User Tag List

Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 81
  1. #1
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
     Likes dati
    4,698
     Like avuti
    3,817
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard


    ROUBINI, L’ECONOMISTA DEPRESSO




    DI MATTEO CORSINI

    “Il ritorno al Gold Standard causò la Grande Depressione. Adesso alcuni dementi vogliono il Gold Standard 2.0 per portarci nella Grande Depressione 2.0.” (N. Roubini)

    Considero Nouriel Roubini uno dei più sopravvalutati economisti in circolazione da molto tempo prima di aver letto questa stupidaggine.

    D’altro canto, quando la gran parte della stampa finanziaria e dei think tank che ancora non hanno capito (o fingono di non aver capito) le reali cause della crisi iniziata nel 2007 osannano un economista, mi pare lecito avere dubbi sulle capacità di costui.

    Di Roubini si dice che abbia previsto la crisi, perché nel 2006 segnalava che sul mercato immobiliare statunitense si era formata una grande bolla.

    Non voglio certo negarlo, ma non corrisponde al vero, come spesso capita di sentire, che non se ne fosse accorto nessuno tranne lui. Tutti gli economisti di scuola austriaca segnalavano lo stesso problema (basta consultare, per esempio, l’archivio di mises.org), ma costoro non hanno avuto la stessa cassa di risonanza di cui ha beneficiato Roubini.

    Quello che, a mio parere, è di fondamentale importanza, è che individuare una bolla prima che sia scoppiata rischia di essere poco utile se non si individuano altrettanto chiaramente le cause della sua formazione.

    Ovviamente questa considerazione vale a maggior ragione quando si tratta di decidere cosa fare una volta che la bolla è scoppiata.

    Credo, allora, che per valutare con maggiore equilibrio il contributo di Roubini sia necessario rispondere a un paio di domande:

    1) Ha individuato le cause della formazione delle bolle?

    2) Ha indicato soluzioni efficaci per il periodo successivo lo scoppio delle bolle e per evitare una loro ricorrente formazione?

    A mio parere entrambe le domande hanno questa risposta: no.

    Quando non si lascia prendere dalla foga di pontificare su tutto lo scibile umano (chiaramente smettendo i panni dell’economista, anche se lo definiscono tale pure in quelle circostanze), Roubini propone “ricette” per uscire dalla crisi che rappresentano una sorta di macedonia delle principali teorie mainstream, pescando un po’ di qua e un po’ di là a seconda dei momenti. Per chi ne tesse le lodi questo è indice di grande flessibilità di pensiero e di pragmatismo, ma a me pare, piuttosto, una sorta di cerchiobottismo applicato all’economia.

    In ogni caso, si tratta di soluzioni ad alto tassi di dirigismo statalista (i cui ingredienti essenziali sono la stampa di denaro e nuovi poteri alle banche centrali e alle altre authorities in questo o quel settore, in particolare quello finanziario). Ma questo tipo di soluzione può essere auspicato solo se non si sono ben capite le cause della crisi.

    E il fatto di considerare il Gold Standard responsabile della Grande Depressione, concludendo che un ritorno al Gold Standard provocherebbe un’altra Grande Depressione, non fa che confermare quanto ho appena scritto. Significa che non ci si rende conto che proprio la manipolazione della moneta e l’espansione creditizia causano le bolle. Due fenomeni che, contrariamente a quanto pare sostenere Roubini, sono connessi proprio alla violazione del Gold Standard.

    L’analisi in buona parte condivisa da keynesiani e monetaristi addebita per lo più alla Fed la responsabilità della Grande Depressione, per aver irrigidito la politica monetaria al posto di inondare il mercato di liquidità alle prime avvisaglie di crisi. Sembra che costoro non abbiano alcun interesse ad analizzare la condotta della politica monetaria e l’andamento degli aggregati monetari negli anni precedenti la crisi. Eppure ciò renderebbe evidente (come segnala, tra gli altri, Murray Rothbard in “America’s Great Depression”) che fu proprio la violazione del Gold Standard, e non la sua stretta osservanza, a causare l’espansione creditizia e la conseguente formazione della bolla che portò alla crisi.

    Prima di dare dei dementi a chi la pensa diversamente da lui, Roubini dovrebbe spiegare, a mio parere, come mai siamo nella situazione attuale nonostante gli ultimi residui della convertibilità del dollaro in oro siano stati definitivamente aboliti da quarant’anni.

    Ora, è chiaro che un passaggio dall’oggi al domani da un sistema fiat come quello attuale a un Gold Standard puro avrebbe effetti depressivi nell’immediato, ma chi si illude di poter risolvere i problemi in modo indolore (mediante il continuo ricorso all’anestesia inflattiva) dovrebbe spiegare come mai inondando il mercato di denaro non si sia finora giunti a capo di nulla. Anzi.

    In definitiva, dietro alla formula “Gold Standard” ci sarebbe l’uscita dello Stato e delle banche centrali dalla produzione e dal governo della moneta, che dovrebbe tornare a essere un bene scelto da coloro che scambiano beni e prodotto liberamente sul mercato.

    Non mi stupirà mai che gli statalisti siano contrari all’abbandono dei sistemi monetari attualmente in vigore, ma che tanti tra coloro che pure si dicono a favore del libero mercato preferiscano che sia lo Stato a battere moneta resta, per me, deprimente. Perché se lo Stato controlla la moneta, controlla tutto ciò che vuole.



    ROUBINI, L’ECONOMISTA DEPRESSO | Movimento Libertario
    Ultima modifica di John Orr; 25-11-11 alle 10:05
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    14 Oct 2011
    Messaggi
    3,755
     Likes dati
    166
     Like avuti
    810
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Non esiste un sistema monetario che impedisca le crisi. Perché le crisi sono determinate anche dall'"esuberanza irrazionale", dall'inventiva - a volte utile a volte deleteria, dall'avidità - anch'essa a volte utile a volte deleteria.

    Il Gold Standard non ha impedito la crisi del '29. Perché, appunto, l'espansione creditizia si è verifica comunque. Le bolle idem (dei terreni in Florida nel '26, dei mercati azionari, dei consumi con le vendite rateali). I fallimenti della banche lo stesso.

    Non c'è un sistema immune. Il problema è, sempre, governare l'esuberanza.

    C'è poi, un altro problema. Gestire il fallimento quando non si è stati in grado di governare l'esuberanza. Il mondo, sostanzialmente, ha scelto di avere crisi magari più lunghe ma più attenuate.

    Con il Gold Standard si possono avere crisi magari più breve ma violentissime. Una violenza tale che oggi non sarebbe più accettata e sarebbe di difficile gestione, politica e sociale.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    18,718
     Likes dati
    584
     Like avuti
    2,422
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Citazione Originariamente Scritto da roundmidnight Visualizza Messaggio
    Non esiste un sistema monetario che impedisca le crisi. Perché le crisi sono determinate anche dall'"esuberanza irrazionale", dall'inventiva - a volte utile a volte deleteria, dall'avidità - anch'essa a volte utile a volte deleteria.
    Questa è una spiegazione keynesiana, che non dice nulla. Un po' come "se cade un aereo è a causa della forza di gravità" (che pero' esisteva anche quando l'aereo volava). E' per questo che esistono spiegazioni un po' piu' dense di significato

    Citazione Originariamente Scritto da roundmidnight Visualizza Messaggio
    Il Gold Standard non ha impedito la crisi del '29. Perché, appunto, l'espansione creditizia si è verifica comunque. Le bolle idem (dei terreni in Florida nel '26, dei mercati azionari, dei consumi con le vendite rateali). I fallimenti della banche lo stesso.
    Se fosse stato così Roosevelt non avrebbe svaluato il dollaro del 50% e oltre in termini di oro
    Roubini non capendo da cosa è stata generata la crisi non ha ovviamente soluzioni se non continuare con la politica che l'ha generata
    Ultima modifica di Phileas; 25-11-11 alle 16:45

  4. #4
    Mi perdoni?
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    13,976
     Likes dati
    95
     Like avuti
    382
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Citazione Originariamente Scritto da roundmidnight Visualizza Messaggio
    Il Gold Standard non ha impedito la crisi del '29. Perché, appunto, l'espansione creditizia si è verifica comunque.
    L'espansione creditizia si è verificata perché è stato abbandonato il GS.

    Ma tu potresti replicare, ci sono stati degli esuberanti che l'hanno abbandonato.

    Ma chi sono stati questi esuberanti? I governanti.

    Ergo bisogna governare l'esuberanza dei governanti. :giagia:
    Dio scrive dritto anche sulle righe storte degli uomini.

  5. #5
    Mi perdoni?
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    13,976
     Likes dati
    95
     Like avuti
    382
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Citazione Originariamente Scritto da roundmidnight Visualizza Messaggio
    Con il Gold Standard si possono avere crisi magari più breve ma violentissime. Una violenza tale che oggi non sarebbe più accettata e sarebbe di difficile gestione, politica e sociale.
    Esempi storici?
    Dio scrive dritto anche sulle righe storte degli uomini.

  6. #6
    Mi perdoni?
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    13,976
     Likes dati
    95
     Like avuti
    382
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Dio scrive dritto anche sulle righe storte degli uomini.

  7. #7
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
     Likes dati
    4,698
     Like avuti
    3,817
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Citazione Originariamente Scritto da eq... Visualizza Messaggio
    Si, Rothbard. La mia icona.

    :giagia:
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  8. #8
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Lussemburgo
    Messaggi
    29,915
     Likes dati
    4,725
     Like avuti
    5,049
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    con Roubini ho avuto qualche scambio di frecciatine su twitter, ce l'ha a morte con il gold standard, quasi un'ossessione..
    ha anche postato un grafico taroccato alcuni mesi fa per "dimostrare" che l'oro stava crollando..
    La verità produce effetti anche quando non può essere pronunciata.

    L. von Mises

    SILENDO LIBERTATEM SERVO

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    14 Oct 2011
    Messaggi
    3,755
     Likes dati
    166
     Like avuti
    810
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Citazione Originariamente Scritto da eq... Visualizza Messaggio
    L'espansione creditizia si è verificata perché è stato abbandonato il GS.

    Ma tu potresti replicare, ci sono stati degli esuberanti che l'hanno abbandonato.

    Ma chi sono stati questi esuberanti? I governanti.

    Ergo bisogna governare l'esuberanza dei governanti. :giagia:
    L'espansione creditizia si era verifica durante il GS. C'era stata la bolla immobiliare in Florida nel '26. Negli anni '20 molte, molte, banche erano fallite pur essendo assolutamente indipendenti. Il mercato azionario aveva quotazioni assurde. Tutto questo con il GS.

    Perché, ripeto, la storia del mondo è fatta di leveraging e deleveraging. Però, forse non è ben chiaro cos'è stato il '29. Si parlava veramente di miseria assoluta.

    Niente a che vedere con oggi e con gli attuali strumenti di politica economica. Oggi, il deleveraging viene pilotato. Viene ammorbidito, smussato...

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    14 Oct 2011
    Messaggi
    3,755
     Likes dati
    166
     Like avuti
    810
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Roubini, l'economista depresso non vuole il Gold Standard

    Citazione Originariamente Scritto da eq... Visualizza Messaggio
    Esempi storici?
    Quanti ne vuoi. Appena avrò un po' di tempo libero, lo farò...

 

 
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-08-12, 09:18
  2. Weimar o gold standard?
    Di Cristo nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-11-11, 21:39
  3. Gold Standard ?
    Di Perseo nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 23-01-11, 23:01
  4. Ridateci il Gold Standard
    Di Jefferson nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-08-07, 17:48
  5. Torniamo al Gold Standard
    Di John Galt nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 09-03-07, 15:40

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •