User Tag List

Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 87
  1. #1
    La Vengeance
    Data Registrazione
    18 Dec 2009
    Messaggi
    19,003
     Likes dati
    10,350
     Like avuti
    8,908
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Eppure io sono sicuro che...

    ...torneremo là dove eravamo prima di nascere.
    Arricchiti di una più elevata consapevolezza.
    S. Agostino, uno dei padri della Chiesa, nella Città di Dio, scrive che eravamo tutti presenti al momento della Creazione ed abbiamo gioito quando il Creatore ci ha mostrato il Progetto.
    Lui ha pensato ad ognuno di noi.
    Ultima modifica di Edmond Dantés; 20-03-12 alle 18:07
    "Due cose hanno soddisfatto la mia mente con nuova e crescente ammirazione e soggezione e hanno occupato persistentemente il mio pensiero: il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me" (Immanuel Kant)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Laicista
    Data Registrazione
    08 May 2010
    Messaggi
    1,208
     Likes dati
    90
     Like avuti
    106
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da Edmond Dantés Visualizza Messaggio
    ...torneremo là dove eravamo prima di nascere.
    Anch'io! Senza tutto il resto però (che non ho appunto quotato).
    "Torneremo là" ovviamente in senso metaforico, ovvero ritorneremo nella condizione di non esistenza precedente alla nascita.

  3. #3
    La Vengeance
    Data Registrazione
    18 Dec 2009
    Messaggi
    19,003
     Likes dati
    10,350
     Like avuti
    8,908
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da Ludwig Feuerbach Visualizza Messaggio
    Anch'io! Senza tutto il resto però (che non ho appunto quotato).
    "Torneremo là" ovviamente in senso metaforico, ovvero ritorneremo nella condizione di non esistenza precedente alla nascita.
    Ma neanche per nulla!
    La consapevolezza rimane. Noi siamo immortali. Passeremo da questa ad altra esistenza.
    La morte è una porta. Null'altro che una porta. Ella ci consente di accedere nei Campi del Signore per continuare il nostro cammino.
    "Due cose hanno soddisfatto la mia mente con nuova e crescente ammirazione e soggezione e hanno occupato persistentemente il mio pensiero: il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me" (Immanuel Kant)

  4. #4
    Laicista
    Data Registrazione
    08 May 2010
    Messaggi
    1,208
     Likes dati
    90
     Like avuti
    106
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da Edmond Dantés Visualizza Messaggio
    Ma neanche per nulla!
    La consapevolezza rimane. Noi siamo immortali. Passeremo da questa ad altra esistenza.
    La morte è una porta. Null'altro che una porta. Ella ci consente di accedere nei Campi del Signore per continuare il nostro cammino.
    Ti rispondo con le parole di Steven Pinker, neuroscienziato:

    L'ipotesi dell'aldilà afferma che la coscienza continua ad esistere dopo la morte. E perché mai la scienza non dovrebbe poter dire nulla in proposito? Risulta che la scienza ha molto da dire in proposito. Oggi sappiamo, dagli studi sulla mente, che la coscienza (cioè la capacità di provare emozioni soggettive) è il prodotto dello scambio di informazione tra i neuroni del cervello. C'è una quantità schiacciante di evidenza che lo dimostra. Ne elenco una parte. Se assumi delle sostanze particolari, puoi alterare il tuo stato di coscienza. Addirittura, se connetti degli elettrodi a parti precise del cervello, lo scienziato può indurre in te delle emozioni ben precise, come l'ilarità. (Il paziente, che è sveglio, si dichiara genuinamente divertito.) Può persino annullare la tua coscienza con la manipolazione giusta sul tuo cervello (ad es. con un anestetico).

    La cosa importante, comunque, è che le emozioni (la coscienza) sono il prodotto della computazione effettuata dal cervello. Infatti, cosa fanno gli elettrodi ai neuroni? Un neurone non è altro che un piccolo computer analogico, che calcola una funzione matematica piuttosto semplice. E gli elettrodi non fanno altro che alterare il pattern di segnali elettrochimici con cui i neuroni comunicano. Cioè, in altre parole, alterano la computazione effettuata dai neuroni. E, come risultato, inducono delle emozioni soggettive. Tra le due cose (computazione ed emozione) c'è un nesso di causa ed effetto. E questo è oggi fuor di dubbio tanto quanto la teoria dell'evoluzione.

    Tutto ciò è evidenza fortissima contro l'ipotesi del paradiso o ogni forma di aldilà. Perché? Semplicemente, poiché la coscienza è il prodotto della computazione, basta fare due più due e dedurre, con enorme grado di probabilità, che senza computazione non può esistere coscienza. Quando sei morto, non avendo tu un cervello che possa effettuare una computazione, non puoi avere coscienza.

    Quindi l'ipotesi dell'aldilà è resa enormemente improbabile dalla scienza. Il che demolisce la tua affermazione iniziale, che l'ipotesi dell'aldilà sia in linea di principio inattaccabile dalla scienza.
    Ultima modifica di Ludwig Feuerbach; 20-03-12 alle 18:39

  5. #5
    Italiano Tradizionalista
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Messaggi
    1,274
     Likes dati
    497
     Like avuti
    311
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    La scienza ha i suoi principi, la fede a sua volta ha i suoi, e da sempre un punto d'incontro non si è mai trovato e mai si troverà. Io ho fede, quindi credo alla vita eterna; chi non ha fede non ci crederà mai. Penso sia inutile e noioso continuare a fare questi discorsi, non trovate? Tanto come sempre ognuno sosterrà la sua posizione, e si finirà per discutere all'infinito senza alcun risultato.
    "I sogni sono i nostri violini segreti"
    "Si j'avance, suivez moi. Si je recule, tuez moi. Si je meurs, vengez moi!"

  6. #6
    La Vengeance
    Data Registrazione
    18 Dec 2009
    Messaggi
    19,003
     Likes dati
    10,350
     Like avuti
    8,908
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da Ludwig Feuerbach Visualizza Messaggio
    Ti rispondo con le parole di Steven Pinker, neuroscienziato:

    L'ipotesi dell'aldilà afferma che la coscienza continua ad esistere dopo la morte. E perché mai la scienza non dovrebbe poter dire nulla in proposito? Risulta che la scienza ha molto da dire in proposito. Oggi sappiamo, dagli studi sulla mente, che la coscienza (cioè la capacità di provare emozioni soggettive) è il prodotto dello scambio di informazione tra i neuroni del cervello. C'è una quantità schiacciante di evidenza che lo dimostra. Ne elenco una parte. Se assumi delle sostanze particolari, puoi alterare il tuo stato di coscienza. Addirittura, se connetti degli elettrodi a parti precise del cervello, lo scienziato può indurre in te delle emozioni ben precise, come l'ilarità. (Il paziente, che è sveglio, si dichiara genuinamente divertito.) Può persino annullare la tua coscienza con la manipolazione giusta sul tuo cervello (ad es. con un anestetico).

    La cosa importante, comunque, è che le emozioni (la coscienza) sono il prodotto della computazione effettuata dal cervello. Infatti, cosa fanno gli elettrodi ai neuroni? Un neurone non è altro che un piccolo computer analogico, che calcola una funzione matematica piuttosto semplice. E gli elettrodi non fanno altro che alterare il pattern di segnali elettrochimici con cui i neuroni comunicano. Cioè, in altre parole, alterano la computazione effettuata dai neuroni. E, come risultato, inducono delle emozioni soggettive. Tra le due cose (computazione ed emozione) c'è un nesso di causa ed effetto. E questo è oggi fuor di dubbio tanto quanto la teoria dell'evoluzione.

    Tutto ciò è evidenza fortissima contro l'ipotesi del paradiso o ogni forma di aldilà. Perché? Semplicemente, poiché la coscienza è il prodotto della computazione, basta fare due più due e dedurre, con enorme grado di probabilità, che senza computazione non può esistere coscienza. Quando sei morto, non avendo tu un cervello che possa effettuare una computazione, non puoi avere coscienza.

    Quindi l'ipotesi dell'aldilà è resa enormemente improbabile dalla scienza. Il che demolisce la tua affermazione iniziale, che l'ipotesi dell'aldilà sia in linea di principio inattaccabile dalla scienza.
    Allora la scienza, che tutto sa, dovrebbe rispondere a questa domanda.
    Quale è lo scopo di questo gioco?
    "Due cose hanno soddisfatto la mia mente con nuova e crescente ammirazione e soggezione e hanno occupato persistentemente il mio pensiero: il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me" (Immanuel Kant)

  7. #7
    La Vengeance
    Data Registrazione
    18 Dec 2009
    Messaggi
    19,003
     Likes dati
    10,350
     Like avuti
    8,908
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da NicolòBobadilla Visualizza Messaggio
    La scienza ha i suoi principi, la fede a sua volta ha i suoi, e da sempre un punto d'incontro non si è mai trovato e mai si troverà. Io ho fede, quindi credo alla vita eterna; chi non ha fede non ci crederà mai. Penso sia inutile e noioso continuare a fare questi discorsi, non trovate? Tanto come sempre ognuno sosterrà la sua posizione, e si finirà per discutere all'infinito senza alcun risultato.
    Non sono d'accordo.
    Ogni dibattito accompagnato dalla ragionevole contrapposizione, dalla intrigante dialettica, dal sano contraddittorio, arricchisce.
    Ergo, trovo utile comprendere le ragioni della scienza anche se queste non scalfiscono di un solo etto il mio robusto convincimento.
    Mediante l'ermeneutica riusciamo a reperire il fondamento delle nostre argomentazioni, che, vieppiù sono confortate dalla testimonianza non solo della Fede, ma dalla realtà di tutti i giorni.
    La Vita dopo la Morte

    Questi video dovrebbero essere visti tutti.
    Questo è il primo di sei. Gli altri li troverete tutti nella pagina di youtube sul lato destro.
    La Vita oltre la Vita - 1/6 - Esperienze fuori dal corpo - Esperienze di premorte, Anima, Coscienza. - YouTube
    "Due cose hanno soddisfatto la mia mente con nuova e crescente ammirazione e soggezione e hanno occupato persistentemente il mio pensiero: il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me" (Immanuel Kant)

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    661
     Likes dati
    23
     Like avuti
    51
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da Edmond Dantés Visualizza Messaggio
    Non sono d'accordo.
    Ogni dibattito accompagnato dalla ragionevole contrapposizione, dalla intrigante dialettica, dal sano contraddittorio, arricchisce.
    Ergo, trovo utile comprendere le ragioni della scienza anche se queste non scalfiscono di un solo etto il mio robusto convincimento.
    Mediante l'ermeneutica riusciamo a reperire il fondamento delle nostre argomentazioni, che, vieppiù sono confortate dalla testimonianza non solo della Fede, ma dalla realtà di tutti i giorni.
    La Vita dopo la Morte

    Questi video dovrebbero essere visti tutti.
    Questo è il primo di sei. Gli altri li troverete tutti nella pagina di youtube sul lato destro.
    La Vita oltre la Vita - 1/6 - Esperienze fuori dal corpo - Esperienze di premorte, Anima, Coscienza. - YouTube
    Peccato che la scienza, almeno quella comunemente nota come tale, nulla può dire della vita dopo la morte perché si tratta di un argomento metafisico, al di fuori del suo ambito di interesse. Tutt'al più può parlarne la scienza occulta, o la parapsicologia.

    Resurgens
    Dei due tipi di idealismo, quello teologico merita rispetto per i risultati ottenuti, quello razionalistico per le sue intenzioni - H. P. Lovecraft

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Dec 2010
    Messaggi
    19,541
     Likes dati
    603
     Like avuti
    6,037
    Mentioned
    230 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da Edmond Dantés Visualizza Messaggio
    Allora la scienza, che tutto sa, dovrebbe rispondere a questa domanda.
    Quale è lo scopo di questo gioco?
    Ma la domanda vera è perchè ci deve essere necessariamente uno scopo

  10. #10
    Sub tuum praesidium
    Data Registrazione
    21 Jun 2009
    Località
    Patria del Friuli nel nordest venetico
    Messaggi
    622
     Likes dati
    56
     Like avuti
    16
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Eppure io sono sicuro che...

    Citazione Originariamente Scritto da Ludwig Feuerbach Visualizza Messaggio
    Ti rispondo con le parole di Steven Pinker, neuroscienziato:

    L'ipotesi dell'aldilà afferma che la coscienza continua ad esistere dopo la morte. E perché mai la scienza non dovrebbe poter dire nulla in proposito? Risulta che la scienza ha molto da dire in proposito. Oggi sappiamo, dagli studi sulla mente, che la coscienza (cioè la capacità di provare emozioni soggettive) è il prodotto dello scambio di informazione tra i neuroni del cervello. C'è una quantità schiacciante di evidenza che lo dimostra. Ne elenco una parte. Se assumi delle sostanze particolari, puoi alterare il tuo stato di coscienza. Addirittura, se connetti degli elettrodi a parti precise del cervello, lo scienziato può indurre in te delle emozioni ben precise, come l'ilarità. (Il paziente, che è sveglio, si dichiara genuinamente divertito.) Può persino annullare la tua coscienza con la manipolazione giusta sul tuo cervello (ad es. con un anestetico).

    La cosa importante, comunque, è che le emozioni (la coscienza) sono il prodotto della computazione effettuata dal cervello. Infatti, cosa fanno gli elettrodi ai neuroni? Un neurone non è altro che un piccolo computer analogico, che calcola una funzione matematica piuttosto semplice. E gli elettrodi non fanno altro che alterare il pattern di segnali elettrochimici con cui i neuroni comunicano. Cioè, in altre parole, alterano la computazione effettuata dai neuroni. E, come risultato, inducono delle emozioni soggettive. Tra le due cose (computazione ed emozione) c'è un nesso di causa ed effetto. E questo è oggi fuor di dubbio tanto quanto la teoria dell'evoluzione.

    Tutto ciò è evidenza fortissima contro l'ipotesi del paradiso o ogni forma di aldilà. Perché? Semplicemente, poiché la coscienza è il prodotto della computazione, basta fare due più due e dedurre, con enorme grado di probabilità, che senza computazione non può esistere coscienza. Quando sei morto, non avendo tu un cervello che possa effettuare una computazione, non puoi avere coscienza.

    Quindi l'ipotesi dell'aldilà è resa enormemente improbabile dalla scienza. Il che demolisce la tua affermazione iniziale, che l'ipotesi dell'aldilà sia in linea di principio inattaccabile dalla scienza.
    C'è indubbiamente dell'ignoranza in tutto questo.

 

 
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Sono sicuro: prima o poi ci ribelleremo
    Di grandpa nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 19-05-09, 11:17
  2. Io sono sicuro che romano...
    Di grandpa nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-05-08, 15:13
  3. Ora Ne Sono Sicuro...siamo Tutti Fratelli....
    Di giovanni.fgf nel forum Padania!
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 22-04-07, 22:13
  4. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 18-01-06, 21:04
  5. loro sono al sicuro...
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-02-04, 12:01

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •