User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    Ritorno a Strapaese
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    4,767
     Likes dati
    0
     Like avuti
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Il 20% degli scienziati atei è spiritualista
    Il presunto scontro epocale tra scienza e fede che ci è stato presentto a lungo come una sfida mortale tra i due contendenti, sta tramontando.



    Il confine e le relazioni tra scienza, ateismo, religione e spiritualità hanno una valenza significativa in un’epoca che, dopo il Positivismo ed il Relativismo, si apre su un nuovo orizzonte tracciato da significative tendenze alla scoperta di originali forme di spiritualità.

    A cercare di censire la situazione attuale è uno studio compiuto da un team di scienziati della Rice University, che sarà pubblicato nel numero di giugno di Sociology of Religion. Da tale lavoro emerge che più del 20 per cento degli scienziati atei ha anche una forte componente di spiritualità.

    Malgrado nell’opinione pubblica il concetto e le pratiche della spiritualità vengano spesso considerate sinonimi e sovrapponibili completamente alla dimensione ed all’esperienza religiosa, la ricerca rileva che la spiritualità è un’idea separata da quella di religiosità. Si tratta di una realtà che, per gli scienziati “spirituali atei”, si allinea maggiormente alle scoperte scientifiche.

    Il risultato è stato ricavato da una serie di interviste approfondite con 275 scienziati naturali e sociali, in varie università d’élite.

    I ricercatori di Rice evidenziano che il 72 degli scienziati ammettono di avere una certa forma di spiritualità che è coerente con la scienza, anche se non sono formalmente religiosi.

    “I nostri risultati mostrano che gli scienziati ritengono la religione e la spiritualità come qualitativamente diverse”, spiega Elaine Howard Ecklund,. direttore del Religion and Public Life Program presso la Rice University.

    “Questi scienziati atei spirituali sono alla ricerca di un intimo senso di verità attraverso la spiritualità, una spiritualità che è generato dal e coerente con il lavoro che fanno”, aggiunge Ecklund.

    Essi vedono tanto la scienza quanto la spiritualità come “una creazione di senso senza”e come una ricerca individuale di senso che non può mai essere definitiva.

    Secondo la ricerca, essi trovano la scienza affine e congruente con la con la spiritualità ma separata dalla religione, perché mentre la spiritualità è aperta al metodo ed alle logiche scientifiche, la religione richiede, invece, l’assunzione di un verità non dimostrabili e prive di prove concrete.

    “C’è spiritualità anche tra gli scienziati più laici”,ribadisce Ecklund.

    “La spiritualità pervade il pensiero sia religioso sia ateo. Non è un aut-aut. Questo fatto mette in discussione la convinzione comune che gli scienziati, ed altri gruppi che in genere vengono etichettati come laici, non si pongano e non cerchino di rispondere ai grandi quesiti esistenziali ‘Perché esisto?’, ‘che senso ha la mia vita?’, ‘da dove vengo?’, ‘dove vado?’. “Anch’essi si fanno queste domande fondamentali dell’uomo ed hanno il desiderio di trovare un senso “, aggiunge Ecklund.

    “Mentre i dati indicano che la spiritualità è soprattutto un esercizio individuale per gli scienziati accademici, non è individualista nel senso classico di renderli più concentrati su se stessi”.

    “Nella loro prospettiva, essere spirituali li spinge a dare un aiuto per gli altri, e reindirizza il loro modo di pensare ed il loro lavoro di scienziati”.

    Così, anche nella sfera della scienza che, per secoli ha tentato di rimuovere tutto ciò che aveva una qualche vaga connessione con una dimensione altra, diversa dal semplice materialismo e dal qui ed ora, possiamo scorgere una serie di significativi segnali deboli, già seminati da vari filosofi e scienziati nel passato, ma restati, sino ad ora, spesso sterili.

    Come ampiamente analizzato nel libro Wellthiness, alcuni leggono tale fenomeno come un’evidenza che la scienza sia una nuova forma di spiritualità che, da ultimo, non sarebbe null’altro fuorichè un religione laica, con suoi rituali, suoi sacerdoti, suoi culti, e, persino suoi dogmi.

    Invero c’è anche un’altra chiave di lettura di quanto sta accadendo. Una prospettiva che parte dalle nuove sensibilità e che rende ragione del fatto che inizia ad essere sempre meno un tabù o assurdo il pensiero di un Einstein quando afferma che la scienza e la religione non siano necessariamente antitetiche ma che la seconda inizia dove la prima, necessariamente, si ferma.

    C’è, dunque una complementarità, una continuità che non può essere spezzata o scissa perchè è parte del nostro essere umani, della nostra esistenza e, malgrado tutti gli sforzi di razionalizzazione, di estromettere dalla nostra vita la dimensione della spiritualità e della religiosità, non possiamo abolirla.

    Il 20% degli scienziati atei è spiritualista « Wellthiness Blog
    "Non posso lasciarti né obliarti: / il mondo perderebbe i colori / ammutolirebbero per sempre nel buio della notte / le canzoni pazze, le favole pazze". (V. Solov'ev)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ritorno a Strapaese
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    4,767
     Likes dati
    0
     Like avuti
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Dev'essere proprio un'esigenza ineludibile nell'uomo quella di cercare il sacro...eh miei cari amici atei?
    "Non posso lasciarti né obliarti: / il mondo perderebbe i colori / ammutolirebbero per sempre nel buio della notte / le canzoni pazze, le favole pazze". (V. Solov'ev)

  3. #3
    Logiké Latreía
    Data Registrazione
    28 Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,442
     Likes dati
    30
     Like avuti
    660
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    24

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    e l'altro 80pecciento?
    gene normanno

  4. #4
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
     Likes dati
    50
     Like avuti
    121
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Citazione Originariamente Scritto da Aganto Visualizza Messaggio
    e l'altro 80pecciento?
    Magari l'ha già trovato...
    Ultima modifica di :Esther:; 26-03-12 alle 13:30
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

  5. #5
    Logiké Latreía
    Data Registrazione
    28 Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,442
     Likes dati
    30
     Like avuti
    660
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    24

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    vi piacciono i film a lietofine vabè
    gene normanno

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Dec 2011
    Messaggi
    308
     Likes dati
    2
     Like avuti
    81
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Citazione Originariamente Scritto da Strapaesano Visualizza Messaggio
    Il 20% degli scienziati atei è spiritualista
    Il presunto scontro epocale tra scienza e fede che ci è stato presentto a lungo come una sfida mortale tra i due contendenti, sta tramontando.



    Il confine e le relazioni tra scienza, ateismo, religione e spiritualità hanno una valenza significativa in un’epoca che, dopo il Positivismo ed il Relativismo, si apre su un nuovo orizzonte tracciato da significative tendenze alla scoperta di originali forme di spiritualità.

    A cercare di censire la situazione attuale è uno studio compiuto da un team di scienziati della Rice University, che sarà pubblicato nel numero di giugno di Sociology of Religion. Da tale lavoro emerge che più del 20 per cento degli scienziati atei ha anche una forte componente di spiritualità.

    Malgrado nell’opinione pubblica il concetto e le pratiche della spiritualità vengano spesso considerate sinonimi e sovrapponibili completamente alla dimensione ed all’esperienza religiosa, la ricerca rileva che la spiritualità è un’idea separata da quella di religiosità. Si tratta di una realtà che, per gli scienziati “spirituali atei”, si allinea maggiormente alle scoperte scientifiche.

    Il risultato è stato ricavato da una serie di interviste approfondite con 275 scienziati naturali e sociali, in varie università d’élite.

    I ricercatori di Rice evidenziano che il 72 degli scienziati ammettono di avere una certa forma di spiritualità che è coerente con la scienza, anche se non sono formalmente religiosi.

    “I nostri risultati mostrano che gli scienziati ritengono la religione e la spiritualità come qualitativamente diverse”, spiega Elaine Howard Ecklund,. direttore del Religion and Public Life Program presso la Rice University.

    “Questi scienziati atei spirituali sono alla ricerca di un intimo senso di verità attraverso la spiritualità, una spiritualità che è generato dal e coerente con il lavoro che fanno”, aggiunge Ecklund.

    Essi vedono tanto la scienza quanto la spiritualità come “una creazione di senso senza”e come una ricerca individuale di senso che non può mai essere definitiva.

    Secondo la ricerca, essi trovano la scienza affine e congruente con la con la spiritualità ma separata dalla religione, perché mentre la spiritualità è aperta al metodo ed alle logiche scientifiche, la religione richiede, invece, l’assunzione di un verità non dimostrabili e prive di prove concrete.

    “C’è spiritualità anche tra gli scienziati più laici”,ribadisce Ecklund.

    “La spiritualità pervade il pensiero sia religioso sia ateo. Non è un aut-aut. Questo fatto mette in discussione la convinzione comune che gli scienziati, ed altri gruppi che in genere vengono etichettati come laici, non si pongano e non cerchino di rispondere ai grandi quesiti esistenziali ‘Perché esisto?’, ‘che senso ha la mia vita?’, ‘da dove vengo?’, ‘dove vado?’. “Anch’essi si fanno queste domande fondamentali dell’uomo ed hanno il desiderio di trovare un senso “, aggiunge Ecklund.

    “Mentre i dati indicano che la spiritualità è soprattutto un esercizio individuale per gli scienziati accademici, non è individualista nel senso classico di renderli più concentrati su se stessi”.

    “Nella loro prospettiva, essere spirituali li spinge a dare un aiuto per gli altri, e reindirizza il loro modo di pensare ed il loro lavoro di scienziati”.

    Così, anche nella sfera della scienza che, per secoli ha tentato di rimuovere tutto ciò che aveva una qualche vaga connessione con una dimensione altra, diversa dal semplice materialismo e dal qui ed ora, possiamo scorgere una serie di significativi segnali deboli, già seminati da vari filosofi e scienziati nel passato, ma restati, sino ad ora, spesso sterili.

    Come ampiamente analizzato nel libro Wellthiness, alcuni leggono tale fenomeno come un’evidenza che la scienza sia una nuova forma di spiritualità che, da ultimo, non sarebbe null’altro fuorichè un religione laica, con suoi rituali, suoi sacerdoti, suoi culti, e, persino suoi dogmi.

    Invero c’è anche un’altra chiave di lettura di quanto sta accadendo. Una prospettiva che parte dalle nuove sensibilità e che rende ragione del fatto che inizia ad essere sempre meno un tabù o assurdo il pensiero di un Einstein quando afferma che la scienza e la religione non siano necessariamente antitetiche ma che la seconda inizia dove la prima, necessariamente, si ferma.

    C’è, dunque una complementarità, una continuità che non può essere spezzata o scissa perchè è parte del nostro essere umani, della nostra esistenza e, malgrado tutti gli sforzi di razionalizzazione, di estromettere dalla nostra vita la dimensione della spiritualità e della religiosità, non possiamo abolirla.

    Il 20% degli scienziati atei è spiritualista « Wellthiness Blog
    Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Ebbene, il Dio (Cristiano) è un Spirito che è ovunque, cioè Onnipresente; che può tutto, cioè Onnipotente; e che sa tutto, cioè Onnisciente!
    Perciò chi vuol conoscerlo deve essere (in un certo senso) “spiritualista” giacchè va ricercato “in Spirito e verità” (Gv.4:24).

  7. #7
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    661
     Likes dati
    23
     Like avuti
    51
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Citazione Originariamente Scritto da Strapaesano Visualizza Messaggio
    Dev'essere proprio un'esigenza ineludibile nell'uomo quella di cercare il sacro...eh miei cari amici atei?
    Sicuramente, come la ricerca del piacere. Cercarlo non vuol dire trovarlo però, e soprattutto non vuol dire trovarlo dove è più scontato che ci sia (ovvero in una chiesa, per dire). Senza contare che, come dal testo riportato, spiritualità non vuol dire religiosità, o religione e, come mi sono sempre ripromesso di enunciare e non l'ho mai fatto per mancanza di tempo ed energie, ateismo non vuol dire materialismo o nichilismo.

    La ricerca di senso è un bisogno ineludibile dell'uomo, ciò che psicologicamente lo differenzia dagli altri animali (per chi ha dimestichezza con l'argomento, parlo degli studi di Liotti sui sistemi motivazionali). Non vedo dove sia lo "scandalo" dello spiritualismo degli scienziati atei.

    Resurgens
    Dei due tipi di idealismo, quello teologico merita rispetto per i risultati ottenuti, quello razionalistico per le sue intenzioni - H. P. Lovecraft

  8. #8
    Ritorno a Strapaese
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    4,767
     Likes dati
    0
     Like avuti
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Citazione Originariamente Scritto da Resurgens Visualizza Messaggio
    Sicuramente, come la ricerca del piacere. Cercarlo non vuol dire trovarlo però, e soprattutto non vuol dire trovarlo dove è più scontato che ci sia (ovvero in una chiesa, per dire). Senza contare che, come dal testo riportato, spiritualità non vuol dire religiosità, o religione e, come mi sono sempre ripromesso di enunciare e non l'ho mai fatto per mancanza di tempo ed energie, ateismo non vuol dire materialismo o nichilismo.

    La ricerca di senso è un bisogno ineludibile dell'uomo, ciò che psicologicamente lo differenzia dagli altri animali (per chi ha dimestichezza con l'argomento, parlo degli studi di Liotti sui sistemi motivazionali). Non vedo dove sia lo "scandalo" dello spiritualismo degli scienziati atei.

    Resurgens
    Infatti non è uno scandalo, è la prova lampante che l'uomo è per natura essere religioso.
    "Non posso lasciarti né obliarti: / il mondo perderebbe i colori / ammutolirebbero per sempre nel buio della notte / le canzoni pazze, le favole pazze". (V. Solov'ev)

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    661
     Likes dati
    23
     Like avuti
    51
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Citazione Originariamente Scritto da Strapaesano Visualizza Messaggio
    Infatti non è uno scandalo, è la prova lampante che l'uomo è per natura essere religioso.
    Preferirei il termine "ricercatore di senso", piuttosto che religioso, poiché la religione non è l'unica risposta che si può dare. L'articolo stesso è esplicito a riguardo:
    Secondo la ricerca, essi trovano la scienza affine e congruente con la con la spiritualità ma separata dalla religione, perché mentre la spiritualità è aperta al metodo ed alle logiche scientifiche, la religione richiede, invece, l’assunzione di un verità non dimostrabili e prive di prove concrete.
    Resurgens
    Dei due tipi di idealismo, quello teologico merita rispetto per i risultati ottenuti, quello razionalistico per le sue intenzioni - H. P. Lovecraft

  10. #10
    Ritorno a Strapaese
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    4,767
     Likes dati
    0
     Like avuti
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il 20% degli scienziati atei è spiritualista

    Citazione Originariamente Scritto da Resurgens Visualizza Messaggio
    Preferirei il termine "ricercatore di senso", piuttosto che religioso, poiché la religione non è l'unica risposta che si può dare. L'articolo stesso è esplicito a riguardo:

    Resurgens
    Quale più bel senso che riconoscersi ''re-legati'' all'Universo o al suo Creatore?
    Ultima modifica di Strapaesano; 26-03-12 alle 18:13
    "Non posso lasciarti né obliarti: / il mondo perderebbe i colori / ammutolirebbero per sempre nel buio della notte / le canzoni pazze, le favole pazze". (V. Solov'ev)

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Degli scienziati parlano di Dio
    Di Timoteo nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 12-09-11, 23:15
  2. UAAR: Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti
    Di oggettivista nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-05-09, 16:32
  3. Manifesto degli scienziati antirazzisti
    Di bsiviglia nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 27-11-08, 17:30
  4. UAAR - Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti
    Di Ricky-PdCI nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 05-11-06, 19:51
  5. Il Rosario degli scienziati
    Di Glorfindel nel forum Cattolici
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-10-05, 13:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •