User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Ritorno a Strapaese
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    4,767
     Likes dati
    0
     Like avuti
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito TEOLOGIA E METAFISICA - Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    SILVANO PANUNZIO

    SILVANO PANUNZIO, CIVIS CATHOLICUS DELLA ROMA ETERNA

    RISCOSSA CRISTIANA - aggiornamenti e news: SILVANO PANUNZIO, CIVIS CATHOLICUS DELLA ROMA ETERNA


    di Primo Siena




    Silvano Panunzio, nato a Ferrara il 16 maggio 1919, si considerò sempre “civis catholicus” di Roma, l’Urbs Aeterna. Dalla ariostea città degli Estensi – come ricordava anni fa il senese Rodolfo Gordini, suo sagace allievo – egli trasse “un’anima epica e giocosa ed un’anima severa ed ispirata, savanorolina, ma della Città eterna dove visse dopo la prima infanzia per quasi tutta la vita, tranne alcune forzate parentisi (compresa quella del suo ultimo scorcio esistenziale), si sentì “civis romanus” d’anima e di cuore, identificando l’universalità di Roma con la sua fede di cristiano cattolico vissuta nella prospettiva giovannea del Vangelo Eterno. E nella sua Roma eterna sono ritornate le sue spoglie terrene il 12 giugno dell’anno del Signore 2010, mentre il suo spirito si librava nella seconda nascita.

    Figlio del celebre giurista, filosofo e uomo politico Sergio Panunzio (1886-1944), Silvano trasse dal padre l’interesse per la filosofia classica, avviandosi sui 15 anni allo studio della metafisica occidentale e del pensiero dell’India. Matura fin da giovane la sua fede cristiana sui testi della mistica speculativa (da Bonaventura a Padre Pio da Pietralcina, passando per Pascal). Intorno ai 30 anni si dedica allo studio dell’ebraico biblico sotto il magistero personale di Eugenio Zolli (giá Rabbino-capo della comunità ebraica di Roma, convertitosi al cristianesimo) e completa la sua preparazione intellettuale e spirituale mercé l’incontro a 40 anni con Padre Agostino Zanoni, Priore dell’imperiale Abbazia di Farfa, definito dal cardinale Schuster “ieromonaco uscito dalle fiamme roventi del Medioevo”.

    Il suo pensiero, ora raccolto nei volumi della “Dottrina dello Spirito” (di cui é riuscito a completare l’ultimo volume proprio alla vigilia della suo decesso) si snoda lungo l’itinerario di quattro riviste italiane: Pagine Libere a Roma; L’Ultima a Firenze; Carattere a Verona; Spiritualitá e Letteratura di Palermo fondata dal poeta Giulio Palumbo e, dopo l’immatura morte di costui, da Tommaso Romano; Metapolitica a Roma; quest’ultima da lui stesso voluta e fondata come “rivista del regno universale” ha marcato per oltre un quarantennio la fase più creativa e completa della sua feconda e combattiva esistenza (ufficiale della Marina militare, aveva altresì combattuto nella seconda guerra mondiale meritandosi la decorazione dell’Ordine di San Maurizio e Lazzaro).

    Egli collaboró altresi a riviste europee di notevole valore culturale: Kairos di Salisburgo, di cui fece parte del comitato scientifico assieme a Eliade, Burckhardt, Vereno, Danielou, Pannikar); Zeitschrift für Ganzheits-Foschung (Rivista per la ricerca della totalità) di Vienna fondata dal platonico Walter Heinrich; Cielo y Tierra di Barcellona, “rivista di antropologia, metafisica, simbolismo” diretta da Daniel Bonet.

    Nella seconda metá degli anni cinquanta, Silvano Panunzio raccolse attorno a sé un nutrito gruppo di giovani distribuiti tra Roma, Firenze, Verona, Torino, Alghero costituendo con essi (25 ottobre 1959) l’Alleanza Tradizionale Michele Arcangelo (Atma), ribattezzata significativamente in Alleanza Trascendente Michele Arcangelo e che sotto la sua costante ispirazione ed il suo vigile patrocinio cementó nel tempo una fraternitá michelita che nel proposito di sviluppare una dimensione sacrale e simbolica nella sfera del sapere e nel quotidiano esercizio di vita, trascendeva i suoi stessi oscuri ed umili iniziatori .

    Le iniziative di Silvano, ma soprattutto l’originalità del suo pensiero speculativo, attrassero tra gli anni Sessanta e Novanta alla rivista Metapolitica e all’ Atma personalità di forte caratura culturale e religiosa, tra i quali: Giuseppe Palomba, originale economista, docente emerito dell’Ateneo di Napoli; Raimondo Panikkar, sacerdote gesuita, docente all’Università americana di Santa Barbara; Mathias Vereno, direttore della rivista Kairos, sagace cultore di studi sul simbolismo cristiano nell’ottica della simbologia universale; il romanziere e saggista ispano-rumeno Vintila Horia; Emilio Servadio, uno dei maggiori studiosi di psicanalisi e paraspicologia; il dominicano Padre Giacinto Scaltriti, filosofo tomista dotato di ardente mistica savanaroliana; Johannes Maria Michael Dlustusch, sacerdote salesiano d’origine ungherese (missionario tre volte scampato a mortali persecuzoni in Europa ed America), nutrito di chiaroveggente sapienza dedicata a meditazioni escatologiche di supremo interesse; il bretone Emile Folange studioso di tradizioni religiose d’oriente e d’occidente; il poeta francese Pierre Pascal, robusto scrittore di filiazione maurassiana; il docente portoghese João B. Chorao, coordinatore dell’Enciclopedia Luso-brasiliana di filosofia.

    Chi scrive, ebbe il suo primo scambio epistolare con Silvano Panunzio il 10 novembre del 1957, culminato quindi in un memorabile incontro personale svoltosi una sera d’agosto del 1958 quando, incontrandolo nella simbolica piazza del Campidoglio in Roma, sotto la tutela severa della statua equestre di Marco Aurelio, egli aprendomi gli orizzonti suggestivi della metapolitica, mi incitava a percorrerne gli erti sentieri. Sotto la sua guida appresi a conoscere la differenza tra sociologia antropologica e sociologia tradizionale d’indirizzo spirituale, definita giustamente da Luigi Sturzo: sociologia del soprannaturale o della vera vita. Da Panunzio appresi che la conoscenza vera si attinge attraverso un processo interiore, dove la centralità e circolarità dell’intuizione chiarisce ed illumina la linearità e perimetralità della ragione.

    Sotto il suo magistero si venne configurando in me una visione critica nutrita, in prospettiva metapolitica, dei tempi moderni plagiati da una serie di ambiguità que vanificano ogni principio di trascendenza. Da tali ambiguità si puó evadere di colpo ricorrendo all’originale formulazione panunziana per cui la metapolitica é l’espressione in atto della metafisica quale scienza dei principi primi, dell’escatologia quale scienza dei fini ultimi e della politica, scienza ed arte dei mezzi mediante i quali si articola e istituzionalizza la società umana. Risulta quì d’evidenza immediata che la metapolitica panunziana differisce radicalmente dalla metapolitica spuria, rimessa oggi in voga e che si limita ad essere un momento di mero contropotere culturale inteso a sostituire la cultura dominante quale strumento di potere. E, in parallelo, appare evidente come la metapolitica panunziana presupponga invece una netta trascendenza dalla politica intesa quale mera “cronologia politica”, poichè tale metapolitica solleva la politica stessa dalla sfera sensibile (e talora infera) della Civitas hominum, per sublimarla in quella sovrasensibile e spirituale del Regnum Dei.

    Silvano Panunzio ha sviluppato così, in una svettante architettura verticale una intuizione del padre Sergio; il quale nei lontani anni quaranta del Secolo Ventesimo aveva intravisto nella verace metapolitica la culminazione di un disegno politico che all’insegna della “conservazione rivoluzionaria” costituiva la rettificazione sacrale e romana della “rivoluzione conservatrice” di matrice teutonica, dove il senso del sacro restava purtroppo oscurato o addirittura capopvolto.

    La metapolitica - come l’ha configurata, insegnata e vissuta Silvano Panunzio nel corso della sua vita magistrale - recupera così la nobiltà della politica stessa in una rinnovata missione pro aris et focis, riponendo nella giusta collocazione il senso religioso della vita, laddove la cinica modernità dei tempi nostri lo ha spodestato.

    Come giustamente scrisse in occasione del suo ottantesimo compleanno, Aldo La Fata – l’ultimo dei giovani discepoli più fedeli – non si puó non essere profondamente grati e rinoscenti a Silvano Panunzio, per tutto questo e per molto altro ancora. Riconoscenti soprattutto per aver Egli educato all’umanità di Gesú, il Cristo; aver educato alla “divinità di Gesù”, averci “condotto, da vero apostolo dei tempi ultimi, fin quasi alle soglie del Mistero del Verbo Eterno e della Sua più grande e definitiva Epifania”.





    Bibliografia essenziale di Silvano Panunzio:


    Collana “Dottrina dello Spirito”:

    *Contemplazione e Simbolo , “Summa iniziatica orientale-occidentale”. 2 voll. Roma 1975

    *Metapolitica , “La Roma Eterna e la Nuova Gerusalemme”. 2 voll. Roma 1979.

    *Cristianesimo giovanneo, “Luci di ierosofia”. Siena 1989.

    * Il simbolismo di Rita; “disegno inedito della mistica rosa di Roccaporena”. Palermo 1993.

    *La Conservazione Rivoluzionaria, “Dal dramma politico del Novecento alla svolta metapoltica del Duemila”. Catania 1996.

    *Cavalleria terrestre e celeste di S.Antonio taumaturgo, e altri scritti francescani. Siena 1977.

    *Matilde, “Vita, morte e trasfigurazione di una sposa cristiana”. Siena 1977.

    *Terra e Cielo, “Dal nostro mondo ai mondi superiori”. Siena 2002.

    *Vicinissimo a Dio, “Summa sanctitatis”. Siena 2004.

    *Metafisica del Vangelo Eterno. Roma 2007

    *Cielo e Terra, “Poesia, simbolismo e sapienza nel Poema Sacro”. Roma 2009.

    *La coralità celeste superdivina. Roma 2010.

    Fuori collana:

    *Temi escatologici e discorsi monastici (Abbazia di S.Giovanni Evangelista, Parma 1975-1985.

    *Il gioannismo di S.Caterina da Siena e il vero volto di Giovanni. (Quaderni Cateriniani. N.56-57). Siena 1990.

    *Solo nel mistero di Dio. Sinossi ascetico-mistica da tutti gli scritti del Padre Pio (“I Classici Cristiani”), Siena 1992.

    *Alleanza Trascendente Michele Arcangelo,”ATMA. Principi, storia ed esegesi breve” (Nel cinquantenaio della costituzione). Roma 2007.

    *Canti Lirici (Stelle, Raggi di Sole, Tra Mare e Cielo , Ultimo Quarto). Composizione artistica, Fasano 2007.

    *Metapolitica, Nuovi Cieli e Nuova Terra. Rivista intercontinentale (1976-2009).


    Libro su Silvano Panunzio:

    *AA.VV. Testimone dell’Assoluto. “L’itinerario umano e intellettuale di Silvano Panunzio”. (Esegesi di 12 scrittori italiani, in occasione del suo 80.mo compleanno). Siena 1988.
    Ultima modifica di emv; 02-06-20 alle 15:55 Motivo: Rititolazione a scopo classificazione argomenti
    "Non posso lasciarti né obliarti: / il mondo perderebbe i colori / ammutolirebbero per sempre nel buio della notte / le canzoni pazze, le favole pazze". (V. Solov'ev)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    X
    Data Registrazione
    03 Jul 2017
    Località
    __ -o0o- __
    Messaggi
    295
     Likes dati
    54
     Like avuti
    120
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    Vorrei conoscere l'opinione di @primahyadum
    Schiavo degli invisibili

  3. #3
    Cancellato/a
    Data Registrazione
    07 Mar 2010
    Messaggi
    2,502
     Likes dati
    1
     Like avuti
    95
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    Citazione Originariamente Scritto da Cirill*tto Visualizza Messaggio
    Vorrei conoscere l'opinione di @primahyadum
    Lasciala perde quella...Silvano Panunzio ha qualche errore ma la sua singolarità sul Cristo è uno studio interessantissimo

  4. #4
    Papessa
    Data Registrazione
    11 May 2009
    Messaggi
    12,692
     Likes dati
    38
     Like avuti
    1,588
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    Citazione Originariamente Scritto da Cirill*tto Visualizza Messaggio
    Vorrei conoscere l'opinione di @primahyadum
    Non so nulla di Panunzio e sinceramente non me ne frega nulla.
    "Così penseremo di questo mondo fluttuante: una stella all'alba; una bolla in un flusso; la luce di un lampo in una nube d'estate; una lampada tremula, un fantasma ed un sogno:"
    (Sutra di diamante)

  5. #5
    X
    Data Registrazione
    03 Jul 2017
    Località
    __ -o0o- __
    Messaggi
    295
     Likes dati
    54
     Like avuti
    120
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    Citazione Originariamente Scritto da primahyadum Visualizza Messaggio
    Non so nulla di Panunzio e sinceramente non me ne frega nulla.
    Avrei detto fosse un autore in qualche misura nelle tue corde.. ..
    Nell'articolo non se ne parla, ma fu anche cultore di astrologia.
    Schiavo degli invisibili

  6. #6
    תִּֿרְצָח אֱלוֹהִים המלחמ
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Europeo - Pianeta Terra
    Messaggi
    12,142
     Likes dati
    976
     Like avuti
    1,309
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    178

    Predefinito Re: Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    Citazione Originariamente Scritto da Strapaesano Visualizza Messaggio
    .
    un pensatore tradizionalista cristiano
    Che deriva dal tradizionalismo ebraico-israelitico: Bisognerebbe chiamarlo tradizionalismo (o conservatorismo) dell'ebraismo cristiano, visto che non esiste alcun cristianesimo (e derivati) che non sia connesso all'ebraismo israelitico.

  7. #7
    Cancellato/a
    Data Registrazione
    07 Mar 2010
    Messaggi
    2,502
     Likes dati
    1
     Like avuti
    95
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio
    Che deriva dal tradizionalismo ebraico-israelitico: Bisognerebbe chiamarlo tradizionalismo (o conservatorismo) dell'ebraismo cristiano, visto che non esiste alcun cristianesimo (e derivati) che non sia connesso all'ebraismo israelitico.
    Il tradizionalismo è oltre la dicotomia conservatori/progressisti rigoristi/liberalisti. Il cristianesimo E' l'ebraismo e quel che si chiama ebraismo non è. <Dopo tutto questo rimane solo un : "e quindi?"

  8. #8
    Cancellato/a
    Data Registrazione
    07 Mar 2010
    Messaggi
    2,502
     Likes dati
    1
     Like avuti
    95
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Silvano Panunzio: un pensatore tradizionalista cristiano

    Corrieremetapolitico.blogspot.com

 

 

Discussioni Simili

  1. Silvano Panunzio
    Di Colonna nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-07-10, 14:16
  2. Costanzo Preve un pensatore scomodo?
    Di Muntzer nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-06-10, 14:17
  3. Panunzio, Gerarchia n.4 aprile 1936,anno XIV E.F.
    Di ventimaggio34 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-10-08, 15:51
  4. Anarca-libero pensatore
    Di Mariox nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 18-04-08, 19:01
  5. Il maggiore pensatore russo
    Di Bardamu (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-01-07, 19:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •