddetto «foodism», come nel mondo anglofono viene chiamata l’abitudine di mangiare cibi crudi tipo sushi, sashimi, carpaccio. Pare sia qualcosa di orribilmente animalesco, essendo solo l’abitudine a cucinare, dice il professore, a fare di noi degli umani. Dal nostro punto di vista, il punto di vista maschile, la questione è un’altra: se si mangiano cibi crudi nessuno cucina e se nessuno cucina la donna ha tutto il tempo di complottare insieme a Umberto Veronesi contro l’uomo. Bisogna quindi rilanciare la moda delle lunghe cotture: ne usciranno piatti di laboriosa digestione ma almeno avremo tenuto a lungo occupata la nostra dolce, temibile metà.


    Maschio, vuoi sopravvivere? Non cucinare - Cultura - ilGiornale.it del 20-08-2009
    Ai deliri del signor Veronesi, preferisco le tesi del dottor Claudio Risè :

    Claudio Risé
    Confederazione delle 12 Colonie







  4. #4
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    60,211
     Likes dati
    11,425
     Like avuti
    21,139
    Mentioned
    978 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Citazione Originariamente Scritto da Manfr Visualizza Messaggio
    La serietà di questo articolo è ben evidente nel punto in cui definisce il darwninismo una teoria psedoscientifica ....:gluglu:

    A me piace cucinare e pulisco casa :giagia: la mia ragazza mi stira i panni giacchè son negato.
    Nel nostro caso specifico, se non cucinasse, non sopravviverebbe lui e non sopravviveremmo noi.

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

  5. #5
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
     Likes dati
    655
     Like avuti
    1,110
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Camillo Langone è la nostra piccola àncora....

    rego: rego: rego: rego: rego:
    SADNESS IS REBELLION

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
     Likes dati
    8,551
     Like avuti
    7,136
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Citazione Originariamente Scritto da Manfr Visualizza Messaggio
    La serietà di questo articolo è ben evidente nel punto in cui definisce il darwninismo una teoria psedoscientifica ....:gluglu:

    A me piace cucinare e pulisco casa :giagia: la mia ragazza mi stira i panni giacchè son negato.
    Anche perchè cucinare è divertente, stirare è noioso,


    ma tanto ci sono le donne per questo. hefico::gluglu:
    "Insomma se è in gamba, ti porta l'aereo così basso.. ehehehe...
    Lei dovrebbe vederlo, è uno spettacolo: un gigante come il B-52.... BHOOAAAMMM!!!!.. con i gas di scarico t'arrostisce le oche vive!!"

  7. #7
    Barbaro
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    43,644
     Likes dati
    8,621
     Like avuti
    17,603
    Mentioned
    506 Post(s)
    Tagged
    55 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Il problema resta quello del lavoro , costringere/persuadere una donna a cucinare è molto più semplice quando sta in casa , se lavora dove lo trova il tempo e la voglia di farlo?
    ti fa i surgelati e altri cibi pronti , poi sparecchia e lava i piatti e finisce li'...
    PATRIMONIALE PROGRESSIVA SU IMMOBILI, DEPOSITI, PRODOTTI FINANZIARI, RENDITE E SUCCESSIONI!

  8. #8
    Individuo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    770
     Likes dati
    0
     Like avuti
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Citazione Originariamente Scritto da Mr. Right Visualizza Messaggio
    Camillo Langone è la nostra piccola àncora....

    rego: rego: rego: rego: rego:
    Onore a Camillo Langone hefico:
    Me ne fregio !
    E.Petrolini

    Non mi dite che sono incoerente,perchè lo so già.

  9. #9
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
     Likes dati
    22
     Like avuti
    86
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Citazione Originariamente Scritto da Mr. Right Visualizza Messaggio
    Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    di Camillo Langone

    Il Giornale, 21 agosto 2001





    Cari maschi in ascolto, ecco il libro che fa per noi. Purtroppo nelle librerie italiane ancora non si trova, è un testo americano che verrà tradotto chissà quando e chissà se, ma poco male: adesso ve lo sintetizzo io. Si intitola Catching fire. How cooking made us human (un po’ liberamente: «“Giocando col fuoco”. Come cucinare ci ha fatto diventare umani») e l’autore è Richard Wrangham, professore ad Harvard.

    Embè? direte voi. A che cosa può servirci la storia dei fornelli se non siamo cuochi o ristoratori o produttori di pentole? Serve a tutti, datemi retta, serve a tutti. Avete saputo che Umberto Veronesi, il gran scienziato, ha proclamato dalle pagine di Repubblica che l’uomo è finito, biologicamente finito? La donna, che già con l’inseminazione artificiale può figliare senza il fastidio di un amplesso, presto potrà clonare se stessa e a quel punto avrà risolto pure il problema dello sperma. I tradizionali fornitori di seme (noialtri maschietti) saranno così divenuti completamente inutili e senza molte alternative: diventare tutti omosessuali o suicidarsi in massa. Il pensiero femminile è superiore a quello maschile, dice Veronesi che evidentemente giudica il lavoro del proprio cervello come una stupenda eccezione, e gli inferiori che cosa ci stanno a fare a questo mondo? Che ruolo possono ancora ricoprire, subumani che non sono altro? Che dignità pretendono di vedersi riconosciuta, con quei corpi obsoleti che si ritrovano?

    Quello dell’ex ministro della Sanità è un discorso allucinante, certo, discriminatorio, eccome, e il film che proietta sugli schermi dell’immaginazione è orwelliano per non dire nazista (con la differenza che per gli hitleriani il discrimine era la razza mentre per i tecnoscienziati è il sesso). Questo però non ci autorizza a prendere la faccenda sottogamba, come fosse il vaneggiamento di un pazzo. Ci sono molti segnali che, al contrario, inducono a pensare che il vero pazzo sia colui che non prende sul serio le parole di Veronesi. La pillola abortiva, appena introdotta in Italia fra gli applausi dei nichilisti di destra e di sinistra, è un ulteriore passo verso l’espulsione dell’uomo dalla scena della procreazione. Il potere di dare la vita (partorire) o di dare la morte (abortire) è ormai tutto in mano alla donna e colui che l’ha fecondata non ha alcuna voce in capitolo, come il fuco con l’ape regina. Anche se l’uomo avesse qualcosa da opinare la legge gli impone di starsene buono e a cuccia.
    Non gli restano, non ci restano molte armi: una di queste sembra che sia la cucina, almeno a dar retta al professor Wrangham. Come il cibo ci ha fatto diventare umani così può farci ridiventare uomini. Catching fire spiega che i ruoli si sono differenziati a partire dall’alimentazione, dalla pappa: da una parte l’uomo cacciatore, dall’altra la donna angelo del focolare. Insomma gli antenati se la vedevano coi mammut mentre le antenate badavano ai mocciosi e al pasto.

    Questo schema perfetto non si è estinto insieme agli elefanti lanosi, è riuscito a sopravvivere per migliaia di anni e ha tirato le cuoia solo verso la fine del Ventesimo secolo, ucciso dagli anticoncezionali e dal lavoro femminile. Come farlo rivivere? L’autore non ci aiuta molto, appare più forte nella diagnosi che nella terapia e poi, non va dimenticato, è pur sempre un professore di Harvard, l’università americana «che non offrirebbe neanche un caffè a un oratore conservatore» come ha detto Anne Coulter, la bionda amazzone del politicamente scorrettissimo. Wrangham, per intenderci, crede nella superstizione pseudoscientifica che ci considera discendenti dalle scimmie, fa lo stesso, l’importante è che abbia individuato nella cucina il luogo cruciale in cui i generi si differenziano. «Ho scoperto che in ogni società umana è la donna a cucinare per l’uomo. Il che fa della cucina un discrimine molto più del sesso. Una donna che cucina per un uomo che non è il suo compie un tradimento ben più grave dell’atto sessuale». I dongiovanni prendano nota. La preparazione del cibo produce una tale intimità che poi, dopo cena, passare al dunque è un gioco da ragazzi.

    Per chi dongiovanni non è si tratta non di una questione erotica bensì di potere, scusate se è poco. Per riprendere il sopravvento in casa e nella società, insomma per rimettersi i pantaloni, bisogna che la donna venga indotta a rimanere il più tempo possibile tra i fornelli. Con le lusinghe, ovvio. Bisogna smettere di criticarla quando guarda «La prova del cuoco» in televisione. Bisogna regalarle magnifici grembiuli e un nuovo set di padelle scintillanti. Bisogna dirle che è bravissima anche se il risotto è scotto e la torta si sbriciola appena la guardi.

    Soprattutto bisogna smettere di affiancarla o, peggio, di sostituirla nello spignattamento. Vi piace cucinare? Fatevi passare questa voglia assurda dedicandovi a passatempi più virili, che so, la pipa, la falegnameria o appunto la caccia che ha garantito ai nostri progenitori una inscalfibile immagine macho. Infine Wrangham ci mette in guardia dal pericolo del cosiddetto «foodism», come nel mondo anglofono viene chiamata l’abitudine di mangiare cibi crudi tipo sushi, sashimi, carpaccio. Pare sia qualcosa di orribilmente animalesco, essendo solo l’abitudine a cucinare, dice il professore, a fare di noi degli umani. Dal nostro punto di vista, il punto di vista maschile, la questione è un’altra: se si mangiano cibi crudi nessuno cucina e se nessuno cucina la donna ha tutto il tempo di complottare insieme a Umberto Veronesi contro l’uomo. Bisogna quindi rilanciare la moda delle lunghe cotture: ne usciranno piatti di laboriosa digestione ma almeno avremo tenuto a lungo occupata la nostra dolce, temibile metà.


    Maschio, vuoi sopravvivere? Non cucinare - Cultura - ilGiornale.it del 20-08-2009
    giusto per dire,Umberto Veronesi è tornato all'assalto oggi sul Corriere,in un articolo intitolato "Lettera alle donne:serve un nuovo femminismo".
    Veronesi ci snocciola 10 punti di forza delle donne,come la motivazione al lavoro e l'attaccamento agli ideali del lavoro stesso (insomma una donna fa propri i principi di un Ente statatale in cui lavora),l'innegabile senso di giustizia molto più sviluppato nelle donne,poi la tendenza all'armonia,maggiore capacità intellettuale ed altri. La chicca migliore è l'ultima,ossia il decimo motivo: la donna è portatrice di pace.
    A me è parso un insieme di luoghi comuni e di poiticamente corretto,non so voi...
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  10. #10
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    120,265
     Likes dati
    18,161
     Like avuti
    25,856
    Mentioned
    633 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Rif: Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare

    Grande Langone.
    La resurrezione della civiltà ario-europea passa per la rinascita della virilità dell'uomo bianco europeo.
    Ultima modifica di Giò; 21-08-09 alle 15:05

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. sapete cucinare?
    Di Fulvia nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 06-01-10, 01:43
  2. Maschio vuoi sopravvivere? Non cucinare
    Di Giò nel forum Destra Radicale
    Risposte: 165
    Ultimo Messaggio: 26-08-09, 22:46
  3. Sapete cucinare?
    Di Dufresna nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 24-12-05, 09:29
  4. Sapete cucinare?
    Di Oli nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 22-06-04, 17:56
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-05-03, 22:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •